Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
In Time PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 65
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 14 febbraio 2012

In Time
Titolo originale: In Time
USA: 2011. Regia di: Andrew Niccol Genere: Fantascienza Durata: 109'
Interpreti: Justin Timberlake, Amanda Seyfried, Cillian Murphy, Vincent Kartheiser, Olivia Wilde, Alex Pettyfer, Johnny Galecki, Matthew Bomer, Rachel Roberts, Yaya DaCosta, Toby Hemingway, Ethan Peck, Elena Satine, Bella Heathcote, DeVaughn Nixon, Collins Pennie, Melissa Ordway, Aaron Perilo, Jessica Parker Kennedy, Emma Fitzpatrick, Korrina Rico, Christoph Sanders, Trever O'Brien
Sito web ufficiale: www.therichcanliveforever.com
Sito web italiano: www.intime.libero.it
Nelle sale dal: 17/02/2012
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Di corsa
Scarica il Pressbook del film
In Time su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

intime_leggero.pngLa società distopica nel futuro alienato è sempre stata oggetto di osservazione nell'innumerevole lista dei titoli del cinema della fantascienza,da "Metropolis" a "Farenhet 451",da "Blade Runner" alla saga dei "Matrix".
Il nemico è il sistema e il protagonista è l'uomo coinvolto in un meccanismo infetto e corrotto che va combattuto.
In "In Time" il regista Andrew Niccol fa raccolta di belle idee e le imbastisce in una trama intrigante. Non nuovo a proporre una certa genialità nei suoi lavori - Niccol ha già dato prova della sua originalità in "Gattaca" e "S1m0ne" - il regista stimola un nuovo senso di curiosità fotografando un futuro lontano nel quale inserisce un elemento straordinariamente provocatorio. Là dove l'interesse ha da sempre il volto del denaro,Niccol azzarda un'interessante sfida alle cose degli uomini,ipotizzando,in una fantascienza affascinata dall'alternativa,forse l'unica realtà in grado di far fronte al peso del valore monetario,simbolo oggi e sempre della corsa dell'uomo sulla pista dell'esistenza: il tempo.
L'equivalenza fra tempo e denaro non è cosa nuova,ma il film lo è,perchè tira in ballo una serie di considerazioni solleticate dal regista in una sottile satira fitta di provocazioni e segnali.

Nel futuro,il denaro è sostituito dal tempo scandito da un orologio che ogni uomo porta incarnato nell'avambraccio. Si potrà invecchiare fino a 25 anni,dopodichè il gene dell'invecchiamento si ferma,l'orologio comincia a scandire il tempo e l'unico modo di poter campare è quello di procurarsi ore e minuti guadagnando,rubando o ricevendoli in prestito.
Ma il tempo è anche la valuta per l'esistenza quotidiana. Will Salas (Justin Timberlake) vive alla giornata in un ghetto che raccoglie i poveri e quelli che,come lui,tirano a campare.
Nei confini di Dayton furti,omicidi e ruberie sono all'ordine del giorno,quartiere battuto dalle bande di razziatori,i Minute Men,sempre alla ricerca di vittime cui sottrarre il tempo.
La svolta per Will avviene quando conosce e salva un ricco uomo d'affari dalle mani di Fortis (Alex Pettyfer) capo dei Minute Men. Il milionario,prima di suicidarsi,trasferisce a Will,mentre dorme, il suo tempo restante. Will,innocente,viene accusato dell'omicidio dell'uomo da Leon (Cillian Murphy),capo dei Timekeepers,il corpo dell'autorità che porta la legge nelle strade. Durante la fuga Will incontra Sylvia Weis (Amanda Seyfried),figlia di un mogul di società.
La donna non resta insensibile a Will e alla sua storia e decide di stare con lui,restando coinvolta in una fuga continua,mentre gli eventi precipitano intorno alla coppia. Sono sufficienti al regista pochi minuti per dare corpo ad un incipit denso di informazioni.

La tematica del film è introdotta in poche immagini,suoni studiati e dialoghi contati e in un'abile costruzione di riprese Niccol dispiega lo scenario che fa da sfondo alla storia. Così una mamma di più di cinquant'anni ma con il viso di una ragazza,uno scambio di valuta espressa in minuti attraverso il contatto fra due avambracci,una bambina che riceve in strada un obolo di 4 minuti da Will,l'immagine di un morto riverso sull'asfalto con l'orologio corporeo che segna lo zero,danno voce ad un linguaggio visivo veloce e serrato e la storia si avvia,lasciando lo spettatore al corrente dello scenario in cui questa storia si muoverà.
In "In Time" Niccol riesce a dribblare le forme della scontatezza e costruisce il suo lavoro sul ritmo accelerato di un'azione molto attenta all'identità dei personaggi che vivono gli avvenimenti,fissando lo sguardo sulle singole personalità,evitando analisi superflue e privilegiando la connotazione della persona e la sua posizione nel contesto della storia.
L'aria che si respira è il senso drammatico di urgenza che affligge l'individuo,quello povero,messo a corto di tempo per vivere. L'uomo che ha fame,senza denaro,ha ancora sè stesso.

In "In Time" all'uomo che azzera il suo orologio,non resta che morire.
Questo senso di angoscia innaturale e ossessivo percorre ogni sequenza del film,bevuto in una gara fra uomini e tempo. L'ansia soffia un alito forte,dove il tempo non concede possibilità e perdono,come nelle sequenze che ritraggono Will impotente di fronte all'orologio della madre che si arresta,con sullo sfondo una notte anonima e sola,sul selciato dei fiori abbandonati come una speranza violata e le luci notturne che restano testimoni muti alla ineluttabilità degli eventi.
Sono molti nel film gli spunti di riflessione sull'identità che regola lo scambio nella società e Niccol ne costruisce un sottotesto alla struttura di un film retto da corsa e azione,senza perdere d'occhio l'esplorazione sulla complessità di una meritocrazia controversa.
Per Will l'ovvietà che assiste il ricco diventare più ricco e il povero diventare ancora più povero,stride con la dignità umana,indipendentemente da quale parte si trovi chi la possiede e la sua corsa è contro la follìa di chi asserisce che per pochi che vivono,molti devono morire.

Niccol dà corpo al tempo in un suggerimento di morale,ne fa l'oggetto di scambio per la sopravvivenza,un agente dell'esistenza,un valore cultuale che regola la vita fino a regalare la morte,ma declina ogni tentazione alla retorica e qualsiasi tirata demagogica. "In Time",film di oggi, corre veloce,come Will e il suo tempo,descrive una parabola senza denuncia,tocca corde senza manierismi e immette in una fantascienza lontana,nel ticchettìo sinistro di un inevitabile orologio,quello che da sempre muove ogni realtà,quella di ieri come quella di oggi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere