Giovedì 1 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Iron Lady PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 50
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 26 gennaio 2012

The Iron Lady
Titolo originale: The Iron Lady
Gran Bretagna: 2011. Regia di: Phyllida Lloyd Genere: Drammatico Durata: 105'
Interpreti: Meryl Streep, Jim Broadbent, Olivia Colman, Roger Allam, Susan Brown, Nick Dunning, Nicholas Farrell, Iain Glen, Richard E. Grant, Anthony Head, Harry Lloyd, Michael Maloney, Alexandra Roach, Pip Torrens, Julian Wadham, Angus Wright
Sito web ufficiale: www.theironladymovie.co.uk
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 27/01/2012
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Apolitico
Scarica il Pressbook del film
The Iron Lady su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

theironlady_leggero.pngL’anziana Magaret Tatcher, confinata nella sua casa londinese di Chester Square e affetta da demenza senile, conversa amabilmente con il marito, scomparso da otto anni.
All’arrivo della figlia Carol, che la esorta a disfarsi degli effetti personali di Denis, Margaret inizia a rievocare episodi del suo passato.
E’ possibile costruire un biopic su una personalità politica di primo piano senza assumere una posizione? Apparentemente sì, a giudicare da “The Iron Lady”.
La regista Phyllida Lloyd e la sceneggiatrice Abi Morgan (Shame) ci offrono infatti quella che si potrebbe definire, con buona pace di Mordecai Richler, “La versione di Margaret”, scegliendo di assumere la prospettiva dell’ingombrante protagonista.
Ben poco viene raccontato delle controverse decisioni politiche adottate in tre mandati consecutivi, da colei che fu il più celebrato e insieme il più vituperato Primo Ministro britannico del dopoguerra.
momenti più drammatici e cruciali dei suoi 11 anni di governo (1979-90) sono relegati in filmati di repertorio, la cui unica funzione è quella di scandire cronologicamente gli eventi, ma che non chiariscono le ragioni di tanta avversione.

Eppure non si può dire che mancassero argomenti di discussione: le privatizzazioni selvagge, la chiusura di gran parte dell’industria mineraria inglese e gli scontri con il sindacato di Arthur Scargill, la brutale repressione del dissenso, la linea dura adottata verso l’IRA e la revoca dello status di prigioniero politico ai suoi militanti (ricordate Bobby Sands?), l’insensata guerra delle Falkland e l’iniqua poll-tax.
E, più di tutto, una politica economica liberista, di concerto con la Reaganomics d’oltreoceano, che aumentò la disoccupazione e la diseguaglianza tra le classi sociali, i cui frutti sono ancora oggi visibili nell’instabilità economica attuale.
Iniziò allora l’abbraccio fatale del Regno Unito con gli Stati Uniti e l’indiscriminato sostegno alla politica estera americana, proseguito poi immutato negli anni di governo di Tony Blair, che portò alle mistificazioni della seconda guerra del Golfo. Ironicamente, quegli anni videro una rinascita del cinema inglese, che non era mai stato così vitale dai tempi del Free Cinema degli anni ’60.
Film in chiave rigorosamente antitatcheriana, diretti da registi quali Mike Leigh, Ken Loach, Stephen Frears e Richard Eyre, che diedero nuovo lustro a una cinematografia ormai in declino.
Neanche la scena musicale inglese fu da meno; i “The Specials” rispolverarono per l’occasione la dylaniana “Maggie’s Farm”, mentre gli Smiths e Morrissey scrissero “Margaret On The Guillotine”.

Di carne al fuoco ce n’era insomma a sufficienza, ma “The Iron Lady” preferisce evitare polemiche, accentrando l’attenzione sulla Tatcher privata, sull’essere umano e non sull’animale politico. Quello che resta dopo tante amputazioni, è un biopic dal sapore tradizionale, con i consueti flashbacks dalla cronologia scompaginata.
Se “Il Discorso del Re” e “The Queen” si focalizzavano su due episodi storici ben definiti, qui si opta per una più tradizionale panoramica a volo d’uccello.
Lo spettatore assisterà così alla vicenda di un’eroina femminista della “working class”: la modesta figlia di un droghiere di Grantham la quale, contro tutte le avversità, riuscirà a farsi strada in un’ambiente maschilista e classista fino ad ascendere alla guida del Partito Conservatore, e poi alla carica di Primo Ministro.
Nonostante la protagonista spieghi, in una scena chiave, che per lei le idee sono più importanti dei sentimenti, tali “idee” e la loro messa in pratica rimangono oscure a chi non sia già informato dei fatti. Nell’esposizione narrativa, carriera e matrimonio vengono prima delle decisioni politiche.
Lo spettatore si trova quindi davanti all’ammirato ritratto di un’anziana signora non più in possesso delle proprie facoltà mentali, a cui non è possibile far mancare un’affettuosa solidarietà.

Regista e sceneggiatrice spiegano che “The Iron Lady” vuole essere un’opera di fiction (e si era capito), che anela niente meno che al “Re Lear” shakespeariano: una riflessione sulla follia, sulla vecchiaia e sulla perdita del potere.
Ambizioni alte, che però andrebbero ridimensionate.
Margaret Tatcher non ha la la tempra dell’eroina tragica, e non vale, in una sequenza dal kitsch insostenibile, farle abbandonare il numero 10 di Downing Street sulle note di “Casta Diva” ad elevarne la statura. Abi Morgan fa dire alla Tatcher di aver sopportato l’odio per il bene delle generazioni future, che un giorno la ringrazieranno.
Ebbene, tali ringraziamenti non sembrano essere pervenuti.
“The Iron Lady” è interamente fagocitato dalla mostruosa bravura, dalla classe e dal carisma di una monumentale Meryl Streep, che deborda da ogni fotogramma anche sotto le pesanti acconciature di J.Roy Helland e le protesi escogitate da Mark Coullier. La sua interpretazione, giustamente premiata con un Golden Globe, costituisce infatti l’unica valida ragione per vedere il film, e probabilmente anche la motivazione principale per cui quest’ultimo è stato realizzato.

La Streep coglie perfettamente l’essenza del personaggio, pur senza negarsi qualche accento impercettibilmente ironico (se non apertamente comico), nella descrizione degli anni dell’ascesa al potere. La giovane Tatcher è interpretata con severa convinzione dalla debuttante Alexandra Roach, ed ugualmente perfetti sono Jim Broadbent (Denis Tatcher), Olivia Colman (Carol) e Anthony Head (Geoffrey Howe).
La fotografia di Elliot Davis, i costumi di Consolata Boyle e la scenografia di Simon Elliott utilizzano con intelligenza una palette monocromatica per le scene che si svolgono al tempo presente, rimarcando il progressivo estraniamento dalle cose del mondo dell’anziana protagonista, riservando toni più accesi per i flashbacks.
Non che ci si attendesse dalla regista di “Mamma Mia” chissà quale rigorosa disamina del tatcherismo o una verve polemica alla Oliver Stone, ma così com’è “The Iron Lady” rimane un modesto biopic dalle ambizioni mal riposte, spesso irritante per il suo ostinato rifiuto ad esprimere un’opinione, illuminato da una straordinaria attrice che da sola vale il prezzo del biglietto.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere