HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Drammatico1 arrow Senza nessuna pietà
Mercoledì 1 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Senza nessuna pietà PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 15 settembre 2014

Titolo: Senza nessuna pietà
Titolo originale: Senza nessuna pietà
Italia.: 2014. Regia di: Michele Alhaique Genere: Drammatico Durata: 92'
Interpreti: Pierfrancesco Favino, Greta Scarano, Claudio Gioè, Adriano Giannini, Ninetto Davoli, Iris Peynado
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 11/09/2014
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Convenzionale
Scarica il Pressbook del film
Senza nessuna pietà su Facebook

senzanessunapieta_leggero.pngPer adesso questo settembre cinematografico risulta a dir poco sconfortante, siamo in tempi di vacche magre, con storie da tempi di deflazione.
Aspettando tempi migliori e qualche film che venga dall’Asia o dall’America Latina gironzoliamo in sale vuote e con film che non lasceranno alcun segno. Anche questo debutto alla regia dell’attore trentenne Michele Alhaique rientra in questo panorama desolato e asfittico; già dal titolo un po’ forviante e generico possiamo dire che il regista - pur sentendo la necessità di raccontare una storia - non sapeva bene quale linea drammaturgica scegliere.

Un po’ di genere non classificabile, un po’ autorale all’italiana. Infatti la storia non si iscrive ad alcun genere cinematografico specifico e definirla noir o thriller o commedia drammatica sembra poco corretta. Storia che potenzialmente ha punti di contatto con il piccolo capolavoro Mona Lisa ( Neil Jordan, 1986 ) o Danny the dog ( Louis Leterrier, 2005 ), ma tolta l’assonanza con i protagonisti, senza importanza e senza personalità, e il loro triste destino non resta altro.

Un protagonista uomo-orso e solitario ( Un Favino bravo ma senza impennate ), una ragazzetta di Latina carina che vive con la mamma e fa la mignotta-escort ai nostri giorni ( La poco conosciuta Greta Scarano, dalle buone potenzialità ), un malavitoso che costruisce palazzi, presta soldi ad usura e chissà cos’altro ( Un Ninetto Davoli poco più che in un cameo ), un figlio bambaggione che passa il tempo in piscina e con prostitute di lusso ( Adriano Giannini ), il tutto con lo sfondo di una periferia metropolitana e di case di extracomunitarie che ricordano l’idroscafo pasoliniano.

Cosa ci aspettiamo da un regista esordiente ? Qualche idea oriìginale e qualche imperfezione stilistica. Invece ci troviamo davanti ad un compitino ben girato, con una buona fotografia ( Ivan Casalgrandi ), ma dal taglio quasi televisivo; con una sceneggiatura che vuole rispettare dei canoni senza che vengano richiesti e con una psicologia dei personaggi che è data senza essere motivata. Anche il finale piuttosto prevedibile, incomprensibile per quello che riguarda la donna, lo ascrive ad un film dimenticabile, senza infamia ma anche senza lode.
Ci dispiace per il bravo Pierfrancesco Favino che deve aver creduto molto in questa storia tanto da diventarne produttore e di sottomettersi ad un ingrasso per sembrare un orso buono ma anche pericoloso. Siamo nella periferia romana di oggi, tra palazzi che vengono costruiti e vite solitarie.

C’è una famiglia patriarcale comandata da Santilli ( Ninetto Davoli ), malavitoso, costruttore, strozzino e altro ancora, vive in una villa con il figlio Manuel ( Adriano Giannini ), bamboccione viziato e violento. Ha cresciuto negli anni il figlio di un suo cugino morto ammazzato, Mimmo ( Pierfrancesco Favino ), uomo dal carattere completamente all’opposto di Manuel: lui lavora sui cantieri, pesta chi non paga i debiti a Santilli, fa un po’ tutto per la famiglia che lo ha adottato, anche il tassista.
Parla poco, non ha amici se si eccettua il Roscio ( un bravo Claudio Gioè che però cade nello stereotipo del personaggio ) e sembra che da un momento all’altro possa esplodere. Infatti è insofferente della vita che fa e detesta senza mostrarlo il ‘ fratellastro ‘.
Un giorno, dopo il lavoro, deve andare a prendere in un bar una giovane escort e portarla ad una festa a casa di Manuel, ma sbaglia il giorno e la prende con ventiquattr’ore d’anticipo e allora Mimmo è costretto a passare con lei un giorno intero: lei è carina, allegra, disponibile anche a fargli una sega. Il giorno passa e Mimmo accompagna la donna a casa di Manuel, la lascia lì ma torna indietro e ‘ scoppia ‘, pesta a morte il ‘ fratellastro ‘ e trascina via la donna.

Da ora inizia per i due un’attesa, nascosti da qualche parte, quindi un conoscersi, un affezionarsi e un tentativo di fuga assieme da alba tragica.. Un buon cast ma non ben utilizzato, una bella fotografia, una discreta colonna sonora, una storia però convenzionale nella scrittura, diretta quasi per dimostrare che si conoscono le regole del genere e le si esegue da bravo scolaretto e volendo anche inserire qui e là un punto di vista autoriale all’ italiana non necessario.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere