HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow La signora dello zoo di Varsavia
Mercoledì 22 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
La signora dello zoo di Varsavia PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 03 novembre 2017

Titolo: La signora dello zoo di Varsavia
Titolo originale: The Zookeeper's Wife
USA, Repubblica ceca, Gran Bretagna 2017 Regia di: Niki Caro Genere: Drammatico Durata: 126'
Interpreti: Jessica Chastain, Johan Heldenbergh, Daniel Brühl, Tomothy Radford, Efrat Dor, Iddo Goldberg, Shira Haas, Michael McElhatton, Val Maloku, Anna Rust, Goran Kostic, Slavko Sobin, Marian Mitas, Daniel Ratimorský
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 16/11/2017
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Classico...
Scarica il Pressbook del film
La signora dello zoo di Varsavia su Facebook

Abbiamo visto “ La signora dello zoo di Varsavia “ regia di Niki Caro.

la_signora_dello_zoo_di_varsavia.jpgUna coppia eroica e normale, nel ghetto di Varsavia durante la Seconda Guerra Mondiale

Antonina Zabinska ( l’attrice americana Jessica Chastain ) e il dottor Jan ( l’attore belga Johan Heldenbergh ) sono una coppia affiatata, gentile e amorevole come in un spot, dirigono lo zoo di Varsavia, curano gli animali, mantengono con accuratezza il luogo e assieme aprono i cancelli a un pubblico borghese che viene per trascorrere una giornata serena.
Ma nel settembre del 1939 tutto evidentemente cambia, Varsavia è bombardata dai nazisti e lo zoo è praticamente distrutto con la relativa scomparsa di molti animali.
I coniugi Zabinska si ritrovano a sottostare alle politiche tedesche di allevamento del nuovo capo zoologo, l’ufficiale nazista Lutz Heck ( Daniel Bruhl ) che ben presto inizia a corteggiare un’incolpevole Antonina ma che provoca un sentimento di gelosia da parte di Jan.

Sopportano tutto dell’arroganza nazista, restando abbastanza calmi e resistono come possono, fino a quando in città vengono uccisi civili inermi, fatte rappresaglie, stupri e quant’altro; allora Jan, dapprima, e Antonina decidono di fare qualcosa, cominciano a collaborare con la Resistenza polacca e danno riparo a centinaia di ebrei e partigiani nelle gabbie e le gallerie sotterranee dello zoo. Naturalmente mettono a rischio la loro vita e anche quella del loro unico figliolo di dieci anni pur di salvare più ebrei e partigiani polacchi possibile e nonostante tutto riescono anche ad avere un’altra figlia nonostante i pericoli e l’ufficiale Heck…

Un buon film dai tratti delicati e con un punto di vista al femminile.

Tratto dall’omonimo saggio di Diane Ackerman ( in uscita in Italia per Sperling & Kupfer – basato sul diario di Antonina e su altre fonti storiche, in cui è stato recuperata dall'oblio una storia vera ) e adattato da Angela Workman, La signora dello zoo di Varsavia è un film che racconta di una normale donna polacca che con la sua dolcezza e il suo coraggio ( assieme al marito ) è riuscita a salvare oltre 300 tra ebrei e partigiani polacchi.
Una storia certamente collettiva ma vista attraverso una vicenda privata tra marito e moglie ( sulla scia di un altro film Lettere da Berlino ), mentre la crudeltà dell’infamia nazista è presente ma è tenuta sullo sfondo, senza mai invadere veramente la storia e indugiare sui barbari e le loro azioni.
E questo è probabilmente il lato più originale del film, perché per il resto c’è poco di nuovo da vedere sullo schermo e alcuni passaggi oltre ad essere fin troppo visti non aggiungono nulla né al pathos né al dolore dei fatti. Tutto è immerso in un’incredibile calma dei protagonisti e, quando mettono a rischio la loro vita, il pubblico osserva con un certo distacco i fatti.

Un film prodotto, scritto e diretto da donne che raccontano la storia di un’eroina poco nota alla grande storia, come chissà quanti altri gesti eroici. Con una cifra stilistica diversa da altri film del genere, perché è stata scelta la dimensione familiare e una lotta che ha come altro scopo quello di preservare un matrimonio e una famiglia dai tanti rischi di paura, disgregazione e morte.

Un cast che mostra tuttavia i limiti di un casting internazionale.


Un film scritto con sensibilità e linearità da Angela Workman ( Il ventaglio segreto, 2011 ), diretto con eleganza e sicurezza, ma senza tuttavia rendere nulla imprevedibile o spiazzante, dalla neozelandese Niki Caro abituata a dirigere film tratti da storie vere e da romanzi ( McFarland, 2015, Storia di Josey, 2005, La ragazza delle balene, 2002 ). Con un cast internazionale che vede Jessica Chastain ( candidata due volte al premio Oscar ) come protagonista nel ruolo di Antonina, in un’interpretazione misurata e convincente; Johan Heldenbergh ( A day in a Life, 2007, Una storia d’amore, 2012 ), nel ruolo del marito-eroe, credibile e coerente ma che non resterà memorabile; e Daniel Brühl ( a meno di 40 anni ha già partecipato a più di 40 film ) in un ruolo un po’ stereotipato del buono-cattivo ambiguo nazista. Il cast è completato da Daniel Michael McElhatton, Iddo Goldberg, Efrat Dor, Shira Haas, Val Maloku, Timothy Radford, Martha Issová, Goran Kostić e Arnošt Goldflam.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere