Venerdì 19 Ottobre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
rampage_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Loveless PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 20 dicembre 2017

Titolo: Loveless
Titolo originale: Loveless
Russia 2017 Regia di: Andrey Zvyagintsev Genere: Drammatico Durata: 128'
Interpreti: Maryana Spivak, Aleksey Rozin, Matvey Novikov, Marina Vasilyeva, Andris Keiss, Aleksey Fateev, Varvara Shmykova, Daria Pisareva, Yanina Hope, Maxim Stoianov
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 06/12/2017
Voto: 8
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Rigoroso...
Scarica il Pressbook del film
Loveless su Facebook

Abbiamo visto “ Loveless ” diretto da Andrey Zvyagintsey.

loveless.jpgZhenya e Boris sono una coppia ancora giovane che si è separata. Nonostante abbiano già due nuovi partner assolutamente affidabili e gentili, conservano un rancore e un risentimento tali da renderli due esseri orribili; probabilmente lei ritiene di essere migliore di ciò che riceve dalla vita, mentre lui è privo di personalità emotiva, un sacco vuoto. Chi ne paga le conseguenze dei loro scontri e della loro pochezza umana è il povero figlio dodicenne Alyosha, che nessuno dei due ama veramente e in pratica non sanno cosa farsene. Il povero bambino solitario e silente assiste all’indifferenza dei genitori oltre che ai terribili litigi che hanno, non ricevendo da loro nessuna attenzione. Mentre il padre è distante ed è già in attesa di un nuovo figlio dalla giovane compagna e la madre passa la notte dall’amante, Alyosha decide di scomparire; ma la madre solo dopo quasi due giorni si accorge che il bambino non è in casa e si è assentato da scuola. Fanno la denuncia alla polizia, si fanno aiutare da un’associazione che aiuta a trovare gli scomparsi, e su insistenza di un volontario si mettono stancamente alla ricerca del bambino, provando anche a cercarlo dall’orribile nonna materna. Per qualche giorno la loro vita cambia ma non certo il loro modo di sentire e vedere il mondo…

Andrey Zvyagintsey continua col suo racconto sulla società russa ( iniziato con il notevole Il ritorno, 2003 e proseguito con Elena 2011 e Leviathan 2014 ), con una realtà priva di punti di riferimento, fatta di solitudine e al limite dell’umano. E con Loveless, la realtà umana appare sempre più statica, immobile, asfittica e per questo disumana se non agghiacciante. Con il solito stile asciutto e algido, Zvyagintsey descrive i due protagonisti privi di qualsiasi pietà, senza alcuna empatia o solidarietà umana, e così facendo mette in discussione l’intera società russa; allo stesso tempo sceglie di non trovare alcuna giustificazione per l’atteggiamento dei singoli che hanno perso qualsiasi senso di humanitas e di appartenenza familistica e vivono in un egoismo asfittico e atroce. La madre, Zhenya ( una convincente Maryana Spivak ), rimasta incinta casualmente e sposatasi per fuggire di casa e da una madre priva di qualsiasi sentimento, tratta questo figlio come un impiccio ed è convinta che la nuova relazione cambierà la sua vita: probabilmente più economicamente che sentimentalmente; il padre Boris ( Aleksey Rozin, anche lui molto bravo ) osserva questo figlio solo come un fastidio ma allo stesso tempo ha già messo incinta la giovane nuova compagna con la quale ha un legame che invece di dargli una nuova speranza lo rinchiude ancora più in se stesso: in fondo l’unico interesse che ha Boris verso la moglie e il figlio deriva dal fatto che nell’azienda in cui lavora si deve essere regolarmente sposati altrimenti si perde il posto; e poi c’è il tartassato Alyosha ( Matvey Novikov ) che non sembra appartenere a nessuno se non alla sua sventura di figlio e paga tutti i peccati del mondo.

Zvyagintsey è un regista rigoroso e forse implacabile, che resta nella mente dello spettatore, vedere un suo film è impegnativo emotivamente e quasi assoluto nell’analisi; è un po’ come ritornare a un cinema d’altri tempi, in cui restano ancora dei rimandi dal cinema di Sokurov a quello di Tarkosky, del primo probabilmente c’è la spasmodica ricerca del senso della vita, senza tuttavia trovarla, del secondo lo sconfinamento tra natura e umanità. Con Loveless riconferma le sue doti più profonde, raccontando una storia di disperazione umana con stile minimalista e realista, con un prologo e un epilogo straordinari per il cinema di oggi e anche lo svolgimento della storia è senza compromessi, di un’asprezza coraggiosa e una carica di dolore fuori dal comune ( la scena dell’obitorio ).

Il film ha ottenuto il Premio della giuria all’ultimo Festival di Cannes ed è candidato all’Oscar come miglior film straniero.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere