HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Ritratto di Famiglia con Tempesta
Martedì 17 Ottobre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Ritratto di Famiglia con Tempesta PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 14 giugno 2017

Titolo: Ritratto di Famiglia con Tempesta
Titolo originale: After the Storm
Giappone 2016 Regia di: Kore'eda Hirokazu Genere: Drammatico Durata: 117'
Interpreti: Hiroshi Abe, Kirin Kiki, Yôko Maki, Rirî Furankî, Sôsuke Ikematsu, Satomi Kobayashi, Isao Hashizume, Taiyô Yoshizawa
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 25/05/2017
Voto: 8
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Analitico
Scarica il Pressbook del film
Ritratto di Famiglia con Tempesta su Facebook

ritratto_di_famiglia_con_tempesta_leggero.pngC’è un sottogenere cinematografico definito home drama che ha forse il suo maggiore rappresentante nel regista giapponese Kore'eda Hirokazu, chi frequenta le piccole sale d’essai lo conosce bene perché grazie alla distribuzione Tucker Film ha potuto vedere almeno due dei suoi quindici film che si potrebbero definire necessari, come Father son e Little sister.
Nel suo cinema facilmente confrontabile con quello del maestro giapponese Ozu, ma se pensiamo al cinema europeo potremmo paragonarlo al dimenticato Bresson o al primo Olmi, e con una descrizione dei caratteri vicina al teatro di Cechov, si sente il lavoro di cesello sui personaggi, l’amore per il dettaglio, ogni singolo piccolo fatto produttore di altri piccoli fatti successivi e dialoghi minimali ma coinvolgenti di cui è impossibile immaginare un’accelerazione o un rallentamento.

Si può dire che Kore'eda Hirokazu renda piccole storie intime anche senza importanza il motore di una vita filmica importante, centrale e necessaria.
Questo film – ma forse anche più i precedenti – sono un ode alla semplice vita familiare, di esseri dimessi, in cui le relazioni interpersonali risultano sfuggenti, perdenti e ordinarie anche quando potrebbero risultare un po’ vili.
E in questo piccolo gioiello di film un’altra nota a merito è certamente un cast splendido, naturale e privo di qualsiasi artificio, prima tra tutti un’attrice eccellente dal timbro desichiano come Kirin Kiki ( la nonna ), ma va certamente segnalato il protagonista Hiroshi Abe, un divo giapponese di cinema e televisione che ha collaborato in precedenza con Hirokazu e che si può ascrivere a quelle genia di attori internazionali dolenti del vecchio cinema hollywoodiano.

Shinoda Ryota ( Hiroshi Abe ) è un uomo sulla cinquantina che vive alla giornata, sempre alla ricerca spasmodica di denaro che dovrebbe dare alla moglie separata per il loro ragazzo; gioca alle corse e vive in una casa tugurio. Lavora come investigatore privato in un’agenzia un po’ scalcagnata che fotografa mariti traditori o trova cani dispersi e in cui lui cerca disonestamente di guadagnare ulteriori soldi. Ma la sua vita non è stata sempre così, ha vinto una quindicina d’anni prima un premio lettarario, ha pubblicato un libro, era felicemente sposato, e doveva scrivere un secondo romanzo, poi tutto si è interrotto.
La moglie Kyoko ( Yoko Maki ), stanca del carattere del marito gli ha chiesto il divorzio e l’amato figlio Shingo lo può vedere soltanto una volta al mese, il secondo romanzo non è stato nemmeno iniziato e pur se riceve un’offerta di lavoro interessante per scrivere la sceneggiatura di un Manga non si decide ad accettare l’offerta. Per dimenticare la vita mesta e squallida in cui è sprofondato pensa solo a guadagnare soldi, gioca alle corse, alla lotteria, a qualsiasi cosa possa restituirgli una dignità che tuttavia ha perso; e se può chiede soldi in prestito alla sorella, ne cerca a casa della madre e intrallazza sul lavoro. Senza rendersene veramente conto vive una vita squallida fatta di bugie, meschinità, piccoli imbrogli che gli stanno facendo perdere l’affetto della madre, della sorella e del figlio.
E il suo malessere si incrementa quando scopre che sua ex moglie ha iniziato una nuova storia d’amore. Una domenica sera un tifone si abbatte su Tokyo e lui si ritrova con il figlio a casa della madre e lì li raggiunge l’ex moglie per riprendersi il figlio ma sono costretti tutti a restare a dormire dalla donna. La notte riavvicinerà il padre al figlio e la suocera con la nuora e la famigli probabilmente non tornerà unita ma può diventarlo anche da separata, chissà…
Il giorno dopo torna il buon tempo e tutti ritornano alla vita di sempre.

Kore'eda Hirokazu con questo film ha realizzato un ritratto analitico semplice, umano e veritiero di una famiglia giapponese di oggi, un omaggio all’idea di famiglia, se pur imperfetta, in confronto a vite che da sole sono allo sbando e con poche speranze. E il fatto che sia ambientato in un modesto appartamento in cui si rifugiano per una notte quattro esseri soli mentre il di fuori è avvolto da un tifone, quasi come rappresentazione di un mondo fa pensare che voglia elogiare in fondo l’idea di famiglia anche se assai imperfetta. Ma a questo si potrebbe aggiungere anche che c’è un inno all’attimo, all’ora e qui, di buddhista memoria, in cui gli esseri devono approfittare del momento lasciando da parte il passato e il futuro che non esiste.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere