Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il regno del fuoco PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
mercoledì 30 dicembre 2009

Il regno del fuoco
Titolo originale: Reign of fire
USA: 2002  Regia di: Rob Bowman Genere: Fantascienza  Durata: 100'
Interpreti: Christian Bale, Matthew McConaughey, Izabella Scorupco, Gerard Butler
Sito web: www.reignoffire.com
Nelle sale dal: 22/11/ 2002
Voto: 4,5
Trailer
Recensione di: Samuele Pasquino
L'aggettivo ideale: Modesto

Il regno del fuocoAlcuni minatori risvegliano nel sottosuolo di Londra un enorme drago, che fa strage di uomini ed edifici. Molti anni dopo il pianeta è ridotto ad un cumulo di macerie e le bestie, ormai centinaia, dominano il mondo. Quinn (Christian Bale), unico sopravvissuto alla strage di Londra, guida la rivolta degli uomini insieme a Van Zan (Matthew McConaughey), un soldato americano che ha trovato il modo di sterminarli.

Il film di Rob Bowman va a far parte di quello sconfinato panorama di catastrofiche parentesi fantascientifiche che non forniscono niente di nuovo rispetto all’ordinario. Ammesso che l’idea del risveglio dei draghi, per quanto percorsa, possa risultare valida, così non si può dire riguardo al suo sviluppo profilmico, il quale si svilisce ed affonda sotto il peso di uno scenario desolante e fin troppo martoriato.
In un cumulo di macerie Bowman sceglie il ritorno all’essenzialità sociale, pervasa dal necessario appagamento dei bisogni, dal senso di protezione e dal concetto di collettività civile a partire dalla gestione ponderata delle risorse.
L’essere umano preserva la sua sopravvivenza, lotta per essa e, nel caso di Quinn, si fa garante di un ordine precario e difficile da mantenere: il protagonista si assume la leadership di una comunità arroccata, intimorita dalle spaventose sortite dei draghi alati, cercando di conservare un barlume di moralità che può e deve sussistere in tale situazione.
La prima parte del film è stantia, molto narrativa ma poco concitata, almeno finché non compare l’adrenalitico Van Zan, guerriero in grado di fornire l’input fondamentale per la riscossa degli uomini.
Ad ogni modo Bowman non dispensa le necessarie sequenze d’azione, ad eccezione della scena degli arcangeli, dove la squadra di Van Zan lotta nel cielo insieme alle prede che per mole e ferocia sono in realtà i predatori.
Il regista non sovverte le regole del profilmico, probabilmente perché non ha intenzione né di innovare né tantomeno di stupire, si adegua semplicemente a canoni inflazionati, accademicamente sostenuti e fiaccamente sollecitati.

Non basta, quindi, qualche effetto speciale a sollevare la struttura, tuttavia le aspettative, sebbene deluse, hanno portato ad una buona affluenza di pubblico nelle sale cinematografiche, probabilmente più per il cast che per altro: Christian Bale e Matthew McConaughey giocano al moralista e all’alienato, mentre Gerard Butler resta relegato entro i termini del simpatico e volenteroso amico di Quinn, prima di darsi a personaggi forti, maestosi e decisivi.
E’ sintomatico che il prologo crei le premesse per una bella avventura, facendo però naufragare le attese dopo pochi momenti d’indecisione, la voce fuori campo di Quinn narra e introduce nella vicenda, ma nello svolgimento come nel finale si assiste soltanto ad un mero spettacolo assai modesto.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere