Martedì 16 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La gelosia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 21
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 02 luglio 2014

Titolo: La gelosia
Titolo originale: La Jalousie
Francia: 2013. Regia di: Philippe Garrel Genere: Drammatico Durata: 77'
Interpreti: Louis Garrel, Anna Mouglalis, Arthur Igual, Emanuela Ponzano
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 26/06/2014
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Essenziale
Scarica il Pressbook del film
La gelosia su Facebook

la_gelosia_leggero.pngIl fantasma del ’68 si aggira ancora per l’Europa, si chiama Philippe Garrel.
Regista poco conosciuto ai più, molto amato dai cinefili e da autori con il pedigree come Bertolucci. Scriviamo fantasma perché del ’68 non è rimasto nulla se non qualche ricordo romantico legato alla giovinezza e per lo più borghese.
Citiamo il Sessantotto perché Garrel è di quella leva calcistica, avendo vent’anni in quell’anno, perché proviene da quel Cinema ( la Nouvelle Vague ) e in particolare riesce ancora a coniugare quel modo di girare storie a metà tra Truffaut e Godard pur avendo un proprio timbro narrativo. Philippe Garrel è un po’ il rappresentante di un Cinema di resistenza, in controtendenza, minimalista, che se ne frega di mode e di prodotto industriale e che continua a volgere lo sguardo verso un’epoca che non ha più ragioni, senso proprio o difensori.
Ama l’idea di gioventù e tutte le variabili che quest’età permette, ama un Cinema che forse è tutt’uno con la sua vita quotidiana ( suo padre era l’attore Maurice Garrel, suo figlio Louis è il protagonista anche di questo film, una delle sue compagne è stata l’attrice, cantante e modella Nico, conosciuta con il soprannome di Sacerdotessa delle Tenebre e per aver collaborato con Lou Red e i Velvet ). Insomma lui è il suo Cinema.

Della sua lunga carriera, iniziata a 14 anni con il film in 16mm Une plume pour Carole che ha poi distrutto nel 1970, ricordiamo il suo primo lungometraggio Marie pour mémoire ( vincitore al Festival di Hyères ) che non ha né titoli di testo né di coda ( come alcuni successivi ). Tra i più famosi c’è L’enfant segret, storia in quattro capitoli basato sulla nascita di un " bambino segreto " ( premio Jean Vigo ), J’entends Inoltre la Guitare, un film sull'amore dai toni inquieti e inquietanti che prova ad esplorare l'inconscio, ( vincitore nel 1991 del Leone d’Argento a Venezia ) e soprattutto il più compiuto e conosciuto dal pubblico italiano Les Amants Réguliers che ha vinto il Leone d'Argento per la miglior regia.

Garrel continua il suo discorso sui sentimenti con un Cinema fuori dal tempo o anche senza tempo ( è la nota più affascinante e affettuosa che apprezziamo ), con un tocco personalissimo, con un estetizzante sperimentalismo influenzato dal maestro Godard e a volte con debiti narrativi alle tecniche surrealistiche.
Questa volta si serve di tre sceneggiatori ( oltre al complice Marc Cholodenko anche Caroline Deruas e Arlette Langmann ) la cui scrittura al femminile contribuisce alla costruzione ‘ vera ‘ dei vari piani comportamentali e sentimentali dei protagonisti; il tutto per raccontare una storia personale: Louis ( interpretato da Louis Garrel, suo figlio ) interpreta Maurice Garrel ( il padre del regista e nonno di Louis ) che a trent’anni ha avuto una storia con una donna mentre lui ( il regista ) viveva con la madre separata, solo che lui nel film è una ragazzina di dieci anni.
Con un titolo fedele alla versione francese, ma che poteva essere anche frammenti di vita amorosa ( forse più attinente ) e con un bianco e nero sessantottino e atemporale, Garrel ci porta nella Parigi povera, bohemien e senza alcun glamour.

Il film, con una trama circolare, inizia con la separazione dell’attore trentenne Louis che lascia la moglie e la figlioletta per andare a vivere in una mansarda proletaria con un’attrice, Claudia ( Anna Mouglalis, vista nel nostro cinema italiano, viso bello e duro, sguardo penetrante ), brava ma senza lavoro da troppo tempo.
La loro storia d’amore è forte e solida ma mentre lui vive serenamente il rapporto, le è fedele, lavora in teatro e vede con regolarità la figlia con cui ha un rapporto molto affettuoso e complice, lei vive il disagio, se non la sofferenza, del non lavorare come attrice e che trasla anche a se stessa con la ricerca di qualcos’altro, come una vita più borghese, una casa più bella, avere dei soldi.
E questo forte disagio, che lui non comprende, porta lei ad avventure occasionali, a vivere cercando altro fino ad accettare un lavoro ‘ normale ‘ presso un architetto sposato ma di cui lei probabilmente diventa amante e che inizia un po’ a sfruttare economicamente ( lei vorrebbe andare a vivere in ua bella casa con il suo Louis messa a disposizione dal suo datore di lavoro ).

E questa storia d’amore si interrompe improvvisamente, con lei che lascia lui, lui che non riesce a sopportare il dolore della perdita fino a un tentativo di suicidio e la conclusione marziana per il cinema odierno è di Louis un po’ catatonico seduto su una panchina al parco assieme alla figlia e alla sorella... Garrel ancora una volta resta coerente con il suo Cinema che coniuga sperimentazione linguistica, biografismo ed esperienze esistenziale.
Un cinema intimissimo, personale, tenero, d’altri tempi ( migliore dei nostri ), in cui dei giovani trovano in vecchi professori o in intellettuali dei sostituti dei padri, in cui l’amore è ancora qualcosa di vero e palpabile, in cui i bambini sono bambini anche se scaltri ma mai smaliziati. Garrel continua a fare un Cinema in cui si cerca di raccontare, cercare e semmai anche afferrare, i sentimenti, quelli veri, che oggi possono sembrare selvaggi. Il cast è adattabile e accettabile in questo tipo di operazione filmica, anche se il protagonista Louis Garrel sembra avere una sola espressione del viso e ciò che risalta è più il suo nasone che non il suo sguardo. Molto brava invece Anna Mouglalis, purtroppo rovinata dalla voce della doppiatrice.
Simpatica ed efficace la piccola Olga Milshtein.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere