Martedì 31 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The End of the tour PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 19 febbraio 2016

Titolo: The End of the tour
Titolo originale: The End of the tour
USA 2015 Regia di: James Ponsoldt Genere: Drammatico Durata: 106'
Interpreti: Jesse Eisenberg, Jason Segel, Joan Cusack, Anna Chlumsky, Mamie Gummer, Ron Livingston
Sito web ufficiale: www.endofthetour-movie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 11/02/2016
Voto: 6,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Interessante
Scarica il Pressbook del film
The End of the tour su Facebook

Tratto dal romanzo “Come diventare se stessi” - di David Lipsky

end_of_the_tour_leggero.pngChi è stato David Foster Wallace ? ( Il Foster è stata un’invenzione editoriale per non farlo confondere con altri autori dallo stesso cognome ) In Italia è conosciuto non da molti ma è ancora oggi uno scrittore di culto nel mondo anglosassone, con romanzi come La scopa del sistema e soprattutto Infinite Jest ( un libro di ben 1400 pagine ); è stato giudicato ‘ la migliore mente della sua generazione ‘, la rivista Time ha incluso Infinite Jest nella lista dei 100 migliori romanzi di lingua inglese dal 1923 e la critica lo colloca tra Don De Lillo e Jorge Luis Borges.

E’ considerato uno dei rappresentanti della corrente letteraria Avantpop ( tanto per intenderci nel Cinema sono identificabili con questa ‘ etichetta ‘ Tarantino, I Fratelli Coen, Emir Kusturica ) Il mito di Wallace è ulteriormente cresciuto da quando nel 2008 la moglie lo ha trovato impiccato nel patio di casa a non ancora cinquant’anni.
Non sappiamo personalmente chi fosse David Wallace, il film ce lo mostra come un ragazzone di quasi due metri, con la bandana sempre in testa, solitario, complesso e semplice allo stesso tempo, scontroso e forse un po’ antipatico, ma con il dono della scrittura e con il bisogno estremo di sincerità e di liberarsi da qualsiasi sovrastruttura sociale.

Dal film intuiamo che potrebbe avere avuto doti profetiche su dove le tecnologie possono portare l’uomo, sulla deriva dei mezzi di comunicazione che oggi ci condizionano, ci impigriscono e ci fanno credere che non abbiamo bisogno degli altri perché abbiamo internet, facebook e la televisione.
Ma si può distinguere l’essere umano da ciò che produce ? L’autore di romanzi ( o il cineasta o il musicista etc. etc. ) deve essere un tutt’uno con ciò che crea oppure per noi basta l’opera e non dobbiamo giudicarlo per come è vissuto ?

Il film è tratto dal libro Come diventare se stessi di David Lipsky ( pubblicato in Italia da minimum fax ), un giovane giornalista all’epoca di Rolling Stone che decise di intervistarlo e visse con lui alcuni giorni nel 1996, al tempo del successo del libro più importante di Wallace. Da quest’esperienza ne è nato questo libro di oltre 400 pagine che lo rende l’intervista più dettagliata e anche più lunga che un giornalista abbia fatto ad uno scrittore. Ma chi era Wallace oltre che un grande scrittore ? Era a modo suo un filosofo ( aveva studiato anche filosofia all’Università ), un giornalista ( durante il viaggio e l’intervista mostra di conoscere tutti i trucchi del mestiere di intervistatore ), un saggista, un linguista e altro ancora. Ma è anche qualcuno che è stato in un ospedale psichiatrico, un depresso, probabilmente un alcolista e forse un drogato ( al centro del suo romanzo c’è questa dinamica ).

La storia inizia con la telefonata a David, un amico gli chiede se è vero che lo scrittore Wallace è morto suicida.
Da questo momento inizia il classico un flash back, da quando il giornalista di Rolling Stone, stanco di scrivere di piccoli gruppi musicali, vuole intervistare il nuovo fenomeno letterario di cui la fidanzata è invaghita attraverso la scrittura e lui ne sente il fascino e si sente un po’ come un fratello minore avendo pubblicato un romanzo che ha avuto una certa notorietà ma niente in confronto con il nuovo romanzo di Wallace. Il direttore accetta la proposta del suo giovane giornalista e David parte per raggiungerlo in una casa sperduta tra la neve.
E in questi cinque giorni il giovane cerca di trovare spunti per uno scoop e invece l’intervista rapidamente si tramuta in altro, smette di essere tale e diviene un confronto tra due scrittori e due umanità abbastanza differenti: discorsi che vanno dalla scrittura al modo di vedere il mondo, dall’uso delle droghe al condizionamento dei media, dall’effimero del successo alle luci fasulle della notorietà, dal mondo dell’editoria alla la musica al cinema dei Bmovie. E tutto questo parlare porta naturalmente al conflitto e allo scontro umano, ma trovano in fondo una sintonia di intenti attraverso uno schietto e intenso confronto dialettico.
E nel viaggio che i due intraprendono ( in fondo cosa è la vita o i romanzi se non dei viaggi ) per un reading a Minneapolis di Wallace, i due si conoscono, si scontrano, litigano fino a raggiungere un rispetto e un apprezzamento reciproco, umano e professionale. A quello che ci risulta ( non viene detto nel film ) l’intervista non uscirà su Rolling Stone ma diventerà materiale per il libro da cui è stato tratto il film.

James Ponsoldt ( un regista non ancora quarantenne che ha già realizzato film come Gioco Forzato, Smashed, The Spectacular Now, tutti passati al Sundance Festival in cui ha vinto vari premi ) ha realizzato un film lineare, piacevole e un po’ verbosetto. Alcuni messaggi sfiorano lo spettatore che non ha il tempo per metabolizzarli perché subito si passa ad altro. E l’intenzione che dovrebbe essere anche divulgativa e universale giunge fino ad un certo punto. Un buon cast anche se non molto empatico, una buona sceneggiatura.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere