Domenica 23 Aprile 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il labirinto degli spiriti Novità
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Il gatto venuto dal cielo
Un weekend da sogno
Il futon
Pioggia sul viso
Una storia crudele
Tokyo Noir
La signora di Wildfell Hall
Giulia 1300 e altri miracoli
Una più uno
Prossimamente
Rosso Istanbul PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 13 marzo 2017

Titolo: Rosso Istanbul
Titolo originale:     Istanbul Kirmizisi
Turchia, Italia 2017 Regia di: Ferzan Ozpetek Genere: Drammatico Durata: 115'
Interpreti: Halit Ergenç, Tuba Büyüküstün, Nejat Isler, Mehmet Günsür, Serra Yilmaz, Cigdem Onat, Serif Sezer, Zerrin Tekindor, Cemre Ebuzziya
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 02/03/2017
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Ambizioso
Scarica il Pressbook del film
Rosso Istanbul su Facebook

rossoistanbul_leggero.pngMa Ozpetek è un regista italiano di origini turche o è un regista che è nato e cresciuto a Istanbul e da molti anni vive in Italia ? Può sembrare una domanda stupida o come si diceva un tempo di lana caprina. In entrambi i casi ci sfugge come si possa ritornare a casa dopo vent’anni ( dopo il suo primo film Il bagno turco ) e osservare luoghi familiari come fossero cartoline da ente del turismo. Scegliere luoghi ( interni ed esterni ) così glamour e sofisticati, descrivere personaggi così alti e trasognati che prendono il sopravvento su una storia che pur drammatica ( ci sono due morti, una passata e una presente, c’è una specie di ricerca del tempo perduto e di un tempo ritrovato, c’è un ritorno a casa e alle proprie origini interrotte emotivamente da un dramma e altro ancora ) risulta lontana, formale e rimasta in punta di penna o chiusa nelle pagine del romanzo da cui è tratto.

Una storia di un ritorno a casa dopo anni di lontananza e di sofferenza con relativo peregrinaggio in luoghi e tra persone che ci rimanda al buon vecchio cinema italiano degli Anni Sessanta degli Zurlini o dei Vancini; ma in questo caso il mondo cosmopolita, lucente ma anche fané sembra annacquare il lato come eravamo e perdersi in quell’estetica che ha già colpito Guadagnino forse in modo irrimediabile.
Una storia con dei buchi emotivi e degli spostamenti repentini narrativi che sembrano mostrare delle intenzioni così vicine al regista da risultare così lontane allo spettatore. E parte del titolo, rosso, fa intuire quali fossero le intenzioni di Ozpetek e come queste intenzioni non siano state mantenute né con la drammaturgia né con i luoghi tantomeno nel pathos dei protagonisti, tutti comunque bravi, esatti, ma tuttavia non empatici.
Rimane solo il rosso delle unghie della madre, il colore delle mura della casa e qualcos’altro. E il risultato finale, invece di essere un film emotivamente coinvolgente ed emozionante, si tramuta in un film placido e a volte straniante.

Orhan Sahin ( un convincente Halit Ergenç ) è un quarantenne che torna a casa da Londra dopo vent’anni. Al tempo è fuggito via per un dramma personale che lo ha praticamente interrotto emotivamente, al punto da non farlo tornare più né per la morte della madre e nemmeno per quella dl padre e nel rimuovere tutto il suo passato non sentire nemmeno la sua cara sorella che si è separata dal marito e che continua l’attività di famiglia. Orhan è stato lo scrittore di successo di un solo libro, poi è diventato a Londra un editor. Torna a casa con il pretesto di aiutare un suo amico di un tempo Deniz per la stesura del suo primo libro, romanzo che è solo da sistemare ( anche questo gioco tra narrazione e realtà – tutti i protagonisti sono reali ma manipolati nel racconto – resta un po’ data per data ). Dopo una prima serata piacevole, fatta anche di molto alcol Deniz scompare senza lasciare traccia ( ha deciso di lasciare il testimone all’amico ).

E’ scomparso per poi ritornare ? Si è suicidato ? Naturalmente Orhan deve restare a Istanbul cosa che lo porta a confrontarsi con il suo passato ma anche a scavare nella vita dell’amico inquieto. Dovrebbe esserci una ricerca che ricorda il cinema del primo Antonioni, dovrebbe esserci la riscoperta di una città meravigliosa come Istanbul con i suoi cambiamenti, il ritrovare i vecchi amici e le donne del passato, il riemergere delle emozioni di un tempo, in un crescendo emotivo da far coinvolgere i sensi e svelare segreti e passioni ormai represse se non interrotte.
E invece si trascina elegantemente in un mondo senza reale pathos, con emozioni stilisticamente appena abbozzate; un po’ fastidiosa, se non irreale, la scena in cui il protagonista torna a casa di Neval, ( La modella e attrice Tuba Büyüküstün ) la donna per cui nutre d’un tratto amore, e il marito di lei lo accoglie serafico e gli fa notare che sono entrambi innamorati di lei ma che lui è stato più fortunato perché è arrivato per prima. Insomma questa ricerca del tempo perduto e una specie di tempo ritrovato porta il protagonista a scrivere un nuovo romanzo e a sentirsi almeno in parte riconciliato e forse doppio dell’altro nella scena finale.

Ciò che resta di un film ambizioso ma non risolto è il buon cast, una buona fotografia, una buona colonna sonora e alcune scenografie ( la casa in cui Orhan viene ospitato, il vecchio negozio di famiglia ) assai accurate.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere