Domenica 29 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Wilde Salomé PDF Stampa E-mail
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 16 maggio 2016

Titolo: Wilde Salomé
Titolo originale: Wilde Salomé
USA 2011 Regia di: Al Pacino Genere: Drammatico Durata: 88'
Interpreti: Al Pacino, Jessica Chastain, Kevin Anderson, Roxanne Hart, Estelle Parsons, Joe Roseto, Barry Navidi, Geoffrey Owens, Adam Godley, Jack Huston, Phillip Rhys, Natalie Stone, Tony Schiena, Serdar Kalsin
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.wildesalome.it
Nelle sale dal: 12/05/2016
Voto: 6,5
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Istrionico
Scarica il Pressbook del film
Wilde Salomé su Facebook

wilde_salom_leggero.pngPartendo dalle oppiacee visioni di Gustave Moreau, in seguito esaltate dall'immaginifico Des Esseintes di Huysmans, sino ad arrivare al dramma di Oscar Wilde e ai perversi arabeschi di Aubrey Beardsley, nonchè alla successiva opera di Richard Strauss, Salomè divenne la perfetta icona della "belle dame sans merci" fin de siècle. Risulta dunque quantomeno curioso l'innamoramento di Al Pacino per i languori decadenti del testo di Wilde, che ha già goduto di alcuni adattamenti cinematografici dall'esito diseguale. Se la "Salomè" (1972) di Carmelo Bene rimane a tutt'oggi memorabile, non si può infatti dire altrettanto del macchiettistico "L'Ultima Salomè" (1988) di un Ken Russell sul viale del tramonto, o della versione di Claude d’Anna del 1986, che meglio sarebbe consegnare all'oblio.

Al Pacino procede sulla strada inaugurata con "Looking for Richard" (1996), in cui si interrogava su Shakespeare e sul "Riccardo III".
Anche questa volta articola il suo film su più livelli narrativi: le prove e la messa in scena dello spettacolo sotto forma di "reading", una ipotetica versione cinematografica dello stesso girata sul palcoscenico, una terza versione realizzata in esterni nel deserto del Mojave, e il suo personale viaggio alla scoperta di Oscar Wilde. La disarmonia stridente tra le varie sezioni, ovviamente studiatissima, si risolve in una scintillante apologia del "work in progress" e in un'acuta riflessione sul ruolo del regista e/o autore.

Con il consumato istrionismo del grande attore, Al Pacino si dibatte tra mille incertezze solo per ammettere di non riuscire ad accostarsi al testo wildiano come vorrebbe, incapace persino di spiegare la fascinazione che esercita su di lui.
Egli stesso giudica assurdo proporre lo spettacolo sotto forma di "reading" (nel 2006), e le critiche uscite sui giornali all'allestimento e alla regia di Estelle Parsons sembrano dargli ragione, ma è anche insoddisfatto della versione cinematografica cui sta lavorando: pochi soldi e troppo poco tempo a disposizione per le riprese.
Per uscire da questa impasse che appare irrisolvibile, Al Pacino si mette allora sulle orme di Wilde, ripercorrendo i suoi passi da Dublino a Londra, sino ad arrivare a Parigi, dove Oscar morì prostrato da una tappezzeria di cattivo gusto.

Nel ricostruire la biografia dello scrittore, Pacino recluta come guest star Bono Vox, si suppone per la comune origine irlandese, e i più titolati Gore Vidal, Tom Stoppard e Merlin Holland (nipote di Wilde), i quali peraltro si diffondono in osservazioni non particolarmente illuminanti. Per sapere qualcosa di più sul personaggio, insomma, si rimanda alla classica biografia di Richard Ellman, senz'altro più esaustiva della sezione "Wilde for Dummies".inscenata dall'allegro terzetto.
Eppure anche questa banale "tranche" biografica è una falsa pista, un pretesto per mettere in scena Al Pacino (vero soggetto del film) che passa dall'interpretare Erode ad incarnare lo stesso Wilde, in un vertiginoso gioco di specchi nel quale i livelli narrativi si intersecano senza soluzione di continuità, specchi che si incrineranno solo quando l'attore leggerà magistralmente alcuni brani dal "De Profundis".

A far da contraltare al protagonista, il quale deborda carismatico da ogni fotogramma, troviamo una folgorante Jessica Chastain, qui al suo debutto su grande schermo, sensuale e perversa come si addice alla pallida adolescente dipinta da Wilde.
L'eros algolagnico sotteso alla ben nota scena del bacio sulle labbra di Giovanni Battista, infatti, unito alla bisessualità suggerita del Tetrarca di Galilea, faranno felici gli esteti d'ogni risma e i cultori dell'opera wildiana.

Malgrado alcuni momenti poco felici, quali le incongrue riprese in esterni che paiono un mediocre documentario di "History Channel", l'operazione resta comunque fascinosa e degna d'interesse, pur risolvendosi in un'umanissima ammissione d'impotenza, con uno sguardo in macchina alquanto interrogativo.
"Wilde Salomè", insomma, non deluderà gli estimatori di Al Pacino nè quelli dello scrittore irlandese.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere