Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Hunger Games PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 53
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
martedì 24 aprile 2012

Titolo: Hunger Games
Titolo originale: The Hunger Games
USA: 2012. Regia di: Gary Ross Genere: Fantascienza Durata: 117'
Interpreti: Lenny Kravitz, Jennifer Lawrence, Elizabeth Banks, Woody Harrelson, Stanley Tucci, Wes Bentley, Leven Rambin, Jacqueline Emerson, Paula Malcomson, Isabelle Fuhrman, Alexander Ludwig, Amandla Stenberg, Donald Sutherland, Toby Jones, Phillip Troy Linger, Dayo Okeniyi, Amber Chaney, Raiko Bowman, Jack Quaid, Josh Hutcherson, Willow Shields, Liam Hemsworth, Brooke Bundy, Latarsha Rose
Sito web ufficiale: www.thehungergamesmovie.com
Sito web italiano: www.thehungergamesmovie.com
Nelle sale dal: 01/05/2012
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Derivativo
Scarica il Pressbook del film
Hunger Games su Facebook
Mi piace

hungergames_leggero.pngPanem è uno stato totalitario nato dalle ceneri degli Stati Uniti, che esige annualmente un “Tributo” dai 12 Distretti che un tempo si ribellarono al potere centrale.
In ogni Distretto vengono estratti a sorte un ragazzo e una ragazza, destinati a combattere negli “Hunger Games”, trasmessi in diretta televisiva.
Quando nel Distretto 12 viene sorteggiata la giovanissima Primrose Everdeen, sua sorella Katniss si offre volontaria per sostituirla.
Dopo un breve periodo di allenamento a Capitol City, che ha anche la funzione di presentare alle platee televisive i vari concorrenti, i 24 prescelti si affronteranno in uno scontro all’ultimo sangue, in cui può esserci un solo vincitore.

Innumerevoli sono i predecessori di “Hunger Games”, tratto dal primo libro della fortunata trilogia di Suzanne Collins, a partire dai pionieristici “Rollerball” (1975) e “Anno 2000: la corsa della morte” (1975), i quali immaginavano, con piglio satirico, società totalitarie in cui si ricorreva ai ludi gladiatorii in funzione di oppiaceo di massa. In seguito venne “L’uomo in fuga” (1982) di Richard Bachman (alias Stephen King) e il relativo film “L’Implacabile” (1987), che agganciava con bella intuizione questa tematica al consumo passivo della violenza, esperita dall’inebetito spettatore mediante la fruizione televisiva.

E questo, si noti bene, assai prima che esistessero i reality show. Altro tassello essenziale nel furioso riciclaggio operato dall’autrice americana è naturalmente il survival “Battle Royale” (1999) di Koushun Takami (e il conseguente film di Fukasaku), crudele mattanza di scolaretti su un’isola deserta, nonchè, in misura minore, “Contenders – Serie 7” (2001), nerissimo reality che recuperava suggestioni della fantascienza sociologica di Robert Sheckley.
“Hunger Games” è dunque distopia di riporto, e sarebbe arduo rintracciarvi un’idea originale anche esaminandolo al microscopio. La medesima cosa si può affermare della sua trasposizione cinematografica, ma considerando che spesso il cinema coltiva una vocazione cannibalesca nutrendosi di altro cinema, non si può negare che il film di Gary Ross possegga una sua coerenza derivativa, anche se risulta lampante l’intenzione di farne il primo episodio di una trilogia che possa sostituire “Twilight” nel cuore dei teen-ager di tutto il mondo.

Essendo un film rivolto a un pubblico di adolescenti, ne consegue che la violenza sia assai edulcorata e spesso fuori campo, allo scopo di evitare divieti che vadano (in America) oltre il PG-13. E’ naturale che uno stato chiamato Panem sia prodigo di “circenses”, onde affermare la propria supremazia politica e tener sedate le masse lavoratrici, relegate in condizioni di estrema indigenza nei 12 Distretti.
Il Distretto di minatori da cui proviene Katniss Everdeen, provetta amazzone esperta nel tiro con l’arco, sembra infatti immerso negli anni della Grande Depressione. Scenografie, tipologie dei volti e abbigliamenti evocano con intelligenza l’America di John Steinbeck, immortalata splendidamente nel “Furore” di John Ford, o le fotografie d’epoca di Walker Evans.
All’opposto, la sfarzosa Capitol City è l’apoteosi della decadente opulenza delle classi dominanti.
Il rimando visivo più immediato è questa volta alle architetture parafasciste degli anni ‘30, e al “Brazil” (1985) di Terry Gillian per l’eccentricità dei costumi e delle acconciature.
Spazio intermedio tra queste due realtà inconciliabili, opposte anche cromaticamente, è l’arena, all’interno della quale si affronteranno i “Tributi”.
Uno spazio naturale, sia pure manipolabile a volontà da Seneca, architetto dei Giochi, che richiama la mitologia tutta americana della “wilderness”. Della natura selvaggia e incontaminata, che può essere fonte di pericolo ma anche di ritorno all’innocenza primigenia, lontana dalle limitazioni delle norme sociali. In questo senso il personaggio di Katniss Everdeen, eroina armata (non a caso) di arco e frecce, resuscita un archetipo fondativo della cultura americana, il mito della frontiera.

Tale matrice culturale esiste però a priori, implicitamente, senza che nessuno avverta la necessità di evocarla in maniera consapevole. “Hunger Games” lascia poco spazio alla satira, limitandosi a parallelismi, anche ovvi, con il mondo contemporaneo. Si accontenta di constatare lo stato delle cose a beneficio di generazioni cresciute con reality alla “American Idol”, che aspirano ai proverbiali 15 minuti di celebrità. Il mentore Haymitch (un gigionesco Woody Harrelson) raccomanda a Katniss e a Peeta Mellark, il secondo “Tributo” del Distretto 12, di accattivarsi le simpatie del pubblico e degli sponsor, magari simulando una storia d’amore che possa commuovere le platee.
Lo stilista Cinna (un carismatico Lenny Kravitz) studia per la coppia un look che possa impressionare gli spettatori, il presentatore Caesar Flickerman (un istrionico Stanley Tucci) simula incoraggiamento, entusiasmo e apprensione per la sorte dei concorrenti, mentre il Presidente Snow (un luciferino Donald Sutherland) manovra gli eventi dietro le quinte, assicurandosi che i dannati della terra restino tali. Gary Ross è regista dalla personalità non eccelsa, che finora aveva firmato solamente il didascalico e “grazioso” “Pleasantville” (1998) e l’ennesima versione di “Seabiscuit”, di cui nessuno avvertiva la mancanza.
In questo caso smussa i pochi angoli presenti nel romanzo, senza mai riuscire a comunicare una sensazione di vero pericolo per la sorte di Katniss.

Malgrado questo, indovina qualche finezza (Primrose che si aggiusta il vestito) e almeno una sequenza riuscita, quella che segna l’inizio dei Giochi. Quando i concorrenti devono impossessarsi delle armi custodite nella Cornucopia, Ross risolve tutto con camera a mano, restringimenti di campo e montaggio frammentato, facendoci intuire la violenza senza rappresentarla esplicitamente.
Un momento di grande impatto, che però non si ripeterà. Jennifer Lawrence, che era parsa una rivelazione nel bel “Winter’s Bone” di Debra Granik, continua a mirare agli scoiattoli ma appare smarrita e opaca, malgrado il costante corteggiamento della macchina da presa.
Pollice verso anche per Josh Hutcherson (Peeta), tedioso innamorato pronto all’estremo sacrificio.
Per la cronaca, Steven Soderbergh ha diretto le scene della rivolta al Distretto 11, dopo la morte di Rue.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere