Domenica 7 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Noah PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 30
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 11 aprile 2014

Titolo: Noah
Titolo originale: Noah
USA: 2014. Regia di: Darren Aronofsky Genere: Drammatico Durata: 138'
Interpreti: Russell Crowe, Jennifer Connelly, Ray Winstone, Emma Watson, Anthony Hopkins, Logan Lerman, Douglas Booth, Julianne Moore, Martin Csokas, Jóhannes Haukur Jóhannesson, Arnar Dan, Kevin Durand, Dakota Goyo, Mark Margolis, Madison Davenport, Nick Nolte
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.noah-ilfilm.it
Nelle sale dal: 10/04/2014
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Vegetariano
Scarica il Pressbook del film
Noah su Facebook

noah_leggero.pngBisogna dar credito a Darren Aronofsky di aver dimostrato un encomiabile sprezzo del pericolo, nell'imbarcarsi (è il caso di dirlo) in una trasposizione cinematografica ad alto rischio.
Tirare in ballo la Genesi, Noè e il Diluvio Universale senza piombare di colpo nel polveroso sottogenere biblico alla Cecil B. DeMille era un'impresa ostica, considerato che persino il povero John Huston con "La Bibbia" (1966) toccò con uno dei punti più bassi della sua carriera. Eppure l'ambizione e una buona dose di delirio d'onnipotenza hanno generato un pargolo quanto meno curioso, imperfetto ma non scevro da motivi d'interesse.
L'intuizione vincente di Aronofsky e del suo fido sceneggiatore Ari Handel è stata quella di fondere in un connubio contro natura il biblico con il fantasy e il catastrofico, scantonando dall'ortodossia e imprimendo al tema un'impronta assai personale, del tutto inaspettata in un blockbuster da 130 milioni di dollari. D'altro canto, la riconosciuta tendenza del regista al kitsch magniloquente (vedi il famigerato "The Fountain") è sempre in agguato, con esiti non sempre propizi.

Il Noah di Russell Crowe, ben lungi dal corrispondere al biblico patriarca della vulgata, è un parente prossimo del Max Cohen di "Pi - Il teorema del delirio" (1997) il quale si affidava alle complesse speculazioni numerologiche della Qabbalà per svelare il vero nome di Dio. La sola differenza è che il Dio di Noah, pur manifestandosi attraverso sogni e allucinazioni, fornisce prove inoppugnabili della propria esistenza, la quale non può essere messa in discussione.
Per il resto, Noah è uno dei caratteristici personaggi tormentati e ossessivi del regista americano, non tanto dissimile dalla Nina de "Il Cigno nero" (2010) e dalle anime perse di "Requiem for a Dream" (2000). In un contesto in cui sono evidenti i richiami alla contemporaneità (inquinamento, guerre, massacro indiscriminato delle specie animali), la potente caratterizzazione del personaggio ne amplifica la modernità, rendendolo una via di mezzo tra Curtis, il nevrotico protagonista del "Take Shelter" di Jeff Nichols, e un visionario abitato dal verbo divino.

In una terra desolata, percorsa dalle orde dissennate della stirpe di Caino, Noah non ha alcuna difficoltà a comprendere, accettare e condividere il disegno di Dio. Morte per acqua per il genere umano, reo di aver tradito le aspettative, e salvezza per tutti gli animali, i quali sono innocenti per definizione. Assecondato nei suoi propositi dalla moglie Naameh, dai figli Sem, Cam e Jafet e dalla figlia adottiva Ila (una new entry), Noah dovrà però guardarsi dalla marmaglia capitanata da Tubal-cain, peccatori incalliti poco propensi a conformarsi ai progetti divini. Per fortuna Noah potrà contare sull'appoggio dei Guardiani, la versione di Aronofsky dei Nephilim biblici, che rammentano in maniera sospetta gli Ent di Peter Jackson.
Oltre al pericolo che viene dall'esterno, il protagonista dovrà però fronteggiare anche una nutrita serie di psicodrammi familiari, dalla ribellione adolescenziale di Cam al parto gemellare di Ila.

Aronofsky si lascia prendere la mano in più occasioni, sia quando attinge a una stucchevole iconografia da catechismo, come nelle sequenze nel Giardino dell'Eden o nel racconto dei sei giorni della Creazione (il quale fa rimpiangere amaramente il Malick di "The Tree of Life"), che quando imbastisce una scena di battaglia, l'assalto all'Arca degli uomini di Tubal-cain, che sembra tolta di peso da "Il Signore degli Anelli", con i Guardiani che ascendono al cielo come i gargoyles di "I, Frankenstein".
Ma è proprio in questa disinvolta mescolanza di alto e basso, di cultura pop e di ossessioni private, di esuberanza da blockbuster e di spericolato cinema d'autore, che il film trova un bislacco equilibrio, anche se il risultato non soddisfarà tutti i palati. Per sfondare al botteghino "Noah" è infatti un kolossal troppo "deviante", mentre si abbandona a troppe concessioni al gusto corrente per rallegrare i cinefili tutti d'un pezzo.
E se le scene del Diluvio Universale rammentano le incisioni del Dorè rivisitate attraverso gli effetti CGI, a salvarsi dal naufragio (oltre all'Arca) è in primis un possente Russell Crowe, forse l'unico attore in grado di conferire spessore e credibilità a personaggi "larger than life". Il suo Noah, per metà Giobbe e per metà Abramo, passa dall'invasamento divino alla maniacalità compulsiva con consumata disinvoltura, mentre la forzata reclusione sull'Arca fa deflagrare tensioni sopite e Tubal-cain, armato dell'orgoglio di Lucifero, si tramuta nel doppio oscuro del protagonista.
Ugualmente all'altezza Ray Winstone nella parte dell'antagonista, "artefice di strumenti di bronzo e di ferro" secondo la Bibbia, e Jennifer Connelly nel ruolo di Naameh, mentre desta qualche perplessità vedere Anthony Hopkins incerto se interpretare Yoda o Matusalemme.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere