Sabato 1 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La sposa promessa PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 21 novembre 2012

Titolo: La sposa promessa
Titolo originale: Lemale et ha'halal
Israele: 2012. Regia di: Rama Burshtein Genere: Drammatico Durata: 90'
Interpreti: Hadas Yaron, Yiftach Klein, Irit Sheleg, Chaim Sharir
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 15/11/2012
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Minimalista
Scarica il Pressbook del film
La sposa promessa su Facebook

la_sposa_promessa_leggero.pngVolete conoscere come vivono gli ebrei chassidici ortodossi di Tel Aviv ? Osservare come si regolano per le faccende amorose, i matrimoni e le feste comandate ?
Questo film ve ne da’ una oggettiva trasposizione e vi farà scoprire un piccolo universo claustrofobico ma in fondo accettato da tutti come in una qualsiasi comunità ristretta e prigioniera di tradizioni che spesso mostrano i loro limiti intrinsechi.

Una comunità dove uomini e donne obbediscono senza fiatare e senza avere un minimo dubbio, dove però le donne hanno ancora più limitata autonomia e i matrimoni vengono decisi dalle famiglie per le motivazioni più personali da parte degli adulti e in questo caso dalla madre di lei.

La regista Rama Burshtein - che ha scelto lo chassidismo da adulta – realizza questo film minimalista con uno sguardo distaccato, e sembra aver letto con attenzione i romanzi di Jane Austen. La storia inizia durante la festa del Purim, una ricorrenza religiosa che dura due giorni e che inizia dopo un altro di completo digiuno per la purificazione dell'animo, fatto di preghiere per avere una maggior forza d'animo e poter affrontare le difficoltà della vita.
La diciottenne Shira, figlia buona e remissiva di un rabbino della comunità ( Hadas Yaron, che per questo ruolo ha vinto la Coppa Volpi come migliore attrice protagonista all’ultimo Festival di Venezia ), intravede per la prima volta il suo futuro sposo ed è felice per la scelta che hanno fatto i loro genitori ed anche perché immagina una vita di donna adulta e libera. Ma succede una tragedia, la sorella maggiore Esther muore di parto lasciando suo marito Yochay con il neonato; i genitori rinviano a non si sa quando l’ufficializzazione del fidanzamento di Shira.
Ma il giovane vedovo decide allora di risposarsi perché ha bisogno di una donna che curi il bambino, e nella loro comunità c’è l’elenco delle donne libere che potrebbero unirsi a lui: gli viene proposta una sua amica d’infanzia, vedova e che vive in Belgio, quindi si dovrà trasferire in Europa. Ma la notizia sconvolge la madre di Shira che dopo avere perso una figlia non vuole anche perdere una nipote appena nata e tra uno svenimento e un pianto decide che Shira sposi Yochay, anche se tutto reputano la cosa sbagliata e fuori dalle regole.
E da questo momento c’è un no e un sì ripetuto della ragazza che rifiuta, poi sembra accettare – quando il fidanzato promesso decide di sposare un’altra stanco dell’attesa -, poi accetta dicendo che non lo ama davanti al rabbino che quindi non può permettere il matrimonio e così via fino a che pur ammettendo la sua infelicità decide di sposare quell’uomo che non ama e che ha almeno dieci anni più di lei. Storia minimalista realizzata in modo essenziale e con distaccata partecipazione.

La regista ( e suo marito ) usano una specie di kammerspiel – un’impostazione teatrale ma anche tipica del Cinema tedesco degli Anni Venti del secolo scorso - dove tutto il film si muove in interni e la messa in scena è data da effetti flou e da chiaroscuri di primi piani nella penombra. Il dramma è scarnificato, privo di psicologismi e di analisi sociologiche ( Il mondo interiore e quello esteriore, la vita di famiglia e il mondo esterno, la tradizione e la modernità, la religione e le sue ritualità legate al passato, l’individualismo e la collettività ).

Interessante, per chi ama scoprire mondi a parte, le ritualità e il modo di essere così distante da noi, con uomini dalle trecce lunghe e praticanti senza alcun dubbio e donne con lo sheitel in testa, sigillo sponsale a cui ogni giovane donna della comunità aspira anche per non sentirsi zitella.
Ma in questa comunità così rigida e ortodossa ci sono anche piccoli sommovimenti sotto traccia come in qualsiasi giovane di oggni tempo che tuttavia non giungono mai a un terremoto esistenziale o ad una pur minima contestazione di riti e obblighi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere