HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Rimetti a noi i nostri debiti
Lunedì 24 Settembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
rampage_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Rimetti a noi i nostri debiti PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
giovedì 17 maggio 2018

Titolo: Rimetti a noi i nostri debiti
Titolo originale: Rimetti a noi i nostri debiti
Italia, svizzera, Albania, Polonia 2018 Regia di: Antonio Morabito Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Claudio Santamaria, Marco Giallini, Giorgio Gobbi, Leonardo Nigro, Jerzy Stuhr, Flonja Kodheli, Maddalena Crippa, Agnieszka Zulewska
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 04/05/2018 Netflix
Voto: 6,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Serrato...
Scarica il Pressbook del film
Rimetti a noi i nostri debiti su Facebook

rimetti_a_noi_i_nostri_debiti.jpgGuido è un ex tecnico informatico che ha da poco perso il suo lavoro di magazziniere.
Il suo unico amico è un vicino di casa appassionato di biliardo e che amichevolmente lui chiama ‘il Professore’, per via della sua incredibile passione per la geopolitica spiegata tramite il pool a otto; un altro suo intermezzo è il bar dove fra un whisky e un caffè parla con Rina, la nuova barista.
Quando i suoi debitori lo fanno picchiare, per Guido, la sola soluzione percorribile è lavorare, fino all’estinzione del debito, per la società di recupero crediti che lo ha più volte minacciato.
Il compito d’introdurre Guido al mestiere di recupero crediti è affidato a Franco il quale gli spiegherà tutti i trucchi del mestiere entrando immediatamente nelle sue simpatie.

Il 46enne Morabito torna dietro la macchina da presa per narrare ancora una volta una pagina cupa della nostra penisola e sempre con la faccia di Claudio Santamaria a fare da padrone della scena; se in ‘Il venditore di medicine’ il problema affrontato era il fenomeno del comparaggio, corruzione dei medici per poter rendere i propri medicinali più vendibili, in tal caso è il fenomeno del recupero crediti che è preso di mira.

Un mestiere mascherato sotto la faccia e l’aspetto rispettabile di una società che si avvale dei servigi di un padre di famiglia che ha le fattezze di Marco Giallini il quale acquista i debiti, e i relativi debitori, direttamente dalle banche per una percentuale fissa e immediatamente liquidata, salvo tramutarsi in quello che nelle antiche repubbliche marinare era ‘la Pittima’, persona dedita al recupero debiti e che letteralmente perseguitava il debitore di turno fino a farlo cedere. Alla stessa maniera si muove il Franco di Giallini, in modo cafone e predatorio il quale si è costruito un’aurea di perbenismo grazie a un villino posto a pochi passi dal cimitero del Verano, con moglie e due figli piccoli, ma che però di fronte a un qualunque debitore non si fa alcuno scrupolo.

Dal lato opposto si muove un uomo caduto in disgrazia e da molto tempo alla deriva e che come unica soluzione vede nell’apprendere questo mestiere ‘usurante’ la sola chance per poter saldare quei debiti per i quali è stato picchiato.
La Roma che si intravede è quella delle case popolari e dei villini di periferia, i parchi giochi deserti dei pomeriggi lividi e invernali e le spiagge del lungomare di Ostia e Fiumicino solcate da poche persone perennemente ai margini.

Una trama serrata ma per molti aspetti scontata, perché priva di particolare pathos e colpi di scena, genera una pellicola che s’allontana dai precedenti lavori di Morabito. Giallini e Santamaria creano un mix che potrebbe essere facilmente comico ma in tal caso è quanto di più lugubre e losco ci si possa attendere e solo il finale sa chiudere il circolo di una narrazione che fa ben sperare per il prossimo futuro.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere