HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Nymphomaniac vol. 1
Domenica 27 Maggio 2018
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
Recensioni Blu Ray
the_midnight_man_160x600.jpeg
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il circolo Pickwick News
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Nymphomaniac vol. 1 PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 07 aprile 2014

Titolo: Nymphomaniac vol. 1
Titolo originale: Nymphomaniac vol. 1
Danimarca: 2013. Regia di: Lars von Trier Genere: Drammatico Durata: 110'
Interpreti: Charlotte Gainsbourg, Stellan Skarsgård, Stacy Martin, Shia LaBeouf, Christian Slater, Jamie Bell, Uma Thurman, Willem Dafoe, Jens Albinus, Connie Nielsen
Sito web ufficiale: www.nymphomaniacthemovie.com
Sito web italiano: www.nymphomaniacilfilm.it
Nelle sale dal: 03/04/2014
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Analitico
Scarica il Pressbook del film
Nymphomaniac vol. 1 su Facebook

nymphomaniac_parte1_leggero.pngIl film del maestro Von Trier dura cinque ore e mezzo, giunge invece in Italia una versione elducorata e ipocritamente tagliata dalle scene più esplicite della durata di quattro ore circa, a sua volta divisa in due parti di due ore che l’autore sembra disconoscere dalle poche parole scritte in testa al film. Quello che si può vedere oggi è il volume 1 ( " The Compleat Angler ", “Jerôme ", " Mrs. H ", " Delirium "," The Little Organ School " ).

La domanda è semplice: Come si fa a giudicare così un film ? Sembra quasi come se uno volesse parlarne avendone visto solo il primo tempo e per giunta drasticamente tagliato. Tuttavia resta un film notevolissimo, arguto, intelligente, essenziale, anche difficile perché il progetto generale sfugge un po’ e alcune intenzioni dell’autore sembrano interrotte o non sempre espresse.
Dimenticatevi la pubblicità, le scene che girano in televisione e sui blog ( non ci sono in questo primo film e quindi bisognerà aspettare la seconda parte ed è così per alcuni attori come Willem Dafoe, Jean-Marc Barr o Udo Kier ).

“ Nymphomaniac “ è una attenta e piuttosto profonda riflessione sulla depressione e sulle sue cause, in tipica salsa nordeuropa. E’ la parte finale della “ Trilogia sulla Depressione “ che comprende “ Antichrist “ (2009) e “ Melancholia “ (2011 ), anche questi interpretati dalla Gainsbourg. In questo caso la depressione è ‘ vista ‘ attraverso l’insensibilità amorosa e la ninfomania. Flm ‘ quasi clinico ‘ e artistico-scientifico, serissimo ma appena ha superato i confini italiani lo si è messo a confronto con i film di Brass o di Rocco Siffredi e quindi alcuni recensori e giornalisti hanno traformato l’evento in una parodia all’italiana. Se potete procuratevi il final cut del regista, vedetelo a casa senza interruzioni, senza preconcetti ed anche con un po’ di pazienza perché la storia pur potente e interessante è forse troppo rigorosa. Joe ( Charlotte Gainsbourg ) è una donna sdraiata in terra, probabilmente picchiata, forse svenuta in un vicolo sperduto di periferia, mentre dal cielo plumbeo cade la pioggia e per strada non cammina nessuno ( a noi ha ricordato per la fotografia e la scenografia il Cinema di Oshima e in particolare “ L’ impero dei sensi “, film che parla di altro tipo di ninfomania ).

La donna viene aiutata da Seligman, un uomo di passaggio solitario, un vecchio scapolo colto ( Stellan Skarsgård ); l’uomo vorrebbe chiamare un’ ambulanza e la polizia ma lei, pur sofferente, chiede solo di essere ospitata a casa di lui per riprendersi. L’uomo la mette a letto, le presta un pigiama da campo di concentramento e le offre una tazza di tè.
L’uomo è paziente, buon ascoltatore e intellettualmente disponibile e lei si sfoga con lui raccontandogli la sua ninfomania sin dai primi anni d’età, le sue sofferenze emotive, la difficoltà di sentimenti; sfogandosi e raccontando tutta la sua vita attraverso il sesso. Il racconto si divide in otto capitoli ( nel primo film ce ne sono solo 5 e si ferma a quando lei non ha ancora trent’anni.
Ma 5 e 3 sono anche i colpi, dietro e davanti, con cui lei perde la verginità da ragazzina in un magazzino fetente e con un ragazzo interessato più al motorino che a lei ). Seligman l’ ascolta con calma e con un po’ d’ironia, la interrompe ogni tanto, fa dei commenti e delle digressioni provando a tranquillizzare la donna sul suo sesso compulsivo e nevrotico: lei parla dei tanti uomini che ha scopato e lui parla della pesca e dei pesci, lei si sofferma su tre amanti in particolare e lui ritrova riverberi sonori nella polifonicità di J.S. Bach, gli organi sessuali dei tre amanti trovano nell’organo bachiano: piede, mano sinistra, mano destra, delle affinità. Ma il rapporto tra Joe e Seligman è solo questo ? Non lo sappiamo. Lo scopriremo nella seconda parte del film.

Pur ritenendo Von Trier un regista serio e risoluto ( “ Le onde del destino “, “ Dogville “, “ Idioti “ ), questa volta potremmo dire che non si è lasciato andare nemmeno una volta ed ha mostrato una tale serietà analitica da non lasciare pause allo spettatore.
In questo caso ha aggiunto un altro tassello alla sua provocatoria ma sincera e disarmante autoanalisi pubblica. Autore così controverso e geniale che si è beccato una patente di nazista ed è stato cacciato per dichiarazioni fatte in conferenza stampa dal Festival di Cannes.
Per quanto riguarda i ruoli femminili dei suoi film sembra che dichiari di non capire le donne ma, almeno in questo caso, sembra soffrire per e con loro. Da segnalare in questa parte di film la Joe da ragazza ( Stecy Martin ) e la signora H ( una ritrovata Uma Thurman ). Molto interessante la riflessione tra laicità e consapevolezza della morte durante l’agonia del padre di lei ( Christian Slater ).

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere