Venerdì 7 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Un giorno questo dolore ti sarà utile PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 08 marzo 2012

Un giorno questo dolore ti sarà utile
Titolo originale: We Need to Talk About Kevin
Italia, USA: 2011. Regia di: Roberto Faenza Genere: Drammatico Durata: 98'
Interpreti: Toby Regbo, Stephen Lang, Deborah Ann Woll, Lucy Liu, Aubrey Plaza, Marcia Gay Harden, Ellen Burstyn, Peter Gallagher, Siobhan Fallon
Sito web ufficiale: www.mymovies.it/ungiorno
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 24/02/2012
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Piatto
Scarica il Pressbook del film
Un giorno questo dolore ti sarà utile su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

ungiornoquestodoloretisarautile_leggero.pngPrendete un buon romanzo dello scrittore gay Peter Cameron ( vincitore di due prestigiosi premi letterari già a soli 26 anni, il suo primo libro, “ In un modo o nell’altro “ - One Way or Another, è del 1987, mentre “ Quella sera dorata “ è del 2006 e Ivory ne ha tratto un bel film nel 2009 ), tenete presente il classico romanzo di formazione: disagio adolescenziale, insicurezza identitaria, bisogno di autorità genitoriale, senza tuttavia pensare al “ Giovane Holden “ con cui divide soltanto l’ambiente alto borghese metropolitano e il fatto che in un momento di angoscia il ragazzo si permette un albergo da settecento dollari a soli 17 anni, a questo aggiungete un regista fuori dagli schemi classici italiani ( “ Copkiller “, “ Mio caro dottore Grasler “, “ Prendimi l’anima “ ma anche “ Il delitto di via Poma “ ), con una curiosità e un talento in controtendenza ma senza tocchi autorali alti ed ecco un film come “ Un giorno questo dolore ti sarà utile “.

Con un buon cast ma non eccelso, una bella fotografia ma non da Oscar, una sceneggiatura corretta che ha seguito di pari passo il libro senza tuttavia approfondire i due ‘ temi ‘ forti del film, e il risultato è un film fondamentalmente televisivo, senza particolari segnali da lasciare allo spettatore.
Nel libro si intuisce garbatamente che l'insofferenza verso il mondo, del giovane James, nasce dall’ancora irrisolto e volutamente inconfessato desiderio omosessuale, ma c’è anche il suo attaccamento ai buoni valori morali e affettivi che purtroppo nella sua famiglia sono seriamente a rischio, come lo sono nel mondo che lo circonda, mentre – sullo sfondo - c’è anche la ferita che quel Paese ha ricevuto l’11 settembre del 2001.
Beh, di tutto questo c’è ben poco e la sua famiglia sembra più il ritratto parallelo di un film di Muccino, con uno spruzzo di “ Sorpasso “ qualche decennio dopo. Insomma un buon film televisivo, elegante nella fattura, un po’ cool, senza falsi moralismi, ma un po’ piatto e prevedibile. Peccato, perché l’operazione poteva essere coraggiosa anche tenendo presente le difficoltà produttive che hanno oggi i registi italiani anche quando sono “ all’estero “.

James è un diciottenne che forse sogna il suicidio come gesto di liberazione da tanti conformismi.
Ha finito la scuola da un po’ e non vuole andare all’ università, ha fatto un tentativo ma è scappato via annichilito dalla superficialità e la leggerezza dei suoi coetanei.
Vive in una bella casa su tre piani a New York, con la mamma, un’antiquaria che si è appena sposata per la terza volta e il cui matrimonio è durato un paio di giorni, il suo nuovo marito è un giocatore di poker compulsivo che si è fregato, la prima sera di nozze, la carta di credito di lei per andare a giocare e a vedere una lap dance.
E con una sorella poco più che ventenne che ha una relazione con un cinquantenne, professore di teoria del linguaggio, colto, sposato, piuttosto indifferente e un po‘ paterno ‘. Il padre distante invece lotta contro le rughe, gira in porsche e rimorchia ventenni stratosferiche; un classico Peter Pan, tanto simpatico quanto cazzaro.
James non sa bene cosa fare della sua vita priva di amici, con una famiglia sconclusionata e senza punti di riferimento – fatta eccezione per la nonna materna, Nanette, che lo asseconda e lo sprona a rischiare nella vita -.

Fa finta di lavorare nella galleria d’arte della madre, dove non entra quasi nessun cliente: difficile vendere opere di tendenza di questi tempi, come le pattumiere fumose e sonore dell’artista giapponese che vuole restare Senza Nome.
I suoi genitori, anche se non si vedono mai e vivono in modo completamente differente, hanno un solo pensiero in comune mandare il loro figliolo in una università d’elite ma James rinvia ostinatamente, allora corrono ai ripari e gli fissano un incontro con una life coach ( una psicologa, praticamente ) che gli possa indicare la via per il successo sociale.
Naturalmente il ragazzo accetta una sola volta di vederla e solo perché è ben educato, poi spinto dalla nonna, prende coraggio su un suo sogno, va a cercarsi una casa nella natura per poter vivere da solo, leggere libri e lavorare il legno, ma per sua fortuna le due agenti immobiliari gli mostrano una casa fatiscente e ridicola e lui scappa via.

Un giorno James scopre che John, il direttore della galleria e suo complice di assenze sul lavoro, chatta con cuori solitari gay e, un po’ per solitudine e un po’ per scherzo, gli si presenta subito sotto falso nome, si inventa di essere un gallerista importante gay, e accetta un invito ad una festa proposto da John.
Ma il gallerista quando lo vede si arrabbia ferocemente per lo scherzo e si licenzia anche dal lavoro. Intanto la madre fa yoga, ripete la parola amore e respira incenso, il padre pensa che suo figlio sia gay anche perché non mangia le bistecche, sua sorella pensa di scrivere una autobiografia ed è piantata dal fidanzato e alla porta si presenta il terzo marito della madre pentito e disperato. In tutto questo ballo mascherato dell’esistenza, dove tutto è corretto e niente è vero, James riprende a frequentare la life coach e grazie a lei e a un dramma vero che capita in famiglia non ha più le sue inquietudini. Il bel titolo del film ?
E’ una frase della nonna che dice al nipote per togliergli il malessere del vivere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere