HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantascienza arrow Il tredicesimo piano
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Il tredicesimo piano PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Recensioni film - Fantascienza
Scritto da Dario Carta   
venerdì 22 maggio 2009

Il tredicesimo piano
Titolo originale: The Thirteenth Floor
USA, Germania: 1999. Regia di: Josef Rusnak Genere: Fantascienza Durata: 100'
Interpreti: Armin Mueller-Stahl, Vincent D'Onofrio, Gretchen Mol, Craig Bierko, Dennis Haysbert, Steve Schub, Jeremy Roberts, Rif Hutton, Leon Rippy, Janet MacLachlan, Brad Henke, Burt Bulos, Venessia Valentino, Shiri Appleby, Tia Texada, Howard S. Miller
Sito web:
Nelle sale dal: 03/09/1999
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta

il_tredicesimo_piano_leggero.jpgAll'Hotel Ambassador di Los Angeles,nel 1937,un uomo lascia una lettera al barman dell'albergo,dicendo che un amico passerà a cercarla.
Al suo risveglio,nella Los Angeles di oggi,l'uomo si rivela essere Hannon Fuller,(Armin Mueller-Stahl),famoso programmatore di mondi virtuali,che di lì a poco viene assassinato.
I sospetti cadono su Douglas Hall,il socio di Fuller,lo stesso uomo che nella realtà di 70 anni prima,avrebbe dovuto ritirare la busta e leggerne il contenuto.
Le sue indagini lo porteranno a scoprire che la realtà è inviluppata da una serie di mondi virtuali che si intrecciano a formare un quadro inquietante e sorprendente.

Le immagini in apertura inseriscono lo spettatore in una bella ambientazione retrò e una felice scenografia aiuta l'immaginazione a trovarsi nella Los Angeles del 1937,con i sopiti colori sul seppia che ossequiano le scene all'Overlook Hotel di Shining anche nella conversazione al bar fra i due uomini che si parlano al bancone.
Subito,le realistiche e soffuse immagini della città,com'era nel '37,svaniscono,stridendo nello schiudersi del primo dei molti voli temporali che segneranno l'intero corso del film e spostano la narrazione degli eventi a questi giorni,interrompendo bruscamente ogni proiezione immaginifica ed impattando una realtà attuale immersa nella fredda dimensione tecnologica che completerà il quadro del racconto.
Tutta la trama,piuttosto fitta e complessa,si dipana in una soluzione di reiterata discontinuità temporale ed ambientale,rendendo,a tratti,operosa la comprensione del film e conferendo alla pellicola una forma che richiama alle opere più classiche della cyber-fiction di oggi,sia nel genere letterario,qui in particolare alla narrativa di Philip K. Dick,che ai lavori per lo schermo,come "Le morti di Ian Stone,successivo di otto anni,"The Butterfly Effect",anch'esso successivo ed altri,ma soprattutto il richiamo è rivolto a "Matrix",dello stesso anno,ma uscito pochi mesi dopo.

Sia in "Matrix" che ne "Il tredicesimo piano" l'attenzione viene condotta all'ineluttabile conclusione che non esiste una realtà oggettiva,chiamata ad essere il definitivo punto di riferimento per la dimensione esistenziale dell'uomo,ma,al contrario,viene rivelato il paradosso di un mondo o di mondi virtuali e paralleli che si intrecciano così fittamente a quella che viene ritenuta la vera vita,da non permettere più di distinguere la realtà,così come l'uomo la percepisce,dalla simulazione,per poi far correre il rischio di smarrirsi nel tentare di distinguere la vera natura del genere umano,da quella simulata.
I conflitti cronologici sono disseminati in tutta la pellicola in continui viaggi e spostamenti tra passato e presente,fratturando la narrazione in segmenti situati su differenti piani ed evidenziando aspetti di intenzionale anacronismo,come si vede nella sequenza dell'incontro in un bar della Los Angeles di oggi tra Douglas Hall e Jane Fuller,presentata ad immagine della Gloria Grahame del "Grande caldo" di Lang.
Il richiamo al passato viene simboleggiato anche dall'immagine del biliardino con i giocatori di baseball in latta ed il funzionamento meccanico,gioco vintage che contrasta con la realtà tecnologica che si manipola nella Società situata al tredicesimo piano dell'edificio.
In un continuo inviluppo di situazioni presentate a sorpresa una nell'altra e in un processare di rivelazioni successive,il film si snoda mescolando aspetti noir che ricordano i polizieschi degli anni '40,con ingredienti di un cyber movie informatizzato.
Tra citazioni a Chandler ed ambientazioni non causali (il Grand Hotel Wilshire,teatro di molte storie dello schermo),il film affascina,adattandosi,ma non imitando,all'aspetto controverso che fa da base al Blade Runner di Dick/Scott.

I richiami al film sono evidenti anche nei dialoghi.
"Ti piace che qualcuno giochi con la tua vita ?" di Ashton a Ferguson sembra tale e quale a "Bella esperienza vivere nel terrore" di Roy Batty a Deckard e,nel "Tredicesimo piano",il confronto fra i due antagonisti ne riporta le linee in tono minore.
Il lavoro di Rusnak è un bel film,passato inosservato ma per colpe non sue.
Matrix e la trilogia ha sortito un effetto maggiore sul pubblico per ragioni del tutto commerciali e decisioni covate fra le mura degli uffici delle Major.
Il "Tredicesimo piano" veicola lo spettatore nel mondo della finzione e delle cyber sci-fi,aiutandosi con il fascino che deriva dall'ambientazione in epoche passate e procede spedito con il solo rallentamento dovuto all'intrico,a volte eccessivo,degli avvenimenti,ma nel suo complesso il film è appagante e suggestivo.
Difficile riconoscere in Vincent D'Onofrio il sergente Palla di lardo o il detective Goren di Criminal Intent,ma chi conosce l'attore può avere la conferma del suo talento e delle sue capacità di trasformarsi in qualsiasi personaggio.
Salti temporali,unità programmate,simulazioni di identità e trasferimenti scandiscono questa bella avventura a metà strada tra il thriller e la fantascienza,imbastendo un gioco con lo spettatore,che si vede condotto ai confini della conoscenza ove i concetti di realtà,finzione e condizione virtuale si confondono e pongono l'interrogativo se davvero gli androidi sognano pecore elettriche.
Sottovalutato.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere