Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La scelta di Barbara PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 23
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 18 marzo 2013

Titolo: La scelta di Barbara
Titolo originale: Barbara
Germania: 2012. Regia di: Christian Petzold Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Nina Hoss, Ronald Zehrfeld, Rainer Bock, Christiana Hecke, Mark Waschke, Jasna Fritzi Bauer
Sito web ufficiale: www.arbitrage-film.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 14/03/2013
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Minimalista
Scarica il Pressbook del film
La scelta di Barbara su Facebook

barbara_leggero.pngLa vita nella Repubblica Democratica Tedesca ( DDR ) è diventata ormai un immaginario collettivo, si dà per scontata l’oppressione e l’orrore in quel Paese.
Sembra quasi che non bisogna dire o spiegare nulla, tutti sanno tutto, anche chi oggi ha trentanni e all’epoca circa sette. Va bene non dover spiegare per forza le cose ma accennarle in modo così impalpabile e subliminale è una scelta non per forza condivisibile.
Dopo la commedia “ Good bye Lenin “(2003) e il notevolissimo e drammatico “ La vita degli altri “ (2006) giunge nelle sale italiane questo film che ha ottenuto l’Orso d'argento alla regia al Festival di Berlino del 2012 e che ci racconta in un modo diverso dagli altri due film la vita oltre cortina.

Una sceneggiatura volutamente minimalista ( scritta dal regista assieme Haroun Farocki, figura chiave del cinema tedesco sperimentale ), una regia che accompagna la storia senza però darle un respiro da Cinema autorale del ventunesimo secolo ( ricorda l’asciuttezza di un certo cinema di Robert Bresson degli Anni Cinquanta ); un film delicato, scontroso, fatto di piccolissime cose ( raccontato con una sensibilità femminile ) e con un finale che è detto già nel titolo ( e che pur non stridente sembra inverosimile: chi rinuncerebbe alla libertà e all’amore, accettando un futuro più che drammatico, per aiutare una povera ragazza sbandata ? ). Francamente, pensando al meraviglioso Nuovo Cinema Tedesco del secolo scorso ci viene la malinconia per l’oblio di film e registi dal grande talento narrativo e visivo come Wenders, Herzog, Fassbinder, Schlöndorff, Von Trotta, Kluge, solo per citarne alcuni.
“ La scelta di Barbara “, più che una storia su una realtà asfittica e desolante, più che una lotta per la ricerca della libertà ( individuale ), è un ritratto al femminile di notevole intensità che qualsiasi attrice di spessore vorrebbe trovare nella sua carriera. E che Nina Hoss ( attrice di teatro e di cinema – “ Yella “ sempre diretto da Petzold, “ A Woman in Berlin “ di Max Färberböck ) interpreta molto bene, riuscendo a rendere comunicativi anche i lunghi silenzi e le frasi secche al limite dell’afasia rancorosa.

Siamo nel 1980, nella Germania dell’Est ancora schiacciata dal dominio dell’ Unione Sovietica: il film evita qualsiasi riferimento al contesto politico. Giunge in una piccola città tetra e angosciosa la dottoressa Barbara, obbligata a lasciare Berlino per aver chiesto un visto d’uscita dal Paese ( Fare la domanda di espatrio poteva comportare il soggiorno obbligato, farlo più di una volta si rischiava anche il carcere ).
Si deve sistemare in una casa malridotta e inizia a lavorare nell’ospedale del paese, sotto la sorveglianza del medico capo Andrè e di un funzionario della Stasi che la sorveglia con controlli costanti e perquisizioni accurate della casa: un uomo così privo di sentimenti da sembrare quasi impassibile davanti al deteriormento della salute della moglie morente. Barbara sopporta tutto, fuma e se ne sta in silenzio perché sogna di fuggire, raggiungere il suo uomo dall’altra parte, in Danimarca.
I giorni passano in un torpore e in un tran tran claustrofobico, la donna li trascorre tra il lavoro in ospedale, andando in bicicletta nella desolata campagna e restandosene chiusa in casa suonando un piano.
Si tiene alla larga da tutti, anche dal medico responsabile Andrè che la corteggia gentilmente ( Ronald Zehrfeld ), come se tutti fossero colpevoli dello stato delle cose e delle sue sofferenze. Ma si interessa ad un paio di casi giunti all’ospedale perché simili a lei nella sventura: un ragazzo che ha tentato il suicidio per amore, una ragazza che tenta di scappare di continuo dai suoi carcerieri statali. Lentamente e sottilmente qualcosa cambia in lei, e proprio mentre il progetto di fuga si fa concreto, sembra che lei perda la sua unica voglia.

Giunge il giorno in cui è organizzata dal suo uomo l’evasione, Barbara deve andare sulla spiaggia di sera e aspettare qualcuno che la porti via, ma poco prima di muoversi scorge dietro la sua porta di casa la sventurata ragazza scappata ancora una volta dal campo di lavoro…
Un film costruito con accuratezza di dettagli, dove i silenzi e gli sguardi ricreano un mondo di diffidenza anche per chi ci è accanto ( di brechtiana memoria ); una realtà fatta di controlli, bugie e afasia esistenziale ma anche di piccoli afflati di umanità ( La poliziotta della Stasi che, come un automa, perquisisce Barbara, poi le regala dei pomodori quando la dottoressa capita per caso a casa sua ).
Christian Petzold affronta questo mondo cercando un punto di vista estetico diverso dagli altri e per certi versi originale, come la scelta della fotografia: usa una luce viva, calda, uscendo dallo stereotipo di una luce livida come la situazione psicologica dei personaggi. Mentre la scelta del finale si fa poco realistica e rischia di cambiare registro stilistico e omogeneità estetica.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere