Giovedì 26 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La corrispondenza PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 26 gennaio 2016

Titolo: La corrispondenza
Titolo originale: La corrispondenza
Italia 2015 Regia di: Giuseppe Tornatore Genere: Drammatico Durata: 116'
Interpreti: Olga Kurylenko, Jeremy Irons, Simon Meacock, Simon Johns, Patricia Winker, Florian Schwienbacher, Irina Kara, Anna Savva, Rod Glenn, Darren Whitfield, Jean-Luc Julien
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 14/01/2016
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Presuntuoso
Scarica il Pressbook del film
La corrispondenza su Facebook

lacorrispondenza_leggero.pngMa dove sta andando il Cinema italiano ? Va da qualche parte o ama avvitarsi su se stesso ?
I nostri maggiori autori come Sorrentino, Garrone o anche Tornatore ci fanno rimpiangere registi come Scola, Monicelli o Ferreri.
Farcito di rivisitazioni provinciali e frasi da letteratura liceale francese il primo, brandelli di corpo filmico e inverosimile fantasy che di Basile conserva solo una presunta estetica, con Tornatore e il suo ultimo film ci troviamo davanti ad un pistolotto sull’amore vissuto più cerebralmente ai tempi della solitudine.
E’ possibile mai che i registi di oggi realizzino film formalmente ineccepibili ma che cercano il nulla e filmano il nulla con grande maestria ? Allora è normale che un loro collega, Muccino, il maestro di questo tipo di cinema, possa arrivare a scrivere di Pasolini che è stato un regista amatoriale, fuori posto e dannoso per il cinema italiano. Figuriamoci cosa penserà di registi come Zurlini, Vancini o Piavoli.

Dispiace doverlo scrivere ma Tornatore con questo suo undicesimo film realizza una storia d'amore a distanza in tutti i sensi, dai contorni ' mistery ' ma già a metà del primo tempo assolutamente svelata che in poche scene scivola nell’imbarazzo intellettuale e in un involontario necrofilo-comico, se non melenso e surreale.
Ci viene naturale pensare, con questo spunto – un anziano e funambolico professore di fisica e una giovane studentessa di fisica stunt-woman – sull’amore a distanza che si mantiene forte da oltre sei anni grazie a mail, video e messaggini cosa ne avrebbe realizzato negli Anni Sessanta un maestro come Antonioni anche senza tecnologie, certamente qualcosa di più moderno e meno melò di questo film di Tornatore. Se pensiamo alla filmografia del regista siciliano notiamo come un bravo regista come lui sfugga ad una cataloghizzazione, non si può ritenerlo un autore tout-court ma allo stesso tempo non si può definirlo solo un regista di genere.
Nonostante film come La migliore offerta, La Sconosciuta, Malèna e Stanno tutti bene si possono ascrivere a quel cinema italiano degli Anni Settanta che tanto di moda è tornato grazie a Tarantino. In fondo quale è la complessità di Tornatore ?
E’ un regista di grande tecnica e di buona ambizione in cui esistono due radici fondamentali il melodramma nostalgico e il thriller, ma non riesce a decidersi a scegliere o forse è incapace nel trovare una vera sintesi tra i due generi; il melodramma è ben riconoscibile nel suo uso della retorica, nel barocchismo e di motivi musicali moriconiani, il suo versante thriller ha alcuni punti fermi nella sceneggiatura fatta a volte ad incastro e che non sembra sprigionare fantasia e novità ma che hanno un sapore accademico. Probabilmente, ma lo scriviamo a voce bassa, quello che manca a Tornatore è uno sceneggiatore solido, autonomo e creativo, che possa aiutarlo a superare i suoi vezzi narrativi e aiutarlo a guardare più in avanti e meno alle spalle.

Ed Phoerum è un professore di astrofisica ultrasessantenne, creativo, fantasioso, affascinante, sposato con figli e con nipoti; intrattiene da sei anni una relazione extraconiugale con una sua ex studentessa oramai fuori corso, Amy Ryan. Più che una relazione fatta di incontri segreti, tempo rubato agli altri, hanno una storia amorosa, una " corrispondenza " fatta soprattutto di sms, registrazioni video e chiacchierate via Skype. Infatti si vedranno realmente tre o quattro volte in un anno. Amy lo ama a tal punto da non frequentare praticamente nessuno e si accontenta di riceve messaggi virtuali attraverso le tante missive che lui le fa pervenire sempre al momento giusto, come regali o anche le chiavi di una casa che lei ha appena perse ( e allora non è più moderno cinematograficamente il ciondolo I Love you di Ferreri ? ).
Ma questo rapporto in translation che non si interrompe mai per lei è un piacere o una dannazione ? Quasi subito, andando ad una sua conferenza in un’università, scopre che Ed è appena morto ma allo stesso tempo riceve messaggi come se lui fosse in vita. Da questo momento – e per quasi tutto il film – Amy deve capire se vuole continuare la relazione con Ed che le ha registrato e scritto innumerevoli messaggi prima di morire, e che le arriveranno a scansioni più o meno prestabilite, o rinunciare al suo grande amore…

Tornatore allestisce ogni scena con grandi doti registiche, rende quasi credibili gli incontri virtuali incastonati l'uno dentro l'altro, ma la trama diviene troppo barocca, via via sempre meno probabile e neoromantica, probabilmente anche in parte noiosa. Insistere per quasi due ore su un amore oltre la morte, l’amore come corrispondenza a distanza, mescolare realismo magico, melodramma e neo-romanticismo, portano lo spettatore ad estraniarsi più che a identificarsi nel grande amore e nelle conseguenze della perdita.
E lo splendore dei luoghi e delle atmosfere creano un’algidità poco adattabile al melodramma.
La sceneggiatura, tratta dal suo primo omonimo romanzo, pur tenendosi a galla mostra alcune allusioni simboliche ( dalle citazioni di astrofisica alle motivazioni della scelta di lei di lavorare come stunt-woman a posare per un "artista" che imbriglia i modelli in calchi di gesso ) che sono francamente un po’ grezze se non ingenue ( come era già capitato con Una pura Formalità – il suo film più coraggioso ).

Da segnalare una splendida fotografia di Fabio Zamarion, tra i più bravi direttori in circolazione e una ottima Amy ( Olga Kurylenko, attrice ucraina già adottata ad Hollywood da registi come Malick e Léon de Aranoa ) che si carica addosso il film.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere