Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Molto forte, incredibilmente vicino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 27
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 23 maggio 2012

Titolo: Molto forte, incredibilmente vicino
Titolo originale: Dark Shadows
USA: 2011. Regia di: Stephen Daldry Genere: Drammatico Durata: 129'
Interpreti: Tom Hanks, Thomas Horn, Sandra Bullock, Zoe Caldwell, Dennis Hearn, Paul Klementowicz, Julian Tepper, Caleb Reynolds, John Goodman, Max von Sydow, Stephen Henderson, Lorna Pruce, Viola Davis, Jeffrey Wright, Hazelle Goodman
Sito web ufficiale: www.extremelyloudandincrediblyclose.warnerbros.com
Sito web italiano: wwws.warnerbros.it/extremelyloudandincrediblyclose
Nelle sale dal: 23/05/2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Sofferto
Scarica il Pressbook del film
Molto forte, incredibilmente vicino su Facebook
Mi piace

moltoforteincredibilmentevicino_leggero.png“Molto Forte Incredibilmente Vicino” è l’adattamento cinematografico dell’acclamato romanzo di Jonathan Safran Foer (edito in Italia da Ugo Guanda Editore – giunto alla tredicesima ristampa). Vi si racconta la storia dell’undicenne Oskar Schell, che a un anno dalla morte del padre, Thomas, trova una chiave nascosta tra i suoi oggetti.
Oskar pensa sia un indizio per lui, per spingerlo a scoprire cosa apre. Il bambino mette in moto il gioco di perlustrazione e investigazione che soleva preparagli il padre.
Il suo programma è di bussare a tutte le porte dei Black di New York City, cognome scritto sulla busta contenente la chiave. Alla sua ricerca si unirà lo strano inquilino, che abita dalla nonna.
Quella che impegnerà i due sarà una vera e propria avventura.

La pellicola, come il romanzo, affronta il dolore di coloro che sono sopravvissuti ai propri cari, morti nell’attentato dell’11 settembre 2001. Per il protagonista trovare la serratura giusta è come cercare un ago in un pagliaio in un tessuto urbano davvero ampio, ma questo impegno lo distoglie dalla sofferenza intollerabile per la perdita del suo migliore amico: il padre, che lo capiva meglio di chiunque altro e col quale aveva creato un rapporto di parità.

La storia viene raccontata dal punto di vista di Oskar, di come questi non riesce a trovare una ragione logica dell’accaduto e si rifugia nell’unica cosa che riesce a tenere sotto controllo, analizzare e verificare: il gioco che amava fare col padre. In questo modo è convinto di avvicinarsi a lui e non dovergli dire addio.
Per il bambino sarà un momento di crescita e di elaborazione del dolore. Durante la sua ricerca, infatti, incontrerà persone di ogni genere, che allevieranno la sua pena e gli daranno modo di osservare quale universo multisfaccettato lo circondi. Oskar è un bambino intelligente, che vola di fantasia, ma è anche esagitato, pieno di fobie e “ha un’opinione precisa su tutto” – ha spiegato il regista.

È stata questa complessità a fargli amare il libro. Il personaggio è stimolante e raccontato in tutti gli stati d’animo possibili, in alcuni momenti il suo comportamento risulta detestabile, eccessivamente nevrotico e insolente.
Alla sua prima prova attoriale Thomas Horn è stato abile nel definire il carattere e l’animo di un ragazzino, che ha un estremo bisogno di colmare un vuoto troppo grande.
L’intento di Daldry è stato quello di mostrare un volto, un punto di vista di come si affronta una determinata perdita e la sofferenza che ne scaturisce, di come si reagisce e se ne esce ognuno a modo proprio.
Il personaggio della madre, Linda, soffre doppiamente: sia per la perdita del marito, che per la distanza emotiva che il figlio ha posto tra di loro. Cerca di essere paziente e aspetta che sia il bambino a cercarla, sopportando tutta la sua ostilità.
Linda ha avuto sempre molta difficoltà nel comunicare col figlio, quando Thomas era vivo la sua figura era quella più defilata. Il padre era l’unico che aveva scovato il modo di gestire l’irrequietezza di Oskar e che lo spronava continuamente a superare la sua ritrosia verso gli altri.
La distanza tra madre e figlio dopo la scomparsa di Thomas aumenta notevolmente.
La performance di Sandra Bullock è toccante, ricca di spessore, fa sua la sofferenza di Linda, facendola fuoriuscire con una grazia che colpisce immediatamente lo spettatore. La sua recitazione spesso algida e distaccata in passato, qui scompare.

L’interpretazione più bella di tutte rimane quella del talentuoso Max Von Sydow, che veste i panni dell’affittuario avvolto dal mistero, che non dice neanche una parola, comunicando con frasi scritte sul suo taccuino.
Quando entra lui in scena si avverte immediatamente un cambiamento di tono del film, ogni sentimento e stato d’animo sono scolpiti sul suo volto. La sua gestualità, il suo modo di rapportarsi con chi ha intorno rimane impresso, come la sua performance. Pochi sono gli attori che possiedono questa eccellenza recitativa.
Stephen Daldry ha dichiarato: “Onestamente credo che abbia creato uno dei personaggi più straordinari della sua carriera; un personaggio pieno di sfumature, complicato, divertente e sensibile... il tutto senza pronunciare una parola.” Non è detto, vista la tematica affrontata, che la commozione arrivi a tutti, ma sicuramente “Molto Forte Incredibilmente Vicino” ha ottimi elementi per piacere ed essere ricordato.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere