Martedì 16 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Monsieur Lazhar PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 38
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
sabato 21 luglio 2012

Titolo: Monsieur Lazhar
Titolo originale: Monsieur Lazhar
Canada.: 2011. Regia di: Philippe Falardeau Genere: Drammatico Durata: 94'
Interpreti: Mohamed Fellag, Sophie Nélisse, Danielle Proulx, Jules Philip, Émilien Néron, Brigitte Poupart, Francine Ruel, Louis Champagne
Sito web ufficiale: www.monsieurlazhar.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 31/08/2012
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Veritiero
Scarica il Pressbook del film
Monsieur Lazhar su Faceboo

monsieurlazhar_leggero.pngCandidato agli Oscar 2012 come Miglior Film Straniero, “Monsieur Lazhar” è diretto dal regista canadese Philippe Falardeau. Ha partecipato a diversi Festival, tra cui il Sundance Film Festival, ed è stato premiato quasi in tutti.
Vi si racconta la storia di Bachir Lazhar, un immigrato algerino, che si presenta in una scuola di Montreal e si offre come supplente, dopo la tragica morte di un’insegnante.
Bachir cerca di comunicare fin da subito con la sua classe, che sta vivendo un periodo di crisi, come tutta la scuola. Il modo semplice e naturale che ha nell’approcciarsi ai bambini e l’interazione con loro dà modo anche a lui di assimilare il suo personale dramma.

“Monsieur Lazhar” è l’adattamento dell’opera teatrale di Evelyne de la Chenelière, ampliata e immaginata da Falardeau, che ha scritto la sceneggiatura. Per dar forma a questa pellicola il regista si è recato in Algeria per capire meglio la storia che ha alle spalle il suo protagonista. Bachir lascia tutto un mondo dietro di sé, accompagnato però quotidianamente da sofferenza, tristezza e amarezza.
Lo spettatore non ha modo di vedere ciò che gli è successo, ma può farsene un’idea attraverso la sua espressività e i sentimenti, che poco a poco lascia trasparire, oltre che da alcuni accenni fatti durante lo sviluppo del racconto.
Differentemente dall’opera teatrale, nel film non tutto gira intorno a Bachir, ma c’è uno scambio equo di situazioni messe in primo piano, tanto quanto i personaggi: i bambini, soprattutto Alice e Simon, occupano un ruolo centrale e determinante. Sono varie le tematiche sottolineate, per Falardeau non è semplicemente un film sull’elaborazione del lutto, il suo interesse ha puntato su come “la metabolizzazione del lutto avvenisse in un contesto in cui ci fosse l’incontro tra un immigrato e noi” ha spiegato.

Altro aspetto messo ben in evidenza è il rapporto tra i ragazzi e gli adulti a scuola. Nel corso degli anni si sono date delle regole per cui agli insegnanti è stato vietato toccare gli alunni, per qualsiasi motivo, anche quello più umano, per evitare possibili situazioni ambigue. Il risultato però è spesso quello di nuocere alla creazione stessa di questi rapporti, fatti di un distacco che appare innaturale. Quante volte un bambino con problemi familiari si confida col proprio insegnante perché lo ritiene il più vicino a lui, dopo i suoi genitori, proprio come capita a Simon.
Oggi si tende a vedere sempre e comunque del marcio anche in un abbraccio consolatorio o, semplicemente, umano. Situazione analoga la si riscontra nel più recente “Detachment – Il distacco”, dove il supplente viene redarguito con lo sguardo da una collega per aver consolato una sua alunna con un abbraccio.
Queste sono reazioni naturali, innaturale è vedere qualcuno piangere e disperarsi e rimanere immobili e scostanti.
Per quanto riguarda l’ambientazione, a Falardeau piace osservare e documentarsi per ottenere un quadro realistico delle storie che tratta.
Ha visitato diverse scuole elementari, osservando, per esempio, come i bambini si muovono nei propri banchi. Inoltre i disegni appesi ai muri delle classi sono frutto dell’attività di ragazzi, raccolti in vere scuole.
Il personaggio di Bachir è ricco di spessore e colpisce subito l’attenzione.

È un uomo con la sua dignità, che non fa mai venire meno. Mette da parte se stesso e il suo dolore per aiutare i ragazzi della sua classe. È l’unico adulto che vuole portare i bambini a sfogarsi, a parlare di quanto accaduto, facendo fuoriuscire le emozioni che stanno trattenendo.
Nessun altro vuole parlare con loro: i genitori, per quanto non si vedono, pensano che basti semplicemente non citare l’episodio, perché tutto questo scivoli via dai loro figli come se niente fosse. Probabilmente perché non saprebbero da dove iniziare a comunicare con loro e poi perché vogliono tenere lontano lo spettro della morte - pensiero comune a tutti gli occidentali - e così facendo se ne avrà sempre paura generazione dopo generazione.
“Monsieur Lazhar” è un film che accende la discussone, mettendo davanti agli occhi molte debolezze degli adulti, che si trasferiscono spesso sui più piccoli.
È toccante e coinvolgente, come pochi, trattando un argomento così delicato. Il regista è stato bravissimo nel guidare i suoi attori e nel raccontare una storia dolorosa con sensibilità e profondità.
È un film che merita una visione attenta e aperta, aperta alla commozione e alla riflessione. Da non perdere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere