Lunedì 8 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Suite Francese PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 17
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 22 marzo 2015

Titolo: Suite Francese
Titolo originale: Suite Francaise
Regno Unito, Francia, Canada: 2014 Regia di: Saul Dibb Genere: Drammatico Durata: 107'
Interpreti: Michelle Williams, Margot Robbie, Kristin Scott Thomas, Ruth Wilson, Sam Riley, Alexandra Maria Lara, Matthias Schoenaerts, Eileen Atkins, Lambert Wilson, Harriet Walter, Tom Schilling, Clare Holman, Deborah Findlay
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.suitefrancese.libero.it
Nelle sale dal: 12/03/2015
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Mieloso
Scarica il Pressbook del film
Suite Francese su Facebook

suitefrancese_leggero.pngSuite francese è un buon romanzo incompiuto, scritto nel 1942 dalla scrittrice ucraina ebrea Irène Némirovsky. Dopo aver scritto i primi due ‘ movimenti ‘ nella campagna francese è stata arrestata dalla gendarmeria e deportata ad Auschwitz dove è morta poco dopo di febbre tifoidea. Scrittrice affermata e criticata all’epoca, caduta un po’ nel dimenticatoio poi.
Una sua figlia ha trovato in una valigia il manoscritto agli inizi di questo secolo e nel 2004 è stato pubblicato in Francia riscuotendo un successo internazionale.
L’efficacia e la bellezza di questo romanzo è l’impostazione corale e quasi epica di ciò che succede ai francesi il giorno precedente dell’arrivo a Parigi dell’esercito nazista, alla loro fuga verso Vichy e al loro inesorabile destino.
Una storia in cui la scrittrice ci vuole dire che l’amore non è la felicità, ma solo l’ultimo rifugio della bellezza ( di cui la musica di Suite francese eseguita dal pianoforte è testimonianza e strumento ), in un mondo fatto di orrore e perdita della dignità.

Nel romanzo si racconta di una famiglia borghese, la Famiglia Péricand, molto ricca, imparentata con altre famiglie altoborghesi di provincia, con un figlio già al fronte; dello scrittore Gabriel Corte, Accademico di Francia, e quindi tra i quaranta "immortali", dagli atteggiamenti dannunziani, assai egocentrico e po’ vile, con relativa amante, Florence; la Famiglia Michaud, una coppia piccolo-borghese: Maurice e Jeanne che lavorano presso la Banca del signor Corbin, dovrebbero fuggire da Parigi con l’auto del loro datore di lavoro ma Corbin preferisce all’ultimo momento portare con sé l’amante e non loro; c’è Charlie Langelet, un sessantenne, vecchio scapolo la cui unica passione è collezionare porcellane, uomo molto snob che prova un generico disprezzo per il genere umano; e poi tanti altri microcosmi umani assai ben descritti in un dramma corale di un popolo tra coraggio e piccole vigliaccherie che cerca di salvarsi scappando da Parigi per raggiungere il sud sotto i bombardamenti nazisti.

Ecco, se questo è il libro ( un buon libro ma un po’ sopravvalutato, forse perché viviamo in un’epoca di narratori modesti e insignificanti ), dimenticate quasi tutto ! Infatti dovrebbe essere almeno segnalato liberamente tratto.
Il regista Saul Dibb ( La duchessa, 2008 ) ha scelto di raccontare invece una piccola storia, quella di una giovane donna sposata che vive in campagna con la terribile suocera mentre suo marito è al fronte; tratteggia il carattere della ragazza senza importanza, sottomessa e ingenua, del suo innamoramento per un ufficiale tedesco gentile che condivide con lei la passione della musica, poi verso la fine lei prende coscienza che i nazisti non sono come loro, sono dei criminali e quindi decide di compiere un gesto eroico. La scelta deludente e insignificante del regista è quella di collocare la storia in una narrazione romantica, fatta di sguardi languidi, sentimenti e passioni inaspettate e interiorizzate, che possono risultare mielose anche a signore anziane romantiche che vanno al cinema.
Ma il difetto grosso di questo film è l’ingenuità dei protagonisti, la psicologia da baci perugina, la bontà d’animo che rasente dell’incredibile e la fastidiosa voce in off che ogni tanto puntualizza le scelte dei protagonisti e che non è altro che un passo del romanzo: facendo così appare l’attrito tra romanzo e film. Insomma, un’operazione commerciale furba e stolta che porta sullo schermo un film inutile sotto tutti i punti di vista. Cosa ci vuole raccontare la storia ?
Di un animo semplice di una giovane donna senza qualità ? Che l’amore può prescindere dall’orrore dei fatti che ci circondano ? Che a conti fatti la coscienza supera l’amore ? Oppure che davanti all’orrore anche i francesi si sono adattati a volte in modo indecoroso ? Oppure che il lato oscuro delle persone è ben visibile ? ( tematica che ha creato non pochi problemi alla scrittrice Némirovsky, accusata di antisemitismo e anticomunismo all’epoca ).
Tutti argomenti raccontati con ben altro spessore in tanti altri film, da Malle a David Lean. tanto per citarne alcuni. In una storia in stile armony alla francese, se può contare qualcosa, possiamo aggiungere che il cast è ben assortito e gli attori sono bravi ( Michelle Williams, Matthias Schoenaerts e soprattutto Kristin Scott Thomas ) anche se i due giovani protagonisti restano sempre troppo fedeli nei turbamenti e negli stupori.

La storia ? 1940, i primi mesi dell’occupazione tedesca della Francia. Nel paese di campagna di Bussy, la giovane Lucile aspetta con l’autoritaria suocera, la signora Angellier, notizie del marito prima in guerra e poi prigioniero. La guerra avanza ma l’unico interesse di madame Angellier è riscuotere gli affitti dai contadini e di procurarsi cibo, mentre Lucile trova sfogo solo nel suonare il piano.
Un giorno il paese viene occupato dall’esercito tedesco, gli ufficiali prendono alloggio nelle case degli abitanti. Nella villa di madame Angellier viene fatto alloggiare l’ufficiale Bruno Von Falk. La giovane ben presto si incuriosisce all’ufficiale che ama suonare il piano la sera e così facendo rompe quel muro di silenzio nella casa e nel suo cuore.
I due giovani vengono travolti dalla passione che però non riescono a soddisfare per alcuni casuali impedimenti mentre nel paesino avvengono retate, arresti e soprusi dai soldati tedeschi…

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere