HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Sognare è Vivere
Martedì 26 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Sognare è Vivere PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 26 maggio 2017

Titolo: Sognare è Vivere
Titolo originale: A Tale of Love and Darkness
USA 2015 Regia di: Natalie Portman Genere: Drammatico Durata: 98'
Interpreti: Natalie Portman, Gilad Kahana, Amir Tessler, Makram Khoury, Shira Haas, Neta Riskin, Tomer Kapon, Ohad Knoller, Moni Moshonov, Dina Doron
Sito web ufficiale: www.focusfeatures.com/loveanddarkness
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 08/06/2017
Voto: 6,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Elegante
Scarica il Pressbook del film
Sognare è Vivere su Facebook

sognareevivere_leggero.pngNel 2002, lo scrittore israeliano Amos Oz, ha scritto il bel libro autobiografico Una storia di amore e di tenebra ( pubblicato in Italia da Feltrinelli ), diventando ben presto un best- seller internazionale, in cui racconta in modo non proprio lineare la storia della sua famiglia ai tempi della nascita dello stato di Israele, attraverso anche la guerra di indipendenza, gli attacchi terroristici, la perdita violenta di persone care e la vita nei kibbutz.
Ma soprattutto c’è un’affettuosa, drammatica e tenera descrizione della madre, del suo modo di essere poco convenzionale e del suo dramma personale esistenziale; c’è anche il contrasto del ragazzino nei confronti del padre mai espresso direttamente nel film.
L’uomo è un intellettuale della destra ebraica, gentile ma freddo e scostante, che cerca in altre donne ciò che sua moglie non riesce a dargli ed è chiuso nella rigidità delle regole sociali. Contrasto che porterà il giovane, a quindici anni, alla decisione di entrare nel kibbutz Hulda e di cambiare il cognome originario Klausne in Oz, che in ebraico significa forza.

Potete quindi immaginare quanto ci sia di materiale per un film del genere, un film corale, storico ma anche privato ed esistenziale; di quei film alla David Lean o alla Richard Attenborough, invece Natalie Portman, attrice più che regista e sceneggiatrice, ha amato questa storia - immaginiamo – soprattutto dal punto di vista della madre e con forza e determinazione è riuscita a realizzare un film più su una donna fragile e fantasiosa che su un contesto storico, realizzando in modo un po’ incerto narrativamente e passando la palla tra il bambino e la madre, mettendo tutto il resto sullo sfondo e rispettando quella non linearità del racconto di Oz che tuttavia al Cinema richiede altre abilità registiche.

E la gestazione di questo film ne è la riprova, la Portman ( di origini israelitiche ma naturalizzata statunitense ) dopo aver acquistato i diritti del romanzo nel 2007, ha cercato degli sceneggiatori, ma, come ha dichiarato, le hanno risposto tutti che lei aveva le idee così ben chiare sul come realizzarlo che avrebbe dovuto scriverselo da sé, cosa che poi ha fatto; ha impiegato quindi parecchi anni per scrivere la sceneggiatura e trovare dei finanziatori ed ha insisto per girarlo in lingua ebraica.
Realizzato tra il 2014 e il 2015, è passato al Festival di Cannes, uscito nelle sale in Israele in quell’anno stesso, mentre negli Stati Uniti l’anno successivo, ora giunge nelle nostre sale l’8 di giugno.

Un’operazione coraggiosa e importante che tuttavia mostra come un’attrice, pur sensibile e brava, dovrebbe lasciare a dei professionisti il compito di scrivere e dirigere; un peccato perché c’è tanto materiale in questa storia, tanta buona introspezione, oltre che un ottimo romanzo, e ciò che in realtà resta è una straordinaria fotografia, delle scenografie molto suggestive, un cast credibile e purtroppo una drastica riduzione della storia nella quale la Portman non ha trovato e nemmeno cercato lo sguardo del narratore, sviluppando solo il rapporto tra madre e figlio e soffermandosi sul disagio sempre più intenso della donna.

Yehuda Arieh Klausner e Fania Mussman sono immigrati polacchi dell'Europa Orientale e vivono a Gerusalemme prima della nascita dello stato di Israele. Lui ha studiato storia e letteratura a Vilnius lavora come bibliotecario e scrive anche dei libri.
E’ un uomo gentile ma scostante, rigido nella forma e ossequioso della morale dell’epoca.
Fania invece è una dolce e sognante giovane signora, sopravvissuta allo sterminio del suo paese ed ha conservato i desideri e le illusioni dell’adolescenza che la realtà e il tempo non le permettono di vivere, inizia quindi ad avere sempre maggiore disagio verso il mondo e verso suo marito ( bella la scena in cui lei decide in un barlume di ottimismo di invitare a ristorante in un giorno feriale figlio e marito, per poi restare delusa dal comportamento formale e serioso di lui e quindi rinuncia a mangiare intristita ). Insomma una coppia educata e civile, soprattutto per quei tempi, ma sono due esseri umani talmente diversi che non hanno quasi nulla da condividere; e lei si ritrova sempre più a vivere i lati più angusti e più malinconici dell’esistenza nonostante voglia molto bene a suo figlio; un deterioramento personale lento che la porterà a un immalinconimento che la farà ammalare nell’animo…

La Portman come regista mostra delle intuizione visive interessanti, alcune scene risultano belle e delicate ( supportate da costumi, fotografia e scenografia di alto livello ) ma sono troppo frammentarie, come se avesse girato una serie di videoclip tratti da un romanzo, e approfondisce - perché affascinata come attrice dal bel personaggio femminile – solo il suo personaggio, collezionando però più frammenti di storia che non una storia piena emotivamente.
Notevole il ritratto di donna sempre più immerso nella malinconia e nella delusione, apprezzabili quelle note oscure dell’animo che porta come attrice nei panni della madre dello scrittore Amos Oz.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Glory - Non c'è tempo per gli onesti
Noi Siamo Tutto
Cuori Puri
Gold – La grande truffa
Il colore nascosto delle cose
Professore per amore
Presagio Finale
McFarland, USA
Atomica Bionda
In Dubious Battle - Il coraggio degli ultimi
Dunkirk
Zero Bagget
La verità, vi spiego, sull'amore
Il permesso - 48 ore fuori
Spider – Man: Homecoming
Risk
Ritratto di Famiglia con Tempesta
Être et Durer
Parliamo delle mie donne
Io Danzerò
Una doppia verità
Wonder Woman
Sognare è Vivere
Indizi di felicità
Tutto quello che vuoi
Song to Song
Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar
47 Metri
Alien: Covenant
La voce - Il talento può uccidere
The Loft
Codice Unlocked - Londra sotto attacco
Sole Cuore Amore
7 Minuti dopo la Mezzanotte
A casa nostra
Le cose che verranno
La tenerezza
The Circle
Barriere
Una settimana e un giorno
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere