Lunedì 3 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Tree of Life PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 06 giugno 2011

The Tree of Life
Titolo originale: The Tree of Life
U.S.A.: 2010. Regia di: Terrence Malick Genere: Drammatico Durata: 139'
Interpreti: Brad Pitt, Sean Penn, Jessica Chastain, Fiona Shaw, Joanna Going, Hunter McCracken, Laramie Eppler, Tye Sheridan, Jackson Hurst, Lisa Marie Newmyer, Crystal Mantecon, Tom Townsend, Jennifer Sipes, Tamara Jolaine, Will Wallace, Kimberly Whalen, Michael Showers, Danielle Rene, Margaret Hoard, Zach Irsik, Brayden Whisenhunt, Erinn Allison, Jodie Moore, Chris Orf, Cole Cockburn, Christopher Ryan, Alex Draguicevich, Robin Read, Anne Nabor
Sito web ufficiale: 
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 18/05/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Interessante
Scarica il Pressbook del film
The Tree of Life su Facebook

The Tree of LifeMallick è della generazione dei Coppola, degli Scorsese, degli Steven Spielberg, dei David Lynch, eppure – nonostante abbia fatto solo 5 film dal 1973 e siano passati ben vent’anni tra il secondo e il terzo – è circondato dall’aureola della genialità ed è entrato nel mito, sul genere di Salinger o di Bowles in letteratura. Già dal suo debutto alcuni addetti ai lavori pensavano di lui un gran bene, Il suo primo film “ La rabbia giovane “ ha avuto un certo successo mondiale ma non quei trionfi che si aspettavano.

Quell’anno era uscito un film di Scorsese “ Mean street “ che gli aveva fatto ombra internazionalmente.
Il film aveva dei tratti in comune con “ A sangue freddo “ famoso romanzo di Truman Capote, ma non riuscì a diventare una pietra miliare come invece è diventato il libro. Il suo secondo film “ I giorni del cielo “ ( con una splendida fotografia del grandissimo e compianto Nestor Almendros e con partiture di Ennio Morricone ) ebbe riconoscimento internazionale.
Successivamente ha realizzato un film sopravvalutato dalla critica “ La sottile linea rossa “, e anche in questo caso il film è stato ‘ offuscato ‘ da un altro film, questa volta di Spielberg “ Salvate il soldato Ryan “, uscito quasi contemporaneamente. Il quarto film è del 2005 “ The New Word “ e racconta l’avventurosa e sfortunata vita di Pocahontas morta a 22 anni. In questi giorni, nelle sale esce il suo ultimo lavoro “ The tree of life “ appena passato al Festival di Cannes e premiato – come per il passato – con la Palma d’Oro. Un film molto atteso, da alcuni definito un capolavoro prima ancora di essere visto, qualcuno ha asserito addirittura che avrebbe riscritto la storia del cinema.

Tanta attesa fideistica non poteva essere che pericolosa nei confronti di Malick e del suo film. Ma cosa differenzia questo solitario e ritroso autore statunitense dai vari altri grandi registi internazionali ? Probabilmente le sue attitudini estetiche, un amore per la fotografia, per una sapienza di montaggio emotivo sperimentale e quasi da avanguardia ( ci sono voluti 5 montatori per quest’ultimo ), per delle immagini che sono visibili normalmente più in una biennale d’arte che in una sala cinematografica;
immagini di acque tumultuose, di ruscelli, di venti, di stormi, di nuvole, di rocce, con una voce fuori campo che fa da accompagno, da pensiero, da poesia e da sentimenti profondi in forme quasi metafisiche.
E dove gli attori pensano più che parlano e dove i personaggi vivono malesseri e dolori come fossero una rappresentazione mossa a uso e consumo del regista. Tutto questo è ‘ l’albero della vita ‘ e non si può dire che sia un film nuovo o sconvolgente, nemmeno un capolavoro, perché dare una definizione del genere a un’opera vorrebbe significare che non dovrebbe avere un certo compiacimento, una voglia anche di rimestare in cose già dette o viste.
Malick in questo film parla dei massimi sistemi, ( per l’appunto, l’albero della vita ) della vita, della morte, degli affetti, del dolore, della difficoltà di vivere, della difficoltà di conoscere e riconoscere i sentimenti e quindi di accettarli e mostrarli, della lotta tra cervello e cuore e quindi preferire il tentativo dell’affermazione sociale piuttosto che essere felici dei propri sentimenti.
Il tutto è narrato con un naturalismo che percorre canali espressivi a volte ostici per lo spettatore, a volte difficili da comprendere, a volte banali nella loro componente simbolica ( come la caduta della maschera nera nell’acqua o camminare sui bordi del mare vestiti ma con i piedi nudi – in un’immagine molto simile all’ultimo film di Eastwood ).
Malick in questo film ha radicalizzato l’estetica che c’era già nei suoi precedenti film, ha voluto estremizzare il suo intuito, la sua visionarietà senza curarsi troppo dello spettatore, volendolo trascinare su un lato emotivo, quasi che dovesse perdere la parte razionale.

Il film è ambientato negli Anni Cinquanta, in un paesino del Texas. C’è una famiglia composta da un padre anaffettivo, duro, autoritario ed esigente con se stesso e quindi con gli altri ( Brad Pitt ), una madre paziente, protettiva, buona e succube ( Jessica Chastain ) e da tre figli maschi adolescenti; tutto prosegue ‘ normalmente ‘ fino quando giunge una lettera e la tragedia: il
secondo fratello è morto ( Era malato da tempo e in un ospedale ? – Lo vediamo solo successivamente, in modo frammentario e con una parte dei capelli rasati come se avesse subito un’operazione ). Pianti, disperazione, il funerale e con la tragedia iniziano le classiche domande sulla vita, sulla morte, sull’origine di noi e sulla natura.
La storia si sposta per un breve tratto ai nostri giorni in una metropoli, Jack – il primo figlio – ( Sean Penn ) ha la vita che avrebbe voluto il padre, competitivo, affermato e forse solo. Riceve una telefonata: è morto qualcuno in famiglia ?
E inizia la parte – una ventina di minuti – visionaria e primordiale fatta di onde del mare, di uccelli in movimento e si giunge fino al giurassico. Si ritorna quindi agli Anni Cinquanta per ricostruire e ricomporre i rapporti e gli affetti di questa famiglia texana che vive nel dolore della morte del secondo fratello e della perdita nel padre di tutti i miti che ha rincorso e che non è riuscito ad afferrare come l’affermazione sociale e il riconoscimento di essere un uomo di successo.
La storia termina su una spiaggia in cui si rincontrano genitori e figli nelle varie età con la consapevolezza che senza amore la vita scorre via più rapida.

 
< Prec.

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere