Sabato 4 Febbraio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Tar PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Ilaria Mutti   
martedì 20 novembre 2012

Titolo: Tar
Titolo originale: Tar
USA: 2012. Regia di: Edna Biesold, Sarah-Violet Bliss, Bruce Thierry Cheung, Gabrielle Demeestere, Alexis Gambis, Shruti Ganguly, Brooke Goldfinch, Omar Zuniga Hidalgo, Shripriya Mahesh, Pamela Romanowsky, Tine Thomasen, Virginia Urreiztieta
Genere: Drammatico Durata: 72'
Interpreti: Jessica Chastain, Lauren Mae Shafer, Vince Jolivette, Kathi Moore, Zachary Unger, Mia Serafino, Danika Yarosh, Lauren Kole, Evan Kole, Jordan March
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Ilaria Mutti
L'aggettivo ideale: Poetico
Scarica il Pressbook del film
Tar su Facebook

Tratto dall’omonima raccolta di poesie di CK William, poeta americano vincitore del Premio Pulitzer, Tar è un lavoro collettivo di studenti laureati della NYU guidati da James Franco. Attraverso l’evocazione della poesia si arriva a un immagine che narra alcuni episodi della vita dello stesso poeta e della sua idea di memoria come elemento salvifico che si contrappone a una sofferenza personale che tende solo alla morte. In questa visione filosofica pessimistica, il film si avvale dell’associazione di idee per far scaturire una narrazione quasi fosse un processo proustiano.
E se da un lato ne amplifica l’idea di sperimentalizzazione e di immagine frammentata nel processo narrativo, dall’altro confonde lo spettatore che si trova continuamente disorientato. Questo on the road della memoria, ha tre temi fondamentali. Una festa psichedelica a base di droga e alcool che incarna la degradazione della vita, un cavallo morente che è simbolo dell’agonia dell’esistenza e il disastro nucleare a Three Mile Island, avvenuto vicino alla casa del poeta, che è un tunnel diretto verso la morte, vista come un’esperienza personale e familiare che l’autore umanamente non riesce a superare se non elevandola a tema lirico nelle sue poesie. James Franco diventa CK William, in una pellicola che compie continui salti narrativi che ricordano per alcuni tratti quelli “Tree of Life” di Malick, ma purtroppo qui il “gioco” non riesce proprio per la mancanza di un’unità di fondo che non si riesce a cogliere perché troppo affidata all’estetica e poco alla storia.
Rimangono “delle pitture di celluloide” alcuni paesaggi in cui la luce dai toni caldi riesce a creare una sorta di sogno allucinato e continuamente interrotto da un montaggio che tende a spezzare le tessere di un puzzle più che a portarle a un’unità.
Nel complesso l’opera è quindi una buona intuizione non del tutto riuscita, che comunque ha un valore di sperimentazione e di qualità di immagine che rappresentano il suo vero punto di forza.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere