Mercoledì 5 Agosto 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
crawl_banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
jumanji2-728x140.png
Viva la libertà PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 41
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 18 febbraio 2013

Titolo: Viva la libertà
Titolo originale: Viva la libertà
Italia: 2013. Regia di: Roberto Andò Genere: Drammatico Durata: 93'
Interpreti: Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Valeria Bruni Tedeschi, Michela Cescon, Anna Bonaiuto, Eric Trung Nguyen, Judith Davis, Andrea Renzi, Gianrico Tedeschi, Massimo De Francovich, Renato Scarpa, Lucia Mascino, Giulia Andò, Stella Kent
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 14/02/2013
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Monocorde
Scarica il Pressbook del film
Viva la libertà niente su Facebook

vivalaliberta_leggero.pngSin dagli Anni Sessanta del secolo scorso, i generi del cinema italiano che hanno dato un timbro nobile e riconoscibile nel mondo sono stati la commedia e il cinema politico ( “ Il sorpasso “, “ Una vita difficile “ da un lato e “ La classe operia va in Paradiso “ e “ Todo Modo “ dall’altro sono i simboli di questi due generi ).
Hanno tentato poi di coniugare i due ‘ temi ‘ con alterne fortune come con “ Detenuto in attesa di giudizio “, “ Colpire al cuore “ o “ Il portaborse “ ad esempio. L’unico autore innovativo e originale – che ai due generi ha aggiunto iperbole, grottesco e fantastico è stato Sorrentino con “ Il Divo “.

Adesso ci prova dopo parecchio tempo il regista cinquantenne Roberto Andò, un autore difficilmente collocabile, dall’impronta autorale e un po’ troppo intellettuale, con alle spalle soltanto tre film “ Il manoscritto del Principe “ sull’ultimo periodo di vita di Tomasi di Lampedusa, il noir “ Sotto falso nome “e il drammatico-psicologico “ Viaggio segreto “; nel frattempo tanti documentari e regie teatrali di opere di Harold Pinter.

Il regista, con “ Viva la libertà “, invece di cercare nuove vie o ‘ dissacrare ‘ un po’ il cinema corretto e orizzontale del genere, ha seguito con una struttura rigida, interna, prevedibile e poco comunicativa – se non per quegli spettatori che condividono appieno le sue perplessità sulla classe dirigente della sinistra italiana – una storia che aveva bisogno di maggiore coraggio politico e invece ha ‘ sciupato ‘ il piccolo escamotage iniziale restando serissimo ed anche un po’ maramaldeggiando su frasi ad effetto e su semplicistiche analisi comunicative – questo sì distanti dal pubblico medio. In “ Viva la libertà “ ci sono dirigenti politici presi dagli anni Sessanta, esteriormente più simili alla vecchia D.C dei Moro e dei Forlani passati alla storia anche per grigiore, rigidità e solitudine piuttosto che a quelli di oggi, fracassoni, zii indegni, distanti nonostante tutto dal sentire reale.

Eppure ‘ lo spunto ‘ da commedia dell’arte ( che tanto Cinema americano ci ha rubacchiato, “ Dave – Il Presidente americano “ del 2007 è praticamente lo stesso film ) poteva ancora funzionare ( due maschere: due gemelli, uno leader del PD, l’altro professore di filosofia finito in manicomio.
Due facce della stessa medaglia che non si vedono da venticinque anni e la cui frattura è stata anche una stessa fidanzata francese ) se si fosse spinto sul grottesco ed invece la trovata iniziale è fine a se stessa per poi seguire due vite parallele in cui chi sostituisce il segretario del partito di sinistra sembra più Harry il giardiniere che non Berlinguer mentre dell’altra storia ambientata su un set in Francia veramente non può che lasciarci indifferenti e poco complici.
Ed anche il finale intellettualmente scelto sa più di falso ideologico che non di ritrovata ideologia. Insomma il regista ha scelto una chiave drammatica, forse perché connaturata nel suo vedere il cinema, ma ha realizzato un film ‘ carino ‘, ‘ corretto ‘ e risolto politicamente in modo ‘ banale ‘: può una frase alla Harry il giardiniere ( Oltre il Girdino ) o una citazione filosofica, o un haiku zen o dire una poesia di Brecht portare un partito dal 17 per cento al sessantotto per cento de voti ? Enrico Olivieri ( Un bravo ma sempre più stilizzato e uguale a se stesso Toni Sevillo ) è il segretario del maggiore partito d’opposizione, è un uomo grigio, ricurvo in sè, ai limiti della depressione e ai minimi indici di gradimento anche tra i suoi dirigenti. Una sera, senza dire nulla, nemmeno al suo fedelissimo segretario, esce di casa e parte.

Si presenta a casa di Danielle, una sua vecchia fiamma, che vive a Parigi dopo venticinque anni e si fa accogliere anche se lei è sposata con un grande regista di origini indocinesi ed ha una bambina che sembra avere vent’anni per intuizione e maturità. Nel frattempo il segretario Bottini ( un bravo Valerio Mastandrea – ma bisognerebbe dirgli che le persone serie non sono sempre seriose e vittime per forza, possono anche sbuffare una volta o urlare e con questo non vuol dire essere esagitati ) non sa che fare e si inventa che Enrico Olivieri ha bisogno di qualche giorno di riposo. Ma non è sufficiente, tutti chiedono di lui, anche il Presidente della Repubblica. Allora si confida con la moglie di Enrico appena tornata dalla Cina e viene a sapere che il suo segretario ha un fratello gemello, ex professore di filosofia, affetto da una depressione bipolare, appena uscito da una clinica psichiatrica. Lo va a trovare e gli propone di sostituire Enrico per qualche giorno, il gemello Giovanni nonostante rancori verso il fratello accetta quasi fosse un gioco o forse anche per vendicarsi.

E la storia si sviluppa su due binari paralleli, nel primo il filosofo matto e fuori dagli schemi riesce con la sua genialità a spiazzare tutti gli avversari politici con frasi provocatorie ma molto efficaci, riesce perfino a convincere il Presidente della Repubbblica sparendo dalla sala in cui sono in conciliabolo. La ventata d’aria nuova che Giovanni introduce nella segreteria del partito, con i giornalisti e nei comizi è energetica: un new deal della speranza nasce nel popolo fiaccato di sinistra, ma anche nella maggioranza del Paese.
La seconda storia si sviluppa a Parigi, dove Enrico – dopo qualche giorno in cui non esce nemmemo dalla stanza in cui è ospite – decide di seguire l’amica su un set di un film nella provincia francese e lì diventa anche attrezzista nella troupe, fa conquiste amorose di giovani ragazze; insomma non diventa regista come avrebbe voluto Veltroni ma trova la serenità e un equilibrio psichico. Insomma Politica e Cinema come due altri binari paralleli ( o come le convergenze parallele di Aldo Moro ? ) Un film che avrebbe avuto bisogno della regia del miglior Benigni e invece Andò è solo un discreto regista, troppo intellettuale per rendere la farsa e non troppo autorale per rendere il dramma nelle varie sfaccettature, produce un film decoroso, guardabile ma sicuramente non memorabile.
Agli interni algidi di casa Olivieri e a quelli borghesi e alla moda della casa di Parigi ci verrebbe voglia di richiamare il Cioni Mario di Benigni. Comunque in questi tempi di quaresima possiamo anche consigliarlo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere