Domenica 29 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Joy PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Luca Orsatti   
domenica 10 gennaio 2016

Titolo: Joy
Titolo originale: Joy
USA 2015 Regia di: David O. Russell Genere: Drammatico Durata: 104'
Interpreti: Jennifer Lawrence, Bradley Cooper, Robert De Niro, Elisabeth Röhm, Dascha Polanco, Virginia Madsen, Edgar Ramirez, Isabella Rossellini, Diane Ladd, Jimmy Jean-Louis
Sito web ufficiale: www.foxmovies.com/movies/joy
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 28/01/2016
Voto: 5
Recensione di: Luca Orsatti
L'aggettivo ideale: Pasticciato
Scarica il Pressbook del film
Joy su Facebook

joy_leggero.pngMettiamola così: Joy è un film di David O. Russell in tutto e per tutto. Famiglie disagiate e figlie del loro tempo (in questo caso i late 80s e early 90s, dominati dalla tv che trasmette improbabili telenovelas), un andamento nervoso perché ormai è quella la cifra del regista, una interpretazione centrale che urla ‘nomination all’Oscar’.
La poetica d’autore è riconoscibile e salva, per chi se lo stesse chiedendo.
Il regista stesso pare ormai ossessionato seriamente nel voler raccontare storie americane radicate in un determinato periodo: sarebbe interessante vedere come se la cava adesso con una storia ‘contemporanea’ alla Il Lato Positivo. Ma stiamo andando oltre Joy.

Il fatto è che è lo stesso O. Russell sembra voler portare pubblico e critica a fare certi ragionamenti. Altrimenti perché avrebbe trasformato Joy in una favola che ha il sapore di una sempreverde parabola americana? Più che American Hustle, è paradossalmente The Fighter che ‘parla’ direttamente con Joy: il Sogno Americano è lì. Entrambi vogliono parlare all’America di oggi, in fondo.
Joy è a tutti gli effetti una storia esemplare, in cui non può sfuggire a nessuno il fatto che l’eroe di turno è una donna. Madre di famiglia, separata dal marito con cui ha comunque ottimi rapporti (stanno meglio assieme oggi che ieri), grande lavoratrice, energica: è così che David O. Russell vede Joy Mangano, la vera inventrice del Miracle Mop, il micio che oggi usiamo tutti.
Joy si è creata il suo futuro e il suo posto nel mondo, ma prima deve passare attraverso il complicato inferno del business.
E Joy non ha mai fatto business in vita sua, ergo... Però la determinazione e la caparbietà vincono su tutto. Una grande dose di intuito e intelligenza poi certo non guastano. Più esemplare di così…

Il fatto è che il ragionamento del film, su un’epoca, una nazione e un personaggio, in fondo sta tutto qui. A questo punto, per i detrattori, paradossalmente è più interessante in teoria il tentativo fatto con American Hustle, che scimmiottando Scorsese voleva fare un ragionamento anche sul cinema (esattamente a cosa arrivava chi scrive non lo sa, ma questo è un altro discorso).
Fatto sta che Joy, che si guarda come un tv movie con budget (60 milioni che non si capiscono dove siano andati), mette a nudo dei palesi difetti del cinema di David O. Russell. E Accidental Love, va da sé, non conta. Chi aveva trovato pasticciato American Hustle avrà pane per i propri denti: perché qui non si riesce proprio a capire come, con una storia così semplice e lineare (‘esemplare’, appunto), ne esca fuori un film i cui raccordi tra scene siano così tagliati con l’accetta. Il tocco grottesco, palese con il personaggio di Isabella Rossellini, poi non aiuta.

La colpa è soprattutto di un montaggio a tratti francamente inspiegabile, con il quale anche le decisioni della stessa protagonista faticano a trovare un senso: tanto che l’invenzione del mocio e un taglio di capelli hanno quasi la stessa valenza.
Va bene, c’è un percorso e il taglio di capelli ne fa parte (!!), ma qui di base c’è una narrazione disarticolata, anche poco interessante, e un femminismo da abc.
Ci sono state di nuovo molte critiche a Jennifer Lawrence, ormai musa del regista (assieme a Cooper e De Niro, ma anche di più). Però in questo caso mi sembrano ingiuste, e - queste sì - solo una reazione a tutti i premi che alla fine l’attrice si becca ogni volta che gira un film con O. Russell. Invece è lei che si trascina il film sulle spalle, è lei che dà energia a un personaggio canonicissimo per il quale altrimenti, scritto in questo modo, non troveremmo nulla di davvero interessante.

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere