Venerdì 27 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La legge del mercato PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 28
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 03 novembre 2015

Titolo: La legge del mercato
Titolo originale: La loi du marché
Francia 2015 Regia di: Stéphane Brizé Genere: Drammatico Durata: 92'
Interpreti: Vincent Lindon, Karine de Mirbeck, Matthieu Schaller, Yves Ory, Xavier Mathieu, Paul Portoleau, Pierre-Jean Feld, Philippe Vesco, Christophe Rossignon, Noël Mairot, Catherine Saint-Bonnet, Roland Thomin, Hakima Makoudi, Tevi Lawson, Fayçal Addou
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 29/10/2015
Voto: 7
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Essenziale
Scarica il Pressbook del film
La legge del mercato su Facebook

laleggedelmercato_leggero.pngLa legge del mercato potrebbe avere anche un altro titolo Frammenti di un discorso sul mondo del lavoro, parafrasando Barthes. Brizé fa un racconto algido, ai limiti del documentaristico e privo di una narrativa realmente cinematografica ( salta due momenti topici, quello dell’assunzione dopo venti mesi di disoccupazione e quello della sua presa di coscienza del lavoro di merda che si ritrova a fare malgrado tutto ).
Prende come accompagnatore in questo inferno che è diventato il lavoro salariato di basso profilo un uomo oramai nel mezzo del cammin lavorativo che si trova in una selva oscura.
Non ha alcuna coscienza di classe, d’altronde chi l’ha più ?, ma è almeno una persona dignitosa, equilibrata, nonostante le porte in faccia che riceve, le proposte ‘ indecenti ‘ che gli fa la sua bancaria ( pensi alla famiglia se dovesse morire, un’assicurazione… ), le ipotesi insensate di professionalizzazione del collocamento e le critiche di altri disoccupati più giovani sull’atteggiamento che lui ha nel proporsi, gente ancora più individualista e scoppiata.

Un film duro, freddo come un bisturi chirurgico, senza alcuna concessione ( nemmeno alla Ken Loch o alla Laurent Cantet o ai fratelli Dardenne ) e in fondo senza speranze.
Un buon film con un ottimo attore Vincent Lindon ( vincitore della Palma al Festival di Cannes come migliore attore nel 2015 ), anche se troppo presente e quindi lascia pochissimo spazio a tutto il resto ( la moglie, di cui non sappiamo assolutamente nulla, il figlio handiccapato, i colleghi del suo mondo lavorativo ) e non crediamo che sia perché tutti gli attori non sono professionisti e sono stati presi dai reali posti di lavoro.
Ma una domanda feroce viene naturale, cosa aggiunge questo film ai vari film sul mondo del lavoro, alla mancanza di morale e di solidarietà tra poveri che esiste oggi in Occidente ? Purtroppo nulla.
Anzi aggiunge solo uno sconforto e una malinconia nello spettatore che resta ancor più attonito e senza risposte concrete e plausibili. Perché il regista non ha alcuna intenzione di fare un film ‘ politico ‘, anzi è deciso a non imporre un punto di vista agli spettatori, non vuole convincerli di nulla. Tutto è così come appare, senza alcuna speranza né un briciolo di ottimismo.

Thierry è un uomo di oltre cinquant’anni, ha una moglie e un figlio disabile. Vivono con dignità con il sussidio di disoccupazione da quasi due anni e fra alcuni mesi il sussidio si ridurrà a 500 euro al mese. Ha perso il lavoro dopo 25 anni perché la sua azienda ha ‘ delocalizzato ‘ ( pur non essendo in perdita l’azienda si è traferita in un altro Paese in cui può sfruttare meglio la manodopera a costo più basso ).
Ma non si dà per sconfitto, non protesta, vuole semplicemente guardare avanti e trovare un nuovo lavoro. Ha frequentato corsi di formazione che non gli hanno dato nulla e continua la sua ricerca con una calma e una pazienza serafica. Un giorno viene finalmente assunto, in un ipermercato; deve sorvegliare i clienti che rubano ma anche i colleghi che si caricano sulle tesserine i punti premio che i clienti non richiedono e anche le cassiere che invece di buttare i buoni sconto che i clienti usano li mettono in tasca.

Tutto procede anche se in modo piuttosto deprimente, tra il fermare poveracci che hanno sottratto qualcosa e portarli in uno sgabuzzino per schedarli, tra monitor che sorvegliano l’immenso supermercato; tutto il giorno così in una vita in un bianco e nero malinconico. Una cassiera che lavora da oltre vent’anni viene licenziata per aver preso dei buoni sconto e lei si suicida nel supermercato, un vecchietto viene fatto arrestare perché ha rubato quindici euro di carne che non può pagare.
Thierry sembra assistere a tutto con accettazione se non con sottomissione, ma un giorno il suo senso morale si rifiuta e fa una cosa semplice e naturale ma che in questi tempi sembra un atto di grande coraggio…

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere