Giovedì 29 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La pelle che abito PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 17
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
martedì 27 settembre 2011

La pelle che abito
Titolo originale: La piel que habito
Spagna: 2011. Regia di: Pedro Almodóvar Genere: Drammatico Durata: 120'
Interpreti: Antonio Banderas, Elena Anaya, Marisa Paredes, Jan Cornet, Roberto Álamo, Eduard Fernández, Blanca Suárez, Susi Sánchez, Bárbara Lennie, Fernando Cayo, José Luis Gómez, Teresa Manresa
Sito web ufficiale: www.sonyclassics.com/theskinilivein
Sito web italiano: www.lapellecheabito.it
Nelle sale dal: 23/09/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: A pelle
Scarica il Pressbook del film
La pelle che abito su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

Ispirato al libro “Tarantula” di Thierry Jonquet.

La pelle che abitoIl dottor Robert Ledgard è un brillante ricercatore che conduce esperimenti su tessuti connettivi.
Il limite tra la sperimentazione in nome della scienza e qualcosa di più vicino all’ossessione, sembra essere il confine entro il quale l’uomo si muove.
Fino a che la vita non lo spinge a varcare quel limite. L’identità, perduta, ritrovata, contraffatta, e l’etica sono i grandi temi di questa nuova esplorazione di Almodovar.
Tralasciando per un attimo i riferimenti precedenti e le manipolazioni a opera del regista di testi famosi o meno, quel che resta alla fine è solo un’immagine molto inquietante: un uomo reso freddo dal gelo dell’anima e la sua vittima che si fronteggiano, ciascuno con in mano un’arma.

Il film è costruito come un puzzle e come quello svela per gradi il senso dell’immagine finale. Possiamo intuire, certo, e Almodovar è maestro nel sussurrare, quando non si diverte a lasciar urlare i suoi personaggi, ma qui siamo dalle parti di un noir e, come sempre in questi casi, occorre insinuare per rendere al meglio il senso di inquietudine che permea l’intera storia. Antonio Banderas, tornato con Pedro a molti anni dal bellissimo Legami!, è qui un freddo e distaccato chirurgo che cela un segreto e un fine che lo apparentano ai mad doctor del passato.

La storia prende il via lentamente e quello che vediamo è solo una parte del tutto, un tutto che svelandosi lascia decisamente stupefatti di fronte all’audacia del chirurgo e del regista stesso, che insieme regalano una di quelle storie difficili da dimenticare. Gli interrogativi sono molti, le risposte poche o, addirirttura nel complesso, lasciate alla buona volontà dello spettatore il quale, appena riavuto dallo shock di aver compreso quel che è accaduto, deve in fretta decidere da che parte stare.
Ma non sarà una scelta facile.
Dolorosa esplorazione dei limiti di ciò che è consentito, prima ancora che possibile, questo La Pelle che abito pone lo spettatore di fronte al grosso dubbio che non sempre quel che ci è accaduto nella vita giustifica ciò che diventeremo. Il dolore plasma le persone certo, e quel che è accaduto al dottore è di sicuro, oltre che doloroso, devastante.
Ma ciò che egli decide di realizzare è decisamente al di là di quel che si potrebbe pensare di fare, anche di fronte a una catastrofe che ci ha travolti, lasciandoci sanguinanti al bordo della strada a chiederci come è possibile esser sopravvissuti a tutto questo. Detto ciò quel che resta da considerare è lo stile personalissimo del regista, il quale ha sempre usato gli attori in maniera egregia, rendendo immortale quasi ogni suo personaggio. Almodovar riesce qui nel difficile compito di gelare lo spettatore e nel contempo renderlo partecipe di un’aberrazione.

Quasi come a dire che tutto quel che qui si insinua, non solo è possibile, ma addirittura comprensibile.
Il suo dottor Frankenstein è un freddo, ma molto competente vendicatore, che usa la sua capacità fuori dal comune per arrivare là dove nessuno è mai arrivato prima.
Riuscendo nello stesso tempo a farsi del male e a farne, in misura eguale, senza mai perdere di vista il nucleo della sua ossessione. Antonio Banderas recita con un buon grado di convinzione il personaggio, forse, più difficile della sua carriera, mentre la bravissima Marisa Paredes è ancora una volta una di quelle donne che Almodovar riesce così bene a tratteggiare.
La regia algida, specchio del cuore del suo protagonista, è tecnicamente perfetta, anche se lascia con un leggero rimpianto per il calore delle vecchie esplosioni di estro cui il regista ci aveva abituati.
Nel complesso possiamo dire che, se con Gli Abbracci spezzati Almodovar aveva reso omaggio ai grandi melò del passato, con questo ultimo bellissimo affresco è a un’inquietante futuro che rivolge il suo sguardo, coniugando sempre meglio la perfezione stilistica con una capacità di trattare i temi più ostici senza mai cadere nell’ovvio.

 

Commenti  

 
0 #1 AVAFX 2011-10-21 15:20
Almodovar e' uno dei pochi registi che e' in grado in ogni suo film di toccare temi difficili con grande passione, eccellente estetica e genialita' pura.
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere