HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow La foresta dei sogni
Domenica 27 Maggio 2018
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
Recensioni Blu Ray
the_midnight_man_160x600.jpeg
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il circolo Pickwick News
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
La foresta dei sogni PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 04 maggio 2016

Titolo: La foresta dei sogni
Titolo originale: The Sea of Trees
USA 2015 Regia di: Gus Van Sant Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Matthew McConaughey, Naomi Watts, Ken Watanabe, Jordan Gavaris, Katie Aselton, Ami Haruna, James Saito, Owen Burke, Susan Garibotto, Jeffrey Corazzini, Joseph Oliveira, Anna Friedman, Simba Dibinga
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.laforestadeisogni.it
Nelle sale dal: 28/04/2016
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Incerto
Scarica il Pressbook del film
La foresta dei sogni su Facebook

laforestadeisogni_leggero.pngGus Van Sant è un vero outsider dello star system hollywoodiano: inserito e indipendente fino alla marginaltà cinematografica allo stesso tempo; oltre che regista importante, ma discontinuo, è anche sceneggiatore, montatore fotografo, musicista, pittore e scrittore.
Tra i suoi film migliori ricordiamo il famoso – e forse il suo più importante – Belli e Dannati ( 1991 ), Da morire ( 1995 ), Scoprendo Forrester ( 2000 ), Elephant ( 2003; il film più elaborato come analisi psicologica sulla violenza negli Usa ), Milk ( 2008 ).

Regista del movimento dinamico e on the road, ha messo al centro della sua ricerca narrativa in tutta la sua cinematografia il tema del viaggio, del disagio personale, sul vuoto pneumatico che precede la tragedia e soprattutto la sofferenza profonda che porta alla morte, subita o cercata ( la Trilogia della morte: Jerry, Elephant, Last days – ma anche Drougstore Cowboy e L’amore che resta ).

In questo ultimo film la morte è messa al centro della storia, è vissuta, sfiorata, subita e stabilita, ma senza alcuna grevità o crepuscolarismo, anzi, verso il finale c’è un climax quasi new romantic, sfiorando la new age.
Nella sua carriera, inizialmente indipendente, poi passata per Hollywood e quindi rimasta a mezza strada dalle prime due, ha realizzato opere sperimentali e necessarie alternate con film piuttosto commerciali, ma sempre lasciando una sua impronta; e in questi quarant’anni di carriera ha ottenuto un paio di premi Oscar, alcune nomination, ha vinto una Palma d’oro e un premio per la miglior regia a Cannes.

Il Giappone è la terra dei suicidi ( leggete se vi va l’ottimo scrittore Haruki Murakami e in particolare il suo Norwegian Wood ), una leggenda è legata alla foresta di Aokigahara, una foresta di 3.500 ettari che si trova alla base del Monte Fuji.
Chiamata anche la « Foresta dei Suicidi », perché dal 1950 ci sono stati oltre 500 suicidi ( 108 corpi sono stati ritrovati soltanto nel 2004 ); qui giunge direttamente dagli Stati Uniti, con un biglietto di sola andata, Arthur Brennan, un professore quarantenne di fisica. Ha deciso di suicidarsi e di terminare qui la sua vita con tanto di pillole e bottiglietta d’acqua.
Sta prendendo la dose letale, seduto su una roccia, quando incrocia un giapponese, ferito e smarrito, Takumi Nakamura: è venuto anche lui qui per suicidarsi, ma all’ultimo momento ha cambiato idea, si è perso e non sa come tornare indietro.

Arthur cerca di aiutarlo a trovare il sentiero giusto, ma anche lui ha perso l’orientamento. Quindi devono passare delle ore assieme mentre sopraggiunge la notte e un violento acquazzone. Veniamo a sapere che Takumi voleva suicidarsi perché è stato dequalificato sul lavoro, ha perso il suo onore professionale, e così facendo si voleva lavare dal disonore, ma forse ama troppo sua moglie sua figlia ed ha cambiato idea.
In questo viaggio che dura fino al giorno dopo, Arthur e Takumi cercano di sopravvivere disperatamente al freddo e alla stanchezza, riparandosi in una grotta, poi in una tenda dove si trova il corpo mummificato di un altro suicida; l’americano ricorda ( con dei flash back un po’ banali ) il suo rapporto infelice con la moglie e le ragioni per cui è giunto qui, ma con le ore rimanda il suicidio e il suo dolore trova una ragione di vita.

La foresta dei sogni non ha molto dei precedenti viaggi verso la fine dei suoi film passati, Van Sant ci racconta una storia ( che a noi è sembrata più credibile e potente sulla carta che non nelle immagini del film ) di dolore normale e quasi convenzionale per una storia d’amore borghese arida e noiosa che diventa necessaria e unica nel momento in cui lei si ammala e muore, non per la malattia sotto controllo ma per il più ridicolo degli incidenti d’auto.

Siamo lontani da quel cinema indipendente dalla lirica originale e particolare a cui ci ha abituati il regista in precedenti film, come manca anche una gentilezza del tocco e una ricerca di soluzioni nuove rientrando così in un cinema classico melodrammatico, dalle strade ben tracciate, ma senza che il regista ne abbia fino i fondo imparato le regole.
Un peccato anche per l’attore protagonista ( Matthew McConaughey ) che ha troppa presenza scenica per essere al servizio della storia e quindi condiziona il personaggio che interpreta fino a farlo sparire davanti alla sua figura attoriale che risulta ingombrante.
Bravo l’attore giapponese Ken Watanabe che impersona la figura della moglie di Arthur venuta a salvarlo sotto mentite spoglie.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere