HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantascienza arrow A.I. Intelligenza Artificiale
Domenica 20 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
A.I. Intelligenza Artificiale PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
sabato 24 gennaio 2009

A.I. Intelligenza Artificiale
Titolo originale: A.I. Artificial Intelligence
USA: 2001 Regia di: Steven Spielberg  Genere: Fantascienza Durata: 146'
Interpreti: Haley Joel Osment, Jude Law, Frances O'Connor, Brendan Gleeson, William Hurt, Ben Kingsley (narratore), Chris Rock, Meryl Streep, Robin Williams, Ben Kingsley
Sito web: www.ai-movie.it
Nelle sale dal: 05/10/2001
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Samuele Pasquino

a.i._intelligenza_artificiale_leggera.jpgIn un futuro indeterminato il prof. Hobby (William Hurt) ha creato robot del tutto simili agli umani, ma il suo capolavoro è un androide bambino che può amare e provare emozioni.
David (Haley Joel Osment) viene affidato ad una coppia di coniugi il cui figlio è in coma.
Il bambino riesce in breve a farsi voler bene dalla sua "mamma", ma accade un imprevisto: il figlio naturale della coppia si risveglia.
La donna decide di liberarsi di David e lo abbandona nella foresta. Il piccolo robot intraprende un lungo viaggio alla ricerca della Fata Turchina, in grado secondo lui di farlo diventare un bambino vero, accettato dagli umani.
Lo aiuta Gigolo Joe (Jude Law), un androide amante.  

La favola di "Pinocchio" viene riletta in chiave fantascientifica dal grande Spielberg, regista più romantico che pragmatico, sensibile a certe tematiche.
La storia, davvero commovente, racconta di un piccolo robot progettato per comportarsi come un bambino, con tutte le sue debolezze e complessità.
Tuttavia, per quanto somigliante ad un essere umano, la sua diversità rimane palese e non permette al robot di integrarsi con gli uomini.
Il primo tema affrontato è quello dell'emarginazione: tutto il film è una caccia agli androidi, visti come una piaga e un'insulto alla concezione umana di essere vivente. Tale discriminazione si insinua sottile soprattutto nel rapporto tra David e il figlio dei coniugi, facendo emergere una crudeltà infantile tipica: Martin cerca di mettere il fratellastro in cattiva luce con meschini giochetti, e ci riesce denotando lucida freddezza nel perseguire i suoi discutibili propositi.
Sebbene il problema, appartenente ai comportamenti studiati dalla psicanalisi infantile, non sia d'eccezionale esclusività, qui viene proposto da una prospettiva nuova, che fa riflettere sulla possibilità di convivenza fra macchina e uomo.
La società descritta da Spielberg è satura di futuro, rilegge il mito dell'integrità umana sotto una luce bellicosa, ostile verso la tecnologia.
C'è un creatore di sogni che gioca con i sentimenti, un plasmatore di emozioni che vuole oltrepassare limiti eticamente opinabili.
Scenografie e tematiche riprendono i contenuti espressi nei libri di Asimov, e piacciono perchè la concezione del futuro per lo spettatore risulta sempre stimolante e ambigua. Autentico talento, l'ormai ventenne Haley Joel Osment continua a far parlare di sè per le sue straordinarie interpretazioni, piene di spontaneità ed espressioni sincere, vive.
Nella scena finale, a sua volta all'interno di un lungo meditato epilogo, l'attore commuove.
Spielberg si rivela ancora un sognatore pieno di aspettative, cineasta intelligente e dedito alla vera arte creativa, elaborata sul grande schermo come una grande opera da ammirare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere