HOME arrow Recensioni film arrow Drammatico1 arrow Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Domenica 22 Aprile 2018
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Tre manifesti a Ebbing, Missouri PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 17 gennaio 2018

Titolo: Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Titolo originale: Three Billboards Outside Ebbing, Missouri
Regno Unito, USA 2017 Regia di: Martin McDonagh Genere: Drammatico Durata: 115'
Interpreti: Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Abbie Cornish, John Hawkes, Peter Dinklage, Caleb Landry Jones, Kerry Condon, Kathryn Newton, Samara Weaving
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 11/01/2018
Voto: 7,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Coerente...
Scarica il Pressbook del film
Tre manifesti a Ebbing, Missouri su Facebook

Abbiamo visto “ Tre manifesti a Ebbing, Missouri “ regia di Martin McDonagh.

tremanifesti.jpgUna donna alla deriva ma dura come l’acciaio, un atto barbaro su una ragazzina che nessuno sembra possa o voglia risolvere, un’America di provincia che più disperata nella sua normalità non può apparire, con persone che hanno smarrito del tutto la strada e tutto ciò di buono che questa nazione aveva nell’anima; tutti si conoscono eppure tutti sembrano ignorarsi, come fossero delle isole nella corrente.
Un film semplice nella sua complessità umana, con degli attori che singolarmente valgono il costo del biglietto, con uno script ottimo per coerenza e ritmo ( premio Golden Globe e Premio come migliore sceneggiatura all’ultimo Festival di Venezia ). Insomma il migliore film di questo inizio d’anno, cosciente, lineare e semplice, in cui si mescolano con sapienza realismo, disperazione ma anche qualche tenue spiraglio di ironia e un finale aperto e solidale.

Mildred Hayes vive nella provincia profonda del Missouri ( una sempre bravissima Frances McDormand ), è una cinquantenne abbandonata dal marito, vive con un figlio saggio e non si vuol dar pace per la violenta morte di sua figlia Angela, una ragazzina violentata e bruciata già da parecchi mesi.
Dando fondo ai risparmi, decide di affittare tre cartelloni pubblicitari per mettere tre manifesti con tre messaggi differenti diretti allo sceriffo della città di Ebbing, Bill Willoughby ( un bravo Woody Harrelson, forse un po’ gigione nei primissimi piani ): vuole solo sollecitare la polizia a continuare a indagare sul delitto e a trovare il colpevole. Ma l’affissione alle porte del paese, provoca la reazioni sia della polizia violenta ( un sempre bravissimo Sam Rockwell ) che dei cittadini che vorrebbero dimenticare ciò che è accaduto. Ma il tentativo di Mildred pur con poche speranze provocherà dei cambiamenti individuali…

Il regista Martin McDonagh ( commediografo, sceneggiatore e regista britannico, con alle spalle due buoni film In Bruges – La coscienza dell’assassino, 2008, 7 Psicopatici, 2012 ), realizza un altro bel film, inserendo in un contesto a dir poco drammatico la commedia nera e la critica ad un sistema sociale asfittico e reazionario, ma sceglie, in vari passaggi, un tono leggero, ritraendo alcuni personaggi con ironia e mettendo in evidenza il lato ‘ idiota ‘ più che l’aberrazione razzista.
McDonagh non cade mai nei rischi di realizzare un film brutale ( grazie anche alla bravura dei poliziotti, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Željko Ivanek ), o un film verboso ( grazie alla sapienza della sceneggiatuta ) e soprattutto grazie alla recitazione di Frances McDormand che meriterebbe almeno una candidatura all’Oscar.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere