HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantascienza arrow La guerra dei mondi (1953)
Lunedì 26 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La guerra dei mondi (1953) PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Iolanda Siracusano   
domenica 21 gennaio 2007

La guerra dei mondi
USA: 2005. Regia di: Steven Spielberg Genere: Fantascienza Durata: 112'
Interpreti: Dakota Fanning, Miranda Otto, David Alan Basche, Tim Robbins, Tom Cruise
Recensione di: Iolanda Siracusano

la_guerra_dei_mondi.jpgDare corpo, volto e consistenza a ciò che da sempre ci affascina, ma allo stesso tempo ci terrorizza, non è un'impresa facile. In tanti, e la storia del cinema ha avuto modo di dimostrarlo, sono e sarebbero caduti nel grottesco e nel caricaturale. In tanti. Non un signore però che di nome fa Steven e di cognome fa Spielberg. Lui di extraterrestri decisamente se ne intende. Ne aveva dato prova già nel lontano 1982, anno di uscita di "E.T - L'extraterrestre", quando con la storia del piccolo alieno abbandonato sulla terra, commosse platee sconfinate di adulti e bambini. L'aspettativa, dunque, nei confronti del su menzionato signor regista era alta, altissima. E per l'intera prima parte de "La guerra dei mondi", tale aspettativa viene totalmente appagata. Il merito va oltre che all'incredibile regia visionaria di Spielberg (Spielberg è Spielberg), ad uno straordinario Tom Cruise nei panni di Ray Ferrier. Ciò senza nulla togliere alla sorprendente interpretazione della piccola e già bravissima Dakota Fanning nel ruolo di Rachel. Peccato che nella seconda parte della pellicola, durante il tentativo dei "tripodi" invasori (una sorta di meduse in acciaio) di sterminare il genere umano, la scena si tinga di splatter. E peccato soprattutto per la soluzione a dir poco "fiabesca" del gran finale. Ma procediamo con ordine. Tratto dal celeberrimo racconto "La guerra dei mondi", pubblicato da H.G. Wells per la prima volta nel 1898, il film mette in scena una paura atavica del genere umano: quella di dover, prima o poi, volenti o nolenti, affrontare un attacco da parte di forme di vita provenienti da altri pianeti. Per l'occasione Spielberg dà a quello che aveva concepito come un "E.T." dolce e smarrito, un segno decisamente negativo. Così, dopo averci fatto infatuare dei nostri potenziali coinquilini di Universo, prova molto, molto seriamente a farceli odiare. E ci riesce benissimo, dato che i non avvezzi al genere alta-tensione-horror, balzeranno frequentemente dalla poltrona ipotizzando l'irreparabile per l'umanità. A vivere attimi di puro terrore, a parte per qualche scena ben fatta e iperrealistica di disintegrazione e sterminio collettivo, è per la verità un'umanitàmolto compressa: una famiglia, ovviamente americana, ovviamente non di quelle che si sceglierebbero per pubblicizzare paste asciutte fumanti su tavole impeccabilmente imbandite. L'eroe della vicenda è infatti Ray Ferrier (un Tom Cruise, lo ripetiamo, in ottima forma), un operaio portuale che da tempo vive lontano dalla propria famiglia. Ray è padre, non proprio esemplare, di due ragazzi: un adolescente di nome Robbie (Justin Chatwin) e la già citata piccola Rachel (Dakota Fanning). Questi vanno a trovarlo molto di rado, solo qualche week end. E tutto comincia proprio un tranquillo week end, dopo che l’ex moglie di Ray (Miranda Otto) e il suo nuovo marito, portati i ragazzi dal padre, vanno via. È allora che, a seguito di una strana e violenta tempesta elettrica, Ray accerchiato dalla folla, vede affiorare dalle viscere della Terra, lì dove più fulmini senza tuono si sono abbattuti (un fulmine non dovrebbe mai abbattersi nello stesso punto) una gigantesca macchina da guerra a tre zampe. Prima che qualcuno riesca a capire di cosa si tratti e a reagire, la creatura comincia ad incenerire tutto ciò che ha intorno. Ai protagonisti e all'umanità intera, non resta che fuggire. Interessante è che, da quel momento in poi, ad imporsi sul pianeta Terra sia sì una forza esterna ed estranea, ma anche e soprattutto, insieme all'istinto per la sopravvivenza propria e dei propri cari, un istinto altrettanto naturale, ma funesto. Un istinto che tanti secoli fa Thomas Hobbes sintetizzò con il celeberrimo "homo homini lupus" e che per chi avesse dimenticato lasua lezione dà vita ad uno stato di natura che sprofonda l'uomo in uno stato di guerra incessante di tutti contro tutti. Alla fine, insomma, la domanda sorge spontanea: tra tanti tripodi, più o meno sanguisuga, non è che alla fine il vero extraterrestre o meglio il vero nemico da cui difendersi, continui ad essere lui? L'ingegnoso e machiavellico essere umano? Per rispondere non resta che andare al cinema e scoprire che fine fa, per esempio, il personaggio interpretato dal come sempre gigantesco Tim Robbins. Certi film bisogna vederli.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere