Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La Cosa (2011) PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 62
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 20 dicembre 2011

Titolo: La Cosa (2011)
Titolo originale: The Thing
USA, Canada: 2011. Regia di: Matthijs van Heijningen Jr Genere: Fantascienza Durata: 103'
Interpreti: Mary Elizabeth Winstead, Joel Edgerton, Jonathan Walker, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Eric Christian Olsen, Ulrich Thomsen, Kim Bubbs, Stig Henrik Hoff, Trond Espen Seim, Jørgen Langhelle, Kristofer Hivju, Jan Gunnar Røise, Jo Adrian Haavind, Henrik Hoff, Dan Cristofori, Joe Vercillo
Sito web ufficiale: www.thethingmovie.net
Sito web italiano: www.cinema.universalpictures.it/website/lacosa
Nelle sale dal: 27/06/2012
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Promosso!
Scarica il Pressbook del film
La Cosa su Facebook
Mi piace

la_cosa_2011_leggero.pngAntartide,inverno 1982. Un cingolato avanza fra i ghiacci accecanti. A bordo ci sono tre persone.
Un uomo racconta una barzelletta sconcia,un altro ride,il terzo è intento ad ascoltare i segnali della radio di bordo. In sottofondo ritma il battito monotonico,simile al pulsare di un cuore,che 30 anni fa chiudeva un film dallo stesso titolo.
L'uomo alla radio rompe l'atmosfera goliardica e chiede silenzio;dalla radio gli arriva un segnale troppo particolare per essere ignorato.
Trent'anni fa "La Cosa" di Carpenter apriva sullo stesso biancore infinito. Sulla distesa gelata,al posto del veicolo,correva un cane.
Da un cielo molto vicino,un elicottero gli piombava addosso con a bordo degli uomini armati di fucile. Urlando,gli uomini sparano al cane.
Ma il cane riesce a fuggire e trova riparo in un centro di ricerca americano.
Sono le immagini in apertura di un cult reso capace di superare qualsiasi tempo senza ferirsi dei segni dell'età,icona di un cinema per ogni epoca e ogni pubblico che allora,piombato nel buio delle sale,sgranava gli occhi su queste immagini,trattenendo un respiro smorzato e domandandosi all'unisono del perchè nel mezzo del Polo Sud,un cane venisse braccato in quel modo.

Carpenter aveva già raggiunto il suo obiettivo in pochi secondi di pellicola. Il regista Matthijs van Heiningen Jr. apre "The Thing",suo lavoro d'esordio per il grande schermo,sviluppando un equivalente senso di stridente disarmonia fra due situazioni in conflitto fra loro,una ilare e grottesca - la barzelletta - e la successiva allarmante e montata su due componenti che violentano la quieta apparenza,trasformandola nell'atmosfera innaturale del mistero e del pericolo.
Nel film di Carpenter,al primo movimento - il cane - fa seguito la tragedia consumata in fretta alla base americana,con l'uccisione dei norvegesi. Con la loro morte,il motivo della caccia al cane non potrà essere spiegato. Dopo la premessa,il film comincia a narrare la sua storia. A nemmeno 4 minuti dall'inizio di "The Thing",van Heijningen spezza i respiri del pubblico frantumando la crosta di ghiaccio e facendo precipitare il cingolato nel ventre della tundra.
Anche qui,il film inizia il suo racconto. Quello che segue è la storia di quanto successe prima dei fatti narrati da Carpenter.

Terzo adattamento per il cinema del romanzo di John W. Campbell "Who Goes There?",cui Howard Hawks si ispirò per produrre il suo "La Cosa da un altro mondo" ("The Thing From Another World"),diretto da Christian Nyby,classico della Scince Fiction con abbondanti dosi di un orrore che allora fu forte allegoria dei pericoli d'oltrecortina e alla minaccia marxista (cfr. "L'invasione degli ultracorpi"). Van Heijningen resta fedele allo schema del suo predecessore del 1982,esamina a fondo il linguaggio del film di Carpenter e lo elabora in un lavoro con identità e personalità proprie,pur nei fitti richiami ai titoli del catalogo del fanta-horror di cui l' "Alien" di Scott aveva aperto la pagina di un nuovo capitolo solo tre anni prima del lavoro di Carpenter (si veda la sequenza dell'astronave aliena sepolta nei ghiacci da 100.000 anni e,per confronto,la sequenza della scoperta dell'astronave madre aliena nel lavoro di Scott,o l'analogia fra i due film nelle sequenze in cui le creature irrompono nella realtà rispettivamente dell'equipaggio e degli scienziati,esplodendo da un corpo umano e dalla nave spaziale,rendendosi libero pericolo invisibile e inafferrabile.

Come in "Alien" e in "La Cosa",qui il protagonista è la paura,elemento senza linguaggio,che parla attraverso i silenzi dell'ignoto,pescando nel profondo delle ansie e dell'inquietudine e beneficiando di un ritmo narrativo intenso e vibrante e di un impianto scenografico fortemente condizionante l'immaginario.
Van Heijningen imposta una sottrotrama sociale,ponendo un accento particolare sul confronto fra le squadre americane e norvegesi,qui raccontato quasi nei termini di un conflitto culturale che a sua volta va ad alimentare il clima di sospetto e ambiguità che innerva la narrazione. Nessuno dei personaggi della storia è messo in particolare risalto sulla scena.
Il protagonismo qui è situazionale e beneficia l'atmosfera di tensione e di ansia che si viene a creare per un pericolo senza una forma e un'identità propria. Dopo lo scontro iniziale fra lo scienziato norvegese Sander (Ulrich Thomsen) e Kate (Mary Elisabeth Winstead),paleontologa reclutata dal ricercatore per studiare la formazione dei ghiacci che custodiscono la nave aliena,il clima di tensione fra i due gruppi si inasprisce,la figura caratteriale di Kate cambia aspetto nel contesto del racconto e le posizioni dei personaggi retrocedono,per lasciar posto alla suspence che pervade il racconto,diversamente dal lavoro di Carpenter,dove le attenzioni sono costantemente rivolte alla figura di Kurt Russell.

Kate resta al timone come nuova Ripley,personaggio chiave rimasto solo a dare la forma al rapporto fra uomo e pericolo. Il regista tesse il suo racconto ricorrendo spesso agli stilemi visivi del film di Carpenter,inquadrature di corridoi vuoti,prospettive quasi deformate,desaturazioni cromatiche,disturbanti contrasti fra interni soffocanti ed esterni lacerati dalle intemperie,cadute di suoni e rumori. E,un po' dovunque,un cane.
Van Heijningen supera il pericolo del deja vu,risolvendo il problema di un'emozione per uno stupore già raccontato trent'anni fa con gli stessi effetti e lo stesso linguaggio,allora competenti a quel periodo,oggi più digitali ed elaborati.
La discriminante è generazionale. Chi avesse visto Carpenter,potrebbe avere in sofferenza il senso di sorpresa per qualcosa di già raccontato. Chi incontrasse la storia per la prima volta con Van Heijningen,potrebbe privilegiare di una verifica con un confronto con il cult che gli fa da sequel.
"The Thing" è benvenuto testimone del cinema dello spettacolo,lavoro di questa epoca ,felice coniugazione fra horror e fantascienza e riuscito capitolo nuovo di un'avventura con così tanti anni addosso,ripresa e declinata per questi tempi e pervasa da una tensione mai allentata dall'incipit all'epilogo mixato con i titoli di coda. Da qui ricomincerà Carpenter.

 

Commenti  

 
+2 #3 Giovi 88 2012-07-15 19:21
Concordo con la recensione. Questo prequel va promosso e merita un bel 7.
Il film di Carpenter resta inarrivabile ma questo prequel intrattiene bene per tutta la sua durata tra scene dove regna la suspense e l'horror e scene dove invece è l'azione frenetica a farla da padrone. Inoltre mi sono piaciuti molto i dettagli, con cui questo prequel va ad incastrarsi perfettamente con il cult dell'82.
Probabilmente il regista poteva osare di più specialmente sul finale nella scena ambientata sull'astronave o sul tema delle imitazioni da parte della cosa, ma è riuscito comunque a trovare delle buone idee e a prendere strade differenti rispetto al film dell'82 pur rimanendo fedele al lavoro di Carpenter. La scena "spalmata" durante i titoli di coda è la ciliegina sulla torta. Non una torta sensazionale, ma che di sicuro piacerà agli amanti dei fanta-horror.
Voto: 7
Citazione
 
 
+2 #2 Mauro 2012-06-29 11:02
Adoro Carpenter, adoro il cinema dell'orrore e di fantascienza...a 360 gradi. Detto ciò, aggiungo anche che non sono mai stato molto favorevole ai sequel e/o prequel, soprattutto quando si parla di pietre miliari del cinema fantascientific o, di cui "La Cosa" del 1982 ne è un ottimo rappresentante. Tralasciando i problemi relativi alla ritardata distribuzione, ci tengo a dire che qui ci troviamo di fronte ad un più che discreto lavoro, sia sotto l'aspetto della realizzazione tecnica, sia sotto il punto di vista della trama che, per quanto possa sembrare strano, riesce a legarsi in maniera lineare al suo "antecedente successore". Matthijs van Heijningen Jr. riesce a far coincidere praticamente tutti i punti focali e i fotogrammi decisivi della sua pellicola con quella di Carpenter, riuscendo a spiegare praticamente tutto ciò che il grande Carpenter stesso aveva fatto vedere nel suo capolavoro. Per concludere, "The Thing" sarà un film che potrà essere apprezzato al cinema un po da tutti..
Citazione
 
 
+1 #1 Franco 2012-06-28 18:20
Nel complesso il film non è male, bisogna solo non fare dei paragoni con il passato. Il film di Carpenter è unico!
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere