HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Quel che sapeva Maisie
Mercoledì 3 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Quel che sapeva Maisie PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 22
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 29 settembre 2014

Titolo: Quel che sapeva Maisie
Titolo originale: What Maisie Knew
U.S.A.: 2012. Regia di: Scott McGehee, David Siegel Genere: Drammatico Durata: 93'
Interpreti: Julianne Moore, Steve Coogan, Alexander Skarsgård, Joanna Vanderham, Onata Aprile, Sadie Rae, Jesse Stone Spadaccini, Diana García, Amelia Campbell
Sito web ufficiale: whatmaisieknew.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 26/06/2014
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Drammatico
Scarica il Pressbook del film
Quel che sapeva Maisie su Facebook

quelchesapevamaisie_leggero.pngChissà se Henry James sarebbe soddisfatto dell’adattamento in era moderna ( sceneggiatura scritta da Carroll Cartwright e Nancy Doyne ) del suo omonimo romanzo del 1897.
La critica americana ha accolto favorevolmente il film ma una distribuzione fiacca lo ha reso quasi un flop negli USA nel 2013.

James era uno scrittore che guardava al passato, vicino per stile a Molière o a Shakespeare, come loro era interessato al conflitto morale e alle scelte che fanno gli esseri umani, ma nel suo caso senza mai criticare la società e anzi accettandola in tutte le sue sfumature come fossero ineluttabili della condizione umana; fu sua la teoria secondo la quale gli scrittori sono chiamati a presentare la propria visione del mondo senza darne un giudizio, tantomeno critico.

Certo fare un confronto tra James con questi due registi, Scott McGehee e David Siegel, è un po’ azzardato, ma forse è sintomo di un confronto tra epoche.
I due sceneggiatori e i due registi provano stilisticamente a seguire l’animus di James, ma pur pieno di attenzioni e timbri narrativi, oltre che di gusto, non evitano di mostrare un sentimentalismo in alcuni passaggi ridondante e a raccontare una natura umana a volte banalmente al peggio se non patetica. Siamo di fronte ad un piccolo film ( nel senso positivo del termine ), a volte delicato, sicuramente schietto e onesto ma che non riesce a scavare nella profondità dell’animo umano, delle sue piccolezze, i suoi egoismi e le sue amnesie affettive.

In questa famiglia disfunzionale, ben raccontata nella prima parte, nessuno è un mostro o cattivo ma nessuno è veramente disposto a sacrificarsi per amore di una figlia ancora piccola; e in questo mondo borghese e alternativo newyorkese Maisie, una bimba di sei anni, vive l’essere contesa nella causa di divorzio tra una mamma rocker e un po’ sopra le righe e un padre antiquario spesso in viaggio d'affari, più che per il suo bene per antiche consuetudini e stereotipi sentimentali.

Siamo nella New York di oggi, intellettuale e borghese anche se poco convenzionale, Susanna ( Julianne Moore, sempre molto brava ) è una rocker quarantenne un po’ in crisi professionale ed esistenziale, distratta ed egocentrica, sopra le righe in alcuni comportamenti, sta vivendo la fine di un rapporto matrimoniale con Beale ( Steve Coogan - visto quest’inverno nel ruolo del giornalista in Philomena ), un tipo caratterialmente differente da lei, tranquillo, immerso nel lavoro di venditore di quadri d’autore, sempre sorridente, buon parlatore e un po’ piacione.
Tra loro due l’unico contendere è la figlioletta Maisie ( Onata Aprile ), una bimba di sei anni molto matura, forte, paziente; attraverso i suoi occhi assistiamo alla battaglia dei suoi genitori per lei, ma anche al loro profondo egoismo che giunge per Beale con lo sposare la baby sitter Margot ( Joanna Vanderham ), una giovane e tenera ragazza che rimane da sola con la bimba mentre lui gira il mondo per lavoro, mentre Susanna, intenta a preparare una tournée musicale, sposa un giovane cameriere ( Alexander Skarsgård ) che servirà a lei più come altro baby sitter che non come compagno di vita. Seguiamo tutto l’iter dei comportamenti genitoriali poco attendibili, osserviamo la pazienza e la forza della piccola Maisie coccolata, amata, ma spesso dimenticata e finita come un pacco postale, fino a ( per noi poco credibile, in fondo ) creare lei una nuova famiglia con i due giovani partner dei genitori che a loro volta si innamoreranno e andranno a vivere con la piccola in una casa vicino al mare.

Il romanzo di James – pur seguito senza strappi nella nuova versione – racconta altro, mentre il film segue il consuetudinario stereotipo della società ormai arida nei sentimenti e con la descrizione di adulti immaturi, senza spina dorsale. Viene narrato il tutto restando troppo in superficile e rischiando di essere solo una cronaca di un divorzio annunciato, senza riuscire a penetrare e scandagliare i veri sentimenti dei protagonisti.
Le due figure ‘ giovani ‘ sono sì assai differenti dai due genitori, ma non hanno nessuna specificità individuale, servono solo come contraltare mieloso ai cinici adulti. Ottimo il cast e in particolare la piccola Onata Aprile, buona la regia e belle le scenografie e le location, buono anche il montaggio.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere