Martedì 16 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Julieta PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 30 maggio 2016

Titolo: Julieta
Titolo originale: Julieta
Spagna 2016 Regia di: Pedro Almodóvar Genere: Drammatico Durata: 96'
Interpreti: Adriana Ugarte, Inma Cuesta, Emma Suárez, Darío Grandinetti, Rossy De Palma, Susi Sánchez, Daniel Grao, Michelle Jenner, Nathalie Poza, Pilar Castro, Joaquín Notario, Blanca Paré
Sito web ufficiale: www.julieta-lapelicula.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 26/05/2016
Voto: 7
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Malinconico
Scarica il Pressbook del film
Julieta su Facebook

julieta_leggero.pngAlmodovar sceglie tre racconti ( Fatalità, Fra poco e Silenzio ) dal libro In fuga del Premio Nobel Alice Munro per realizzare questo Julieta. Così vicino al suo mondo creativo e narrativo eppure così lontano. La storia è quella di una semplice donna, per l’appunto Julieta, in cui il destino incombe minaccioso e tra morti sinistre, sventure che sembrano maledizioni, irruzioni umane che potrebbero sembrare amore ma che non lo diventa mai, ferite indelebili che procurano i figli, vive una vita di sofferenza estrema, di senso della perdita costante che forse solo in tarda età e per un ennesimo dramma indiretto riesce a riconciliarsi con la vita e i dolori che produce.

Abbiamo detto un film così vicino e così lontano dall’Almodovar che conosciamo, perché se da un lato ci sono sempre le donne al centro del suo mondo narrativo, le piccole e grandi tragedie della vita, dall’altra – forse l’età, forse un periodo di malinconia – il regista spagnolo realizza una storia senza la follia, il tocco alla Almodovar, privandoci delle note splendenti dl suo Cinema, togliendoci il buonumore e qualche sorriso e facendoci piombare in una malinconia estrema.
Realizzando così un film dall’impostazione melodrammatica ma che va oltre, nella più profonda delle tragedie, perché è il destino che gioca un ruolo fondamentale più che gli esseri umani e gli errori che possono commettere.

Il film nonostante un po’ di delusione ( per la sua freddezza formale, per dei silenzi che non sono riempiti, per l’incongruenza della protagonista che scrive alla figlia anche di fatti che entrambe conoscono bene ) è realizzato in modo eccellente e va segnalato l’inizio formalmente perfetto, un primo piano sulle pieghe di un tessuto rosso mentre la musica porta attesa e inquietudine quasi ci trovassimo in un thriller. Rossi i sedili del pendolino che ci fa scoprire Julieta da giovane, rossi i suoi orecchini e le labbra, rossa la chioma dell'albero di carta che racchiude segreti inconfessati.
Come tipicamente melò – tra l’Hitchcock degli Anni Cinquanta e il Douglas Sirk – una delle scene, quella del treno in cui una giovane e sprovveduta Julieta entra in contatto con i due poli dell'esistenza: la morte e l'amore fisico: un signore desidera parlare ma lei lo evita e chissà se questo non sia la causa del suo suicidio, certamente però del senso di colpa che si insinua nella ragazza, che aumenta con la morte del marito in mare dopo un litigio ( conosciuto proprio quella stessa sera in treno ) ed anche con la scomparsa della figlia che ha deciso di vivere lontano da lei.

Julieta ( una brava Emma Suárez, come sorprendente è Adriana Ugarte, la Julieta da giovane ) è una signora sulla cinquantina che sta lasciando Madrid per andare a vivere in Portogallo con il suo discreto compagno. Sta liberando casa e preparando gli ultimi cartoni, ma casualmente per strada incontra un’amica d’infanzia della figlia, Beatriz che le svela che ha incontrato a Como Antia, la figlia. Sembra un incontro qualsiasi, ma un segreto e il passato tornano violentemente nella vita di Julieta, sono ormai diciotto anni che non ha notizie di Antia, lè stata abbandonata senza nessuna motivazione se non quella di non cercarla.
Adesso sa che ha tre figli e che forse vive in Svizzera.
Profondamente scossa decide di non partire più, di lasciare il suo uomo e di tornare a vivere nella casa in cui viveva con la figlia. Come se avesse voglia di vivere quel senso di colpa che ha sopito da tanti anni. Inizia a vivere completamente da sola e scrive un diario in cui ricorda la sua vita da quella sera in treno. Fino a quando ha un piccolo incidente stradale, ricompare nella sua vita l’uomo che l’ama e le giunge una lettera di sua figlia che probabilmente vuole riconciliarsi con lei perché adesso è lei a soffrire per un figlio che è morto.

Se dovessimo trovare nella drammaturgia del film un difetto lo troveremmo nella mancanza di vere ragioni che hanno portato Antía a fuggire da lei. Ma qualcuno potrebbe dire che per essere credibili alcuni passaggi umani ed emotivi non si devono spiegare del tutto perché forse è impossibile spiegare sempre tutto.

Notevole la colonna sonora, fatta di contenimento e sincronizzata sulle voci e gli sguardi dei protagonisti, realizzata da Alberto Iglesias, che si è ispirato al lavoro di Toru Takemitsu per il film La donna di sabbia di Teshigahara del 1966.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere