Giovedì 29 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Noi 4 PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 26
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 27 marzo 2014

Titolo: Noi 4
Titolo originale: Noi 4
Italia: 2014. Regia di: Francesco Bruni Genere: Drammatico Durata: 93'
Interpreti: Ksenija Rappoport, Fabrizio Gifuni, Lucrezia Guidone, Francesco Bracci, Raffaella Lebboroni, Milena Vukotic, Gianluca Gobbi, Giulia Li Zhu Ye
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 20/02/2014
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Modesto
Scarica il Pressbook del film
Noi 4 su Facebook

noi4_leggero.pngIn tempi di vacche magre come questi in cui la medietà cinematografica italiana si aggira tra film come “ Un boss in salotto “ o “ Sole a catinelle “, è difficile per chi ama e conosce il Cinema vedere film italiani, analizzarli e giudicarli.
Anche se un film come “ Noi4”, è sicuramente molto distante come Commedia da altre pellicole di questi tempi tuttavia risulta di una modestia e di una ‘ semplicità ‘ buonista che se solo li confrontassimo con le pellicole dei nostri padri ( Monicelli, Lattuada, Pietrangeli... ) o anche al solo confronto di tanto buon Cinema di oltreconfine, dovremmo abbassare lo sguardo e pensare ad altro.

E’ raro vedere un film in cui nei primi dieci minuti si assiste quasi in tempo reale al risveglio dei quattro protagonisti, dopo che sui titoli di testa si è visto una serie di cartoline romane da ente del turismo distratto e svogliato.
Dopo il risveglio e un po’ di Teatro Valle occupato e un po’ di corridoi della Scuola Mazzini con affacciata sul Colosseo ( ma quasi tutto il film è tra Colosseo, Piazza Venezia, Piazza Vittorio, Stazione Termini: tutte viste senza sfondo e ambienti, ma buttati lì come fossero solo una necessità minimalista ed economica ) scopriamo che questa danza immobile gira intorno ad un esame di Terza Media di un ragazzetto e dei suoi genitori separati che affrontano questa giornata a seconda del carattere che hanno. Non è certo ‘ una domenica d’ agosto ‘, nemmeno ‘ iI giorno dell’Assunta ‘, e non ha nemmeno la graffiatura di un film come “ L’amore è eterno fin che dura “; è, ,come abbiamo già scritto, una danza immobile con lieto fine poco reale.

La storiella ? Oltre l’ esame del giovanotto come pretesto narrativo, c’è una giovane ventenne ( la sorella ) che detesta da anni sua madre, adora il padre perché non le vieta nulla, quasi tenta il suicidio a causa di un regista quarantenne che forse l’ha messa incinta, e alla fine torna sentimentale e grata alla madre. Un figlio che mal sopporta il padre Peter Pan e cialtroncello ma lo vorrebbe di nuovo a casa. La madre ansiosa, iperattiva e intollerante che riscopre l’amore per l’ ex marito grazie ad una serata al lago con relativa nuotata, ma soprattutto per un sentire familiare superficiale.
Il padre invece sempre sorridente ( narcolettico ? ) inconcludente e easy che vorrebbe tornare con la moglie nonostante l’impossibilità caratteriale. La morale ? In fondo c’è solo la famiglia come baricentro ai nostri fallimenti personali. Segnaliamo un paio di errori macroscopici, anche se non essenziali, ma che mostrano una distrazione che si riverbera sul film: non può essere il 13 giugno la data dell’esame, perché in quel giorno iniziano gli scritti e non terminano le prove orali; in quella scuola italiana non esistono più le tesine ma le mappe concettuali.

Siamo nel mese di Giugno, Giacomo, un ragazzetto di 13 anni, paziente e riservato, deve fare l’esame orale di Terza Media. Ma ha una famiglia scombinata e i genitori separati, quindi quel giorno si sveglia dalla zia invece che nel suo letto.
Il padre, artistoide fallito, bohemien, di estrazione nobiliare ( un Fabrizio Gifuni bravo e simpatico ma un po’ troppo monocorde ) se la dorme a casa di un amico senza ricordarsi del’impegno col figlio; la madre ( una splendida Xsenia Rappoport ) è una ingegnera di origini russe, lavora alla realizzazione della metropolitana capitolina e sente il peso del mondo sulle spalle; si sveglia ed è presa dall’ansia per il figlio, ma anche per il lavoro che rallenta e si attacca al telefono con la sorella, con l’ ex marito che non le risponde mai, con quelli al lavoro.
Poi c’è la ventenne Emma una tardo-hippy, che vive alla giornata, aspirazioni d’attrice che la portano a letto col regista slavo che ha l’età del padre e partecipa all’ occupazione del Teatro Valle, ma per adesso pulisce il teatro a turno con altri. Insomma gli ingrediente fin qui sono quelli tanto cari al primo Muccino, senza la regia fantasmagorica di Muccino tuttavia.

La storia si sviluppa intorno a questo giorno importante per Giacomo ma anche per gli altri tre protagonisti che girano intorno al ragazzo e alla fine dell’esame. Tra scontri, incomprensioni, imbarazzi e conflitti andranno tutti e quattro al lago a fare il bagno e a mangiare un panino. E questo gli farà riscoprire il valore della famiglia. Anche se il giorno dopo Giacomo si sveglia da solo a casa e va al mare con un’amichetta cinese mentre la sorella resta in teatro, la madre al lavoro e il padre nella casa dell’amico. Almeno così è, se vi pare.
Ma... Ad una sceneggiatura corretta scritta con esperienza ma senza impennate o graffiature, necessarie per una Commedia ‘ seria ‘, una regia semplice e senza tentavi autorali. Interni più da case beat-alternative che da ingegnere capo o da agente di attori. Tutti gli altri personaggi ( sullo sfondo ) sembrano essere in fondo insignificanti e senza personalità.
“ Scialla “ è stato un debutto interessante ma sopravvalutato, questo film è un po’ un tornare indietro, se fa un altro paio di passi alle spalle potremmo trovare ‘ un medico in famiglia ‘ o ‘ due camere e cucina.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere