Martedì 31 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La comune PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 04 aprile 2016

Titolo: La comune
Titolo originale: Kollektivet
Danimarca, Svezia, Olanda 2015 Regia di: Thomas Vinterberg Genere: Drammatico Durata: 111'
Interpreti: Trine Dyrholm, Ulrich Thomsen, Helene Reingaard Neumann, Martha Sofie Wallstrøm Hansen, Lars Ranthe
Sito web ufficiale: www.curzonartificialeye.com/the-commune
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 31/03/2016
Voto: 7
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Dogma
Scarica il Pressbook del film
La comune su Facebook

la_comune_leggero.pngThomas Vinterberg è uno dei registi europei più originali che abbiamo, in continua discontinuità di generi e contesti, pronto a modificare quello che un tempo si chiamava cifra narrativa. Nato cinematograficamente con Dogma ’95, allievo e amico del maestro Lars Von Trier, ci ha offerto film davvero importanti se non necessari come Festen, Riunione di famiglia, Il Sospetto, oggi torna alle sue radici dopo quel Via dalla pazza folla, film poco interessante, tra l’hollywodiano e la melassa antihardyana.
Torna a casa per nostra fortuna, e si confronta probabilmente con una sua autobiograficità. Torna nella Copenaghen degli Anni Settanta e a quegli umori e scatti esistenziali così lontani dal nostro mondo di oggi.
La vita in una comune, e ricrea quelle dinamicità esistenziali comuni nel Nord Europa e in un mondo che fu; ci racconta – anche se con nessuna implicazione ideologica – della vita assieme di dieci persone assai differenti per professione, età e forse anche per valori.
Una famiglia allargata fatta di disponibilità, umori e contraddizioni esistenziali.
Un film che parte allegro, lieve, politico esistenzialmente, ma che nella seconda parte decide di prendere una direzione drammatica e sviluppare il dolore amoroso di una donna nei confronti del suo uomo e della sua amante giovane con cui convive, a un certo punto solo perché sono nella stessa casa. Parte insomma un po’ sull’assunto di Alice’s Restaurant ma non sceglie la leggerezza dell’Arthur Penn… al ristorante di Alice puoi chiedere tutto, tutto tranne Alice.

L’architetto Eric e sua moglie Anna, conduttrice del telegiornale nazionale, decidono di dividere la loro casa, un po’ per i costi troppo elevati di gestione, ma soprattutto perché lei sente un certo grigiore nella vita di tutti i giorni; accolgono nella villa di oltre quattrocento metri quadri, amici e sconosciuti, creando una comune fatta di coppie sposate, amanti, figli e tre single alternativi. La vita della famiglia con Steffen, Allon, Ole, Mona e Ditte inizia felice, si mangia assieme, si fa il bagno nudi, si bevono birre o ci si fa le canne, si litiga bonariamente per i soldi e per la divisione dei compiti, si fanno riunioni serali sulla gestione della casa e si vota ( supponiamo che il regista abbia vissuto da piccolo un’esperienza del genere.
Ci informiamo e veniamo a sapere che il regista ha vissuto effettivamente in una comune dai sette ai diciannove anni.
Nel film chi osserva tutto sono due, una ragazzina di quattordici anni, Freja e un bambino di sei, Vilads: entrambi dolci, teneri ed equilibrati ). Ma nella seconda parte del film, la storia vira in tutt’altra direzione e vengono a galla tutte le contraddizioni del collettivismo esistenziale ed emotivo e le vite implodono per motivi diversi, mostrando quasi un’impossibilità all’utopia della libertà affettiva e comportamentale.
Questo avviene quando l’architetto Erik si innamora di Emma, una sua studentessa ventiquattrenne, e sta pensando di andare via dalla comune; ma Anna invece gli dice di far venire Emma nella comune e dopo relativa votazione la ragazza viene accolta. Ma ben presto gli equilibri saltano perché in realtà Erik vive un rapporto di coppia e non collettivo e Anna inizia a soffrire in maniera indicibile fino a perdere il posto di lavoro, a iniziare a bere e a sragionare...

Vinterberg realizza quasi due film in uno, nella prima parte racconta in modo divertente, lieve e naturalistico i rapporti tra persone che vivono assieme superando anche la naturale solitiudine iniziale, nella seconda parte invece segue i dolori di Anna e riflette sulla complessità dell'animo umano e sulla sua fragilità, sulle difficoltà di mettere in pratica delle utopie.
Lo fa sempre con mano lieve e delicata, anche se la disgregazione emotiva di lei è realizzata in modo troppo rapido e dirompente mentre tutti gli altri diventano figurine sullo sfondo. Vogliamo segnalare la delicatezza narrativa della scena finale del piccolo Vilads e anche della conclusione del film.

Un gran bel cast, un’ottima regia, come eccellente è il montaggio.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere