HOME arrow RECENSIONI: arrow La vita di Adele
Lunedì 26 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La vita di Adele PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 27 ottobre 2013

Titolo: La vita di Adele
Titolo originale: La vie d'Adele
Francia, Spagna, Belgio: 2012. Regia di: Abdellatif Kechiche Genere: Drammatico Durata: 179'
Interpreti: Adèle Exarchopoulos, Léa Seydoux, Jeremie Laheurte, Catherine Salée, Aurélien Recoing, Sandor Funtek, Aurelie Lemanceau, Baya Rehaz, Karim Saidi
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.luckyred.it/la-vita-di-adele
Nelle sale dal: 24/10/2013
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Arioso
Scarica il Pressbook del film
La vita di Adele su Facebook

laviedadele_leggero.pngIn questi tempi di vacche magre, quasi una quaresima delle idee, giunge nele sale italiane il film di Kechiche; accurato nella confezione, fresco nell’ impostazione, con un attenzione alla psicologia delle due protagoniste.
Con grande maestria studia le sfumature, le incomprensioni e i comportamenti del cuore di due giovani donne che si innamorano e instaurano una classico rapporto di coppia con le stesse contraddizioni e le stesse passioni che possono scoppiare in una coppia etero.

Kechiche ha una particolare predilezione per lo scrittore Pierre Carlet de Mariveaux e anche questa volta lo cita sin dalla prima inquadratura. Infatti il film incomincia in una classe di liceo dove un professore fa leggere agli allievi il romanzo “ La vita di Marianna “ per l’ appunto di Mariveaux, in cui oltre l’amore e alle sue conseguenze sviluppa anche il registro della coscienza. Unico altro gioco intellettuale nel film è l’incontro di Adele con un ragazzo con cui farà l’amore per la prima volta e con il quale non proverà nessun piacere, forse perché lui, nella sua vita, ha letto solo un libro con interesse “ Les liaisons dangereuses “ di Pierre Choderlos de Laclos: Mariveaux contro de Laclos, l’amore genuino e semplice contro l’amore libertino.
Il film oltre ad avere ottenuto all’unanimità al Festival di Cannes la Palma d’ oro ( celebrata con una standing ovation da parte di tutto il pubblico in sala ) ha ricevuto anche il Premio per le due attrici protagoniste ( Adele Exarchopoulos e Léa Seydoux ): come ha dichiarato il Presidente della giuria Spielberg ,“ ... bastava sbagliare il cast per un soffio e il film avrebbe ceduto “.

Potrebbe sembrare questo film una marcia trionfale ed invece quello che è chiamato il “ Metodo Kechiche “ è stato giudicato poco corretto da parte di una delle due attrici e da alcuni della troupe che hanno dichiarato lo sfinimento psicologico delle due attrici e lo sfinimento fisico delle maestranze che hanno lavorato con ritmi molto sostenuti.
Per quello che riguarda soprattutto l’attrice Adele Exarchopoulos si è sicuramente trattato di un metodo ai limite della ferocia ma anche assai efficace per la realizzazione della storia, un confine tra recitazione e vita reale in cui la giovane attrice deve aver trovato delle confusioni personali.
Dicevamo all’inizio che in questi tempi di vacche magre, un film del genere può assorgere a capolavoro.
Ma capolavoro non è, anche se resta un ottimo film.
Perché per noi una qualsiasi storia d’amore ( anche se fosse Anna Karenina ) non può durare oltre le tre ore di film, perché un indugiare ( anche se efficace ) così a lungo su scene di sesso esplicito sembra quasi che rivelino una passione personale del regista più che per un’esigenza naturale drammaturgica; e anche il sesso fatto nelle camere delle rispettive ragazze con i genitori alla porta accanto sembra una provocazione che non arriva al suo obiettivo ‘ sovversivo ‘.

La storia è di una semplicità estrema, una ragazza liceale etero e senza dubbi in testa ( una meravigliosa Adele Exarchopoulos: a soli 19 anni ha già nel suo curriculum la partecipazione al film francese “ Martha “, alla serie tv R.I.S. e al film “ Boxes “ ), dopo un rapporto sessuale con un ragazzo del suo liceo che la lascia del tutto indifferente, camminando per strada vede una ragazza dai capelli dal colore impossibile e dagli atteggiamenti maschili ( interpretata da una brava e algida Lea Seydoux ) ed è sconvolta, la sogna eroticamente di notte e casualmente la incontra qualche giorno dopo in un bar di gay e lesbiche quando accompagna un suo amico di classe omosessuale.
Emma ha un carattere deciso e diretto ma anche protettivo verso la ragazzina ingenua e indecisa; è un’intellettuale e studia alle Belle Arti. Adèle invece vuol fare la maestra, trasmettere un sapere agli uomini e alle donne del futuro, non si intende d’arte e le piace essere una semplice casalinga qualndo non lavora.
Emma invece è creativa e vuole diventare una pittrice, Adèle ha sogni piccolo borghesi. Il loro amore pur grande e pur negli anni va a scontrarsi con le differenze culturali e gli interessi diversi, e come tutte le coppie lei diventa una ‘ casalinga insoddisfatta ‘ l’altra è troppo presa dalla sua carriera.
Una ‘ classica ‘ storia d’amore che sembra per tutta la vita e che invece si interrompe per insoddisfazione e per tradimenti, una storia tratteggiata con limpidezza e senza piscologismi, in cui la carnalità è il centro dell’amore ed è anche priva di morbosità cosa rara in un mondo, anche creativo, che guarda la vita dal buco della serratura.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere