Venerdì 17 Agosto 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
tomb_raider_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Mo’ Better Blues PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 22 gennaio 2018

Titolo: Mo’ Better Blues
Titolo originale: Mo’ Better Blues
USA 1990 Regia di: Spike Lee Genere: Drammatico Durata: 125'
Interpreti: Danzel Washington, Spike Lee, John Turturro, Giancarlo Esposito, Wesley Snipes, Samuel Jackson, Bill Nunn, Robin Harris, Joie Lee, Cynda Williams
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 12/09/1990
Voto: 7
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Musicale....
Scarica il Pressbook del film
Mo’ Better Blues su Facebook

mo_better_blues.jpgBleek Gilliam, nato e cresciuto a Brooklyn, fin dall’infanzia è spinto dai suoi genitori a imparare a suonare la tromba. Crescendo diventerà un celebre trombettista che si esibirà assieme alla sua band principalmente nel jazz club dei fratelli Flatbush.

Il jazz suonato da Bleek e dai ‘suoi ragazzi’ è un inno a un genere musicale che affonda le proprie radici nella cultura afro americana.
Al tempo stesso la vera colonna sonora della ‘Grande Mela’ ovvero un pretesto per narrare una storia di vita e amicizia all’ombra dei projects della città tanto amata dallo stesso Lee, il quale firmò il suo secondo lungometraggio, dopo Fa’ la cosa giusta, esportato con grande dispiegamento di forze fin’oltre oceano, capace di trasformarlo definitivamente da semplice regista per pochi fedeli cultori a intrattenitore per spiriti liberi, interessati anche alle storie delle minoranze.

La New York di fine anni ‘80 raccontata da Spike Lee, presente anche nel ruolo di protagonista, è vista attraverso le interpretazioni degli attori che hanno fatto la storia del suo cinema: da Wesley Snipes a Samuel Jacskon e John Turturro con particolari menzioni per sua sorella Joie, nel ruolo di Indigo, e Danzel Washington, in quello di Bleek Gilliam.
La narrazione dell’esistenza di questo trombettista abile ma dissoluto è necessaria per raccontare parte di quelle passioni che da sempre attraversano la vita del regista a cominciare dalla profonda amicizia e fratellanza fra uomini sempre pronti nel retro di un camerino a prendersi gioco l’un l’altro, fino ad arrivare all’amore incondizionato per un genere musicale suonato per una vita da suo padre, presente nel ruolo di consulente musicale.

La pellicola fu accolta oltre oceano carica di grandi attese e in seguito presentata al festival del cinema di Venezia.
Al tempo stesso fu trattata alla stregua di un lungo videoclip e una storia fine a se stessa della quale si perde il senso nonostante la promettente idea iniziale basata sulle biografie dei più grandi Jazzisti, da Charles Mingus al più volte citato John Coltrane. Un film che quindi piacerà molto a chi ama incondizionatamente il Jazz e anche le storie di musica non necessariamente dall‘anima nera.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere