HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Maternity Blues - Il bene dal male
Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Maternity Blues - Il bene dal male PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
lunedì 07 gennaio 2013

Titolo: Maternity Blues - Il bene dal male
Titolo originale: Maternity Blues - Il bene dal male
Italia: 2011. Regia di: Fabrizio Cattani Genere: Drammatico Durata: 95'
Interpreti: Andrea Osvart, Monica Barladeanu, Chiara Martegiani, Marina Pennafina, Daniele Pecci, Elodie Treccani, Pascal Zullino, Giulia Weber, Lia Tanzi, Pierluigi Corallo, Giada Colucci, Franca Abategiovanni, Amina Syed
Sito web ufficiale: www.maternityblues.it
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 27/04/2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Onesto
Scarica il Pressbook del film
Maternity Blues - Il bene dal male su Facebook

maternityblues_leggero.png“Maternity Blues”, con la regia di Fabrizio Cattani, è stato sceneggiato dallo stesso Cattani e dall’autrice dell’opera letteraria dalla quale il film è tratto, Grazia Verasani.
Ora è disponibile in Dvd, distribuito dalla Fandango e CG Home Video, con interessanti contenuti speciali: il Making of, le Scene Tagliate, il Video Musicale e il Trailer.

Clara viene condotta nell’Ospedale Psichiatrico Giudiziario per aver commesso un infanticidio. Nella sua stessa condizione versano numerose donne, tra queste Clara fa la conoscenza della fragile ventitreenne Rina, dell’apparentemente sprezzante e provocatoria Eloisa e di Vincenza, che dopo sei anni passati a espiare la sua colpa, non riesce a sopportarla.
Quella che Cattani fotografa è una struggente verità, analizzata con sagacia. Tratteggia un tema ostico, di cui non si vuol sentir parlare e/o di cui si ignora la gravità.

L’infanticidio è una problematica importante, che troppo spesso viene colta e affrontata con superficialità, sia da parte dei familiari dell’infanticida, sia dalla società, abituata a giudicare frettolosamente e sommariamente situazioni scomode.
Eppure la depressione post-parto non è uno scherzo, ne tantomeno una semplice tristezza.
È qualcosa di più profondo e nascosto che si annida nell’animo umano e può esplodere in forme gravi e inaspettate. Capita che siano madri lasciate sole, senza una mano d’aiuto, che sacrificano tutto di se stesse: il proprio corpo, il sonno, le proprie energie, i rapporti interpersonali e ogni minuto della giornata, senza staccare mai. In alcuni casi sono donne che hanno subito o subiscono maltrattamenti e quindi più inclini a cedere psicologicamente.
La società con i suoi giudizi affettati non è di sostegno.
Si fa presto a definire un individuo, senza conoscere i fatti, come fa un personaggio di passaggio nel film. “Maternity Blues” non assolve e non condanna, dà una lucida visione di come si sentono queste quattro donne, non generalizza, ma prende in esame quattro diversi casi e li porta avanti con onestà.
Il senso di colpa è insopportabile e due di loro distruggono ogni possibile futuro: una in maniera definitiva, l’altra allontanando il marito disposto a ricominciare un passo alla volta.

Il regista dà spazio anche all’altra parte ferita, al padre/marito, che cerca di ricostruirsi una vita, non riuscendo a farsene una ragione, ma prendendosi la sua porzione di responsabilità. Il film fa pensare e spinge a provare sentimenti di tolleranza e comprensione, non per l’atto in sé, ma per cosa lo abbia provocato. Se la donna è l’arma, chi l’ha caricata?
È questo che bisognerebbe domandarsi. Il problema di fondo è che la società– tutti noi – in cui viviamo sembra rifiutarsi di comprendere “qualcosa che la psicologia e l’antropologia moderna hanno da tempo verificato: il cosiddetto istinto materno non esiste” hanno spiegato gli autori. In effetti ci sono donne che non vedono l’ora di diventare madri e donne che non lo desiderano affatto e questo è nell’ordine delle cose, non è giusto fargliene una colpa, come invece succede.

Da tempo immemore le donne/mogli culturalmente sono spinte a fare figli, è loro dovere, se non vogliono essere considerate delle cattive persone o peggio. Oggi la libertà di cui gode la donna nei paesi occidentali e l’ignoranza dalla quale si è sottratta la rende più decisionista della propria vita e del proprio corpo, ciò non toglie che la problematica esista.
“Maternity Blues” è un film che tutti dovrebbero vedere, ben costruito e argomentato, lascia il segno.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere