HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Romanzo di una strage
Giovedì 6 Agosto 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
crawl_banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
jumanji2-728x140.png
Romanzo di una strage PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 30
ScarsoOttimo 
Scritto da Ciro Andreotti   
martedì 10 aprile 2012

Titolo: Romanzo di una strage
Titolo originale: Romanzo di una strage
Italia: 2012. Regia di: Marco Tullio Giordana Genere: Drammatico Durata: 130'
Interpreti: Valerio Mastandrea, Pierfrancesco Favino, Michela Cescon, Laura Chiatti, Fabrizio Gifuni, Luigi Lo Cascio, Giorgio Colangeli, Omero Antonutti, Thomas Trabacchi, Giorgio Tirabassi, Fausto Russo Alesi, Denis Fasolo, Giorgio Marchesi, Andreapietro Anselmi, Sergio Solli, Antonio Pennarella, Stefano Scandaletti, Giacinto Ferro, Giulia Lazzarini, Benedetta Buccellato, Corrado Invernizzi
Sito web ufficiale: www.corriere.it/romanzodiunastrage
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 30/03/2012
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Coraggioso
Scarica il Pressbook del film
Romanzo di una strage su Facebook
Mi piace

romanzodiunastrage_leggero.pngA Milano, venerdì 12 dicembre del 1969 alle ore 16.37, a poche centinaia di metri da Piazza del Duomo, nella vicina Piazza Fontana, un ordigno esplode distruggendo la Banca nazionale dell’Agricoltura, affollata da persone dedite alle ultime operazioni bancarie in previsione delle feste imminenti.
Luigi Calabresi commissario della questura di Milano, destinato all’indagine, batte immediatamente la pista anarchica che lo porterà al circolo ponte della Ghisolfa gestito dal ferroviere Giuseppe Pinelli….

La strage di Piazza Fontana rivista ricollocando ogni tassello al proprio posto a iniziare dalla progettazione della strage per concludersi con l’omicidio calabresi il tutto intervallandolo con il suicidio – omicidio di Giuseppe Pinelli.
La pellicola, uscita a fine marzo, è liberamente ispirata dal romanzo di Paolo Cucchiarelli cui Giordana aggiunge una prova di documentazione durata per ben otto anni.

Assieme a lui ancora una volta i fidati Petraglia e Rulli con i quali il regista originario di Milano ha firmato nel 2003: “La Meglio Gioventù” ricavando però questa volta una ricostruzione storicamente perfetta della fine dei ’60, ricostruzione permessa anche da un gruppo di attori, fra i migliori presenti sul panorama nazionale, capaci di dare una marcia in più a una pellicola che fa rimanere incollati alla poltrona, grazie anche alle doti trasformistiche di tutti i presenti, su tutti l’anarchico Pinelli interpretato da un Favino che si è completamente dimenticato del suo spiccato accento Romano, divenendo un proletario Milanese, e Fabrizio Gifuni nel non facile ruolo di Aldo Moro cui dona la medesima compassata lentezza e un accento pugliese appena accennato.

Un’opera coraggiosa che ricostruisce, ma senza giudicare, che permette di riscoprire, ma senza aggiungere intrecci inspiegabili. Un’opera che per quanto osteggiata dai parenti delle vittime, non per ultimo il giornalista Mario Calabresi, figlio del commissario Luigi calabresi, che riesce a riportare a galla una delle prime pagine difficili della nostra penisola.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere