HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Sarà il mio tipo? e altri discorsi sull'amore
Lunedì 25 Gennaio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Sarà il mio tipo? e altri discorsi sull'amore PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 27 aprile 2015

Titolo: Sarà il mio tipo? e altri discorsi sull'amore
Titolo originale: Pas son genre
Francia: 2014. Regia di: Lucas Belvaux Genere: Drammatico Durata: 111'
Interpreti: Émilie Dequenne, Loïc Corbery, Sandra Nkake, Charlotte Talpaert, Anne Coesens, Daniela Bisconti, Didier Sandre, Martine Chevallier, Florian Thiriet, Annelise Hesme
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 23/04/2015
Voto: 6,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Piacevole
Scarica il Pressbook del film
Sarà il mio tipo? e altri discorsi sull'amore su Facebook

sarailmiotipo_leggero.pngTratto dal romanzo di Philippe Vilain, il regista-attore belga Lucas Belvaux ha portato sugli schermi nel 2014 questo buon film, elegante, dal tocco leggero, in puro stile francese.
Ma come qualsiasi black comedy che si rispetti lascia un po’ d’amaro in bocca, il film non è per nulla consolatorio e ha un finale deciso, poco conciliante, che può gelare il cuore.

I due protagonisti ( i bravissimi Loïc Corbery, attore de La Comédie Francaise e Émilie Dequenne che ricordiamo ancora nel ruolo di Rosetta dei Fratelli Dardenne ) più differenti non potrebbero essere; lui si chiama Clément, è un professore parigino di Filosofia e saggista con specializzazione in filosofia tedesca, ma oltre questo è anche un uomo emotivamente freddo, quasi assente, si potrebbe quasi dire, un cuore in inverno, e a questo si aggiunga che ne è cosciente e lo rivendica come sua dote naturale al punto da averne scritto un saggio di successo; lei è Jennifer, una parrucchiera di provincia, giovane madre single, ma allegra, propositiva e in attesa dell’amore della vita.
Lui scrive saggi impegnativi sull’amore e legge Dostoevskij, lei ama il karaoke con le amiche, legge i giornali di gossip e sa tutto su Jennifer Aniston. Insomma sono due mondi a sé, quasi inavvicinabili, eppure il caso li fa incontrare. Clément è nominato insegnante in una scuola superiore di Arras, una piccola città a due ore da Parigi e considera questo incarico quasi una punizione divina, essendo abituato all’università e alla vita parigina ( il collega che lo sprona ad accettare gli ricorda che Arras è stata la città di Robespierre, di Vidocq, di Camille Corot, e lui risponde: E ora chi c’è rimasto ? ).
Sceglie una camera d’albergo come residenza e per sua fortuna deve lavorare solo i primi tre giorni della settimana e così il mercoledì pomeriggio può scappare a casa. Ma questi tre giorni, nonostante le ore di insegnamento e i colleghi amabili e gentili, sono una vera noia per Clément. Un giorno tanto per fare qualcosa si va a tagliare i capelli e conosce la parrucchiera Jennifer, si piacciono subito, ma lui è all’inizio indeciso, forse ha deciso solo di ammazzare il tempo flirtando con Jennifer, lei seppur attratta resta in attesa.

E questa prima parte è probabilmente un po’ lenta, fatta di descrizioni e motivazioni caratteriali dei due, ma superato il primo incontro il film prende la giusta direzione e ci sono alcuni passaggi psicologici originali, sicuramente poco prevedibili e quindi interessanti. Nella classicità dei ruoli lui le regala un libro di Dostoevskij, le legge Proust e anche una lettura di Kant, lei per nulla in soggezione lo porta al cinema a vedere una commedia sentimentale americana e a ballare in discoteca. Inizia così la loro storia, con il primo bacio per strada e la prima volta in cui fanno l’amore nella camera d’albergo di lui.
Lei si innamora con immediatezza mentre Clément probabilmente fa lo stesso ma alle sue condizioni, nessuna domanda, nessuna gelosia, restandosene sulle sue, difendendo i suoi spazi. Nonostante l’amore i due restano persone molto diverse tra di loro, ma non solo caratterialmente anche emotivamente. Lei sempre accondiscendente ma con moderazione, lui sempre gentile ma frenato e a volte involontariamente indifferente.

Ma più il tempo passa e più lui non riesce a concedersi completamente davanti a una lei felice e con voglia di costruire qualcosa di serio. Lui rimane quasi impietrito da tanto amore e riesce a ricambiarla solo leggendole le pagine di Victor Hugo, e interiormente si rifiuta di presentarla agli amici e ai colleghi, quando lei gli chiede di portarla a visitare Parigi, lui infastidito le risponde Che ci andiamo a fare ? Ma nel profondo è preso da lei, sa che lei gli illumina la vita.
Nascono i primi screzi, Per te sono solo un culo, dice lei. Lei lo lascia per allarmarlo, ci riesce, ritornano assieme. Il finale è prevedibile anche se non con la radicalità del gesto di lei; essendo un film intelligente e francese sappiamo già se riusciranno a superare le loro differenze e a far trionfare l’amore.

La regia di Lucas Belvaux è attenta e delicata, senza tuttavia cercare inquadrature originali o poco prevedibili.
Dirige con grande eleganza i due bravissimi protagonisti, anche se un certo tipo di idea di regia in alcuni passaggi appare semplice e troppo lineare, rischiando così ogni tanto di rasentare il compitino ben fatto.
Tutti gli elementi di contorno sono appena delineati e vorremmo saperne un po’ di più ( le colleghe di lei, i genitori e l’ambiente parigino di lui ); mentre risulta un po’ fastidioso e superficiale, senza alcun interesse, le sue lezioni al liceo di filosofia brevissime e prevedibili con gli studenti al solito ignoranti e indifferenti ( Lui vorrebbe spiegare… Epicuro, vi dice qualcosa ? Epi… che? Epi… culo? ). Si potrebbe dire che risulta alla fine un piccolo buon film che sarebbe potuto essere grande.

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere