Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Inception PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 144
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
venerdì 30 luglio 2010

Inception
Titolo originale: Inception
USA, Gran Bretagna: 2010. Regia di: Christopher Nolan Genere: Fantascienza Durata: 142'
Interpreti: Leonardo DiCaprio, Ken Watanabe, Joseph Gordon-Levitt, Marion Cotillard, Ellen Page, Tom Hardy, Cillian Murphy, Tom Berenger, Michael Caine, Lukas Haas, Tohoru Masamune, Claire Geare, Johnathan Geare, Carl Gilliard, Daniel Girondeaud, Mobin Khan, Yuji Okumoto, Talulah Riley, Dileep Rao, Nicole Pulliam
Sito web ufficiale: www.inceptionmovie.warnerbros.com
Sito web italiano: wwws.warnerbros.it/inception/mainsite
Nelle sale dal: 24/09/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Sonnacchioso
Scarica il Pressbook del film
Inception su Facebook

InceptionDom Cobb è un abile ladro di sogni. Si introduce nella mente delle persone quando dormono e dormendo egli stesso, ne sottrae loro le idee. Un giorno gli viene commissionato un nuovo lavoro: dovrà introdursi nella mente di un imprenditore e là impiantare un'idea, la quale darà una svolta alle attività della sua azienda.

Metafora della mancanza di idee di chi ne richiede un'urgente trasfusione tramite le sue stesse creature, questo Inception si presta a molteplici letture. In primo luogo però occorre sgombrare il campo dai deliri di giornalisti d'oltreoceano che, a corto di aggettivi, si sono rifugiati nella semplice enumerazione di filosofi e psicoanalisti tirati in ballo un po' a caso.
Inception non è un film filosofico, né un'intricata metafora del potere del subconscio, come scrive chi di queste cose sa davvero poco, è piuttosto una rappresentazione furbetta e pretenziosa di certa fantascienza che induce chi guarda a chiedersi con sgomento se è proprio tutto qua, o se per caso non ci fosse sfuggito qualcosa. E come nella più classica delle reazioni di fronte al dubbio di un'incomprensione ecco sfoggiare significati profondi e metafore inesistenti, al solo fine di apparire all'altezza dell'intepretazione che una tale meraviglia tecnica di sicuro richiede.
Quindi sfrondato il campo dalle incompresioni reali e dissimulate la prima cosa che salta all'occhio dello spettatore abbagliato dalle lucine colorate e dai salti su più livelli, onirici certo, ma oltre che del protagonista a momenti anche dello spettatore, è che l'idea centrale attorno a cui ruota il film è una sola: mettere un'idea in testa a qualcuno invece che rubarne. Tutto qua. L'intero plot è il dipanarsi delle tecniche messe in atto da Cobb e dai suoi compari, per entrare nella testa di qualcuno, non a rubare, come finora pare avessero fatto, bensì a consegnare qualcosa. L'ultima frontiera delle televendite: impiantare direttamente nel cervello una qualsiasi idea, come si cerca disperatamente oggi di stimolare il desiderio di qualcosa nella mente di chi subisce ogni giorno il bombardamento delle pubblicità e della politica.

A questo va aggiunto il personale punto di vista del regista che ci fa sapere che il sogno è un territorio ancora vergine, e che se vogliamo possiamo in ogni momento usarlo per entrare nelle teste delle persone e là fare un pochino quel che ci pare.
Certo la tecnica è complicata, talmente di difficile acquisizione che spiegarla è fuori luogo, e soprattutto che di fronte ai dettagli si corre il rischio di addormentarsi e dare così al regista la possibilità di impiantare nel nostro cervello la sensazione di esserci divertiti.
In realtà è possibile anche divertirsi davvero, se solo decidiamo di mollare i filosofi, che possono risultare noiosi se tirati in ballo del tutto a sproposito, e salire sull'ottovolante di Nolan lasciando che Cobb ci porti a spasso con lui senza una reale meta, e più che altro per il gusto di vederlo fare cose che voi umani non potreste immaginarvi.
I movimenti dei corpi in dimensioni oniriche sono certamente affascinanti più di quelli in un banale stato di veglia, dove tocca a tutti camminare per terra e morire se colpiti da un proiettile.

Riavvolgendo il nastro si vedranno sparsi qua e là a momenti bellissime scene di voli e passeggiate sui soffitti e le pareti, come certo tutti sanno essere possibili solo nei sogni, o più banalmente nel livello precedente di coscienza cui il corpo si è adagiato in attesa di esser recuperato dopo lo svolgimento del compito affidatogli.
Il tutto avviene con la soave leggerezza che inducono certi sonniferi, e viene rappresentato con la più grossa competenza tecnica a disposizione al momento. Nolan ha una buona capacità evocativa e lo spettatore lo segue con interesse, anche se a volte leggermente offuscato dal languore che precede un bel sonnellino. Il piacere di rivedere il Di Caprio di un recente Scorsese affetto da simili casini familiari e con la medesima espressione di allora, rende poi lo spettatore al sicuro come tra le pareti di casa. La poltrona del megacinema con lo schermo più grosso a disposizione farà il resto. Basta abbandonarsi al viaggio.

Gli specchi, usati con gran maestria da Nolan e infranti per il solo piacere del luccichio che sprigionano, sono il motivo estetico centrale dell'intero plot. Tutto quello che vediamo si svolge dietro un qualche specchio, la realtà è il primo, seguono a ruota il sogno, il delirio e la prostrazione dello spettatore che al terzo livello si è addormentato per solidarietà con Di Caprio.
Il tutto è molto pirotecnico e accuratamente freddo, come si addice alla fantascienza post Matrix, ma personalmente non scomoderei il grande Kubrick per così poco.

 

Commenti  

 
+12 #7 stefy 2010-10-20 09:26
Sarei proprio curiosa di avere la spiegazione del senso del film da Sel7.
Ripensando al film non riesco a immaginare come si riesca a capire che il film è tutto un sogno, sicuramente lo riguarderò!
Cmq a io l'ho trovato interessante per niente noioso e con un Di Caprio, a mio avviso, sempre più bravo in queste parti.
Citazione
 
 
-1 #6 Sel7 2010-10-16 23:29
Lasciate perdere la recensione iniziale della signora Pelella, che a mio parere non ha capito il senso del film... come è plausibile data la intricata trama, i flash-back, la difficile comprensione nel distinguere la realtà dal sogno... (la realtà non è mai rappresentata in questo film... tutto quello che vediamo si svolge all'interno del sogno di Cobb).

Film veramente interessante, a parte la tecnica del sogno condiviso, che non mi ha convinto più di tanto, il resto è fenomenale in quanto a differenza di matrix qui può realmente essere tutto vero: sognare è una cosa che si fa normalmente e a pensarci bene è facile non riuscire a distinguere un sogno quando ci si è dentro. Vorrei tanto spiegarvi il senso del film ma ho rispetto per coloro che non hanno ancora visto il film e quindi vorrei dare loro una chance per "tentare" di arrivarci da soli alla soluzione :-) magari anche dopo svariate ripetizioni della visione del film.
Citazione
 
 
+16 #5 brux 2010-10-15 19:11
Mi chiedo a cosa possa servire una recensione del genere....
Citazione
 
 
+13 #4 gonzo 2010-10-13 23:26
Capisco alcune critiche ma sonnacchioso..ma che film hai visto?!
Citazione
 
 
0 #3 Darril 2010-10-06 12:27
Decisamente una buon film, costruito e recitato bene, con aggiunta di storie interpersonali interessanti, apprezzo l'idea del finale aperto (anche se forse non così originale). A mio parere però, certe scene d'azione e sparatorie risultano eccessive e superflue. Inoltre, molti elementi del meccanismo di inception sono comodamente dati per scontato, quando non lo sono per niente, dovevano concentrarsi più sul definire questo piuttosto che in piogge di pallottole. Sicuramente non da 10, ma val la pena vederlo e sicuramente poco noioso.
Citazione
 
 
+22 #2 Sil 2010-10-03 13:57
Concordo con mou....la tua recensione mi ha fatto venire mal di testa, troppo ricercato il tuo linguaggio, evidentemente cerchi di imitare qualche scrittore ma poi salti fuori con dei casini...e già li si capisce che il tuo vero modo di parlare è molto lontano da come hai sonnecchiosamen te scritto.
Noia, noia, noia...la tua recensione di sicuro fa addormentare... Semplifica cara...
Citazione
 
 
+25 #1 mou 2010-08-02 20:55
Qui a far venire sonno ci sei solo tu con la tua recensione prolissa.
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere