HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantascienza arrow L'alba del pianeta delle scimmie
Martedì 20 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
L'alba del pianeta delle scimmie PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 59
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 30 agosto 2011

L'alba del pianeta delle scimmie
Titolo originale: Rise of the Planet of the Apes
USA: 2011. Regia di: Rupert Wyatt Genere: Fantascienza Durata: 105'
Interpreti: James Franco, Tom Felton, Freida Pinto, Andy Serkis, Brian Cox, John Lithgow, Tyler Labine, David Hewlett, David Oyelowo, Makena Joy, Kevin O'Grady, Tammy Hui, Rufus Dorsey, Jeb Beach, Jesse Reid
Sito web ufficiale: www.apeswillrise.com
Sito web italiano: www.microsites3.foxinternational.com/it
Nelle sale dal: 23/09/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Suggestivo
Scarica il Pressbook del film
L'alba del pianeta delle scimmie su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

L'alba del pianeta delle scimmieA chi lo interrogò su quale fosse la sua vera direzione oggi,il cinema di questo tempo rispose di essere impegnato ad effettuare operazioni di recupero di un pubblico un tantino perplesso di fronte alle scelte dei suoi autori,maestri di un’arte stanca e infelice.
Afflitto da una forma acuta di futilità patologica,mai come in questa epoca il cinema ha attinto acqua dagli stagni,anziché da fonti,reinventando,adattando e riciclando idee,formule e concetti pescati negli archivi di una fantasia di prassi.

E’ il cinema mercato,che si fa benefattore delle borse degli sceneggiatori di comic novels ed emanazione di sogni già scorsi sui vecchi schermi delle sale e richiamati in vita con l’illusione di una seconda gloria. Non è intuitivo valutare il perché dell’esistenza de: “L’alba del pianeta delle scimmie”,sedicente prequel del cult del ’68 e saga seguente,anche se da un ragionevole scetticismo a questo riguardo,può nascere il fondato sospetto di moventi tutt’altro che artistici.

Neppure ci si spiega,con gli elementi della logica, del perché del battage informativo steso a tappeto da sei mesi a questa parte per promuovere un prodotto che,visto,forse apprezzato,viene subito riposto negli archivi della memoria e sugli scaffali del cinema dell’abitudine,una volta riaccese le luci in sala. Ibrido fra mezzo ecologico ed allarme profetico contro il disordine morale,la speculazione e il profitto nella ricerca,”L’alba del pianeta delle scimmie” presenta un titolo fortemente pretestuale e sfugge ad ogni classificazione che in qualche modo lo colleghi al gigante originale e ai capitoli successivi, a meno che le iperboli sull’etica biogenetica ne possano contenere la spiegazione.

Will Rodman (James Franco) lavora in una Compagnia di ricerche nel campo della medicina,dove effettua test su scimpanzé,per comporre una terapia genetica che stimoli il cervello e far sì che le sue cellule possano autorigenerarsi in un processo neuro genetico che porta a limitare o annullare i danni causati dall’Alzheimer,malattia di cui il padre (John Lithgow),soffre.
Nobile intento,ma le fila della Compagnia di ricerca le tira Steven Jacobs (David Oyelowo),avido faccendiere interessato solo ai margini di guadagno e quando un esperimento fallisce e la cavia cui è stato iniettato il siero pare impazzire dopo un’impennata di attività cerebrale,l’ordine è quello di sopprimere la scimmia che,si scoprirà,voleva solo difendere la propria creatura nascosta nella gabbia. Incapace di uccidere anche il piccolo,Will lo porta a casa e si prende cura di lui,lo chiamerà Caesar e lo assisterà mentre lo vede crescere in forza e intelligenza,affiancato dalla compagna Caroline (Freida Pinto),anch’essa ricercatrice. Intanto,Will perfeziona il suo prodotto,l’ALZ – 12,lo inietta al padre,che subito migliora le sue condizioni.

Ma gli effetti del siero hanno breve durata e il padre ricade ben presto nel suo primitivo stato di demenza,mentre l’intelligenza di Caesar si sviluppa in misura esponenziale e il comportamento dell’animale è sempre più prossimo a quello umano.
Ma Caesar è anche animale,e le due nature daranno origine a all’evoluzione di una specie che chiederà all’uomo il proprio riscatto. Nella logica della rivoluzione si assista a qualche sequenza di “Io Robot” e si ascolti Sonny domandare “chi sono io?”
Il film è agitato da innegabili fermenti ideologici,allegorie e sottotesti,ma quello che non si incontra è lo spirito rivelatore,il soffio di magia visiva che anima le idee dando respiro e senso di novità.
L’accusa non è nuova,e l’araldo della moralità ha già portato questo stendardo in “Monkey Shines”,”Congo’95”,”Link”,e altre parate,rovesciando tributi al grido d’allarme per il rispetto ormai rimosso verso la Natura e il rapporto fra Creatore e creatura. Wyatt agghinda la narrazione di riferimenti tematici – innumerevoli nella nomenclatura e nelle situazioni della serie originale – ed indizi dottrinali,scandendo un ritmo composto da sottintesi che si alternano ad effetti spettacolari,tessuti insieme sul telaio della fantascienza.
Così,al mutismo cerebrale del padre di Will,fa contrasto la scintilla intelligente di Caesar e sull’assopirsi dell’intelletto umano risalta il guizzo geniale della scimmia nata animale e fattasi come uomo.

Ma l’uomo non può farsi Dio e la sua scalata alla Torre di Babele lo porterà a confrontarsi con il frutto delle sue stesse opere e il moto che ne scaturisce è un gioco Darwiniano di sviluppo e regressione. Il regista non esita a inscenare leve psicologiche ed algoritmi persuasivi,standardizzando una narrazione che alla fine si racconta nei propri clichès,senza guizzi o stupore. Così la furia di un animale che difende il proprio figlio scoppia nell’istante in cui Jacob interviene su Will,parlando dell’enorme profitto che si può cavare dall’applicazione della terapia,come a voler sottolineare quanto il sentimento primario della maternità possa entrare in conflitto con il limite dell’interesse economico.
Non è utile cercare in “L’alba” i risvolti sociologici e politici che hanno fatto del “Pianeta” originale una favola filosofica nel cinema dell’anticipazione. Il lavoro di Wyatt vive più d’immagini che di concetti e brilla al suo meglio nell’urgenza iconologica che si fa spettacolo per questi tempi,caricato di quell’enfasi visiva che il ricorso al digitale garantisce appieno.

Convincenti e spettacolari,pure non destinate necessariamente a valorizzare una pellicola di rapido consumo,le immagini che introducono al terzo tempo sono il compendio dell’analisi grafica computerizzata.
L’invasione della città,lo sciamare del branco fra le fronde degli alberi,lo scontro con le forze della polizia e l’esercito – non vengono fatte vittime nella popolazione umana – sono sequenze di forte impatto visivo tanto virtuale quanto godibile,cui fa riscontro la splendida mimica di Andy Serkis dietro l’animazione al Mocap.
Dove messi in risalto,i simbolismi tessono suggestive immagini che si fanno linguaggio di un film che si offre senza tante ambizioni filosofiche o pretese cultuali ad un box office libero da impegni di sottoletture e disponibile ad un cinema di spettacolo ubbidiente alle regole che lo sorreggono. Allora il Golden Gate è emblematico nella sua realtà di mezzo di passaggio fra due territori e condizioni. Le scimmie lo varcheranno ed invaderanno il lato opposto.
E l’albero che il giovane Caesar scala con il permesso di Will e Caroline,per godere della propria libertà,riapparirà in epilogo con un altro significato e sarà la scala che il nuovo capo userà per elevarsi al di sopra della città degli uomini,per poterla guardare dall’alto. Alle luci di una nuova alba....

 

Commenti  

 
+2 #1 888casino 2011-09-05 14:08
L'ho visto con mio nipote di 13 anni, e' un film avvincente. I gorilla sono fatti in maniera eccezionale, al punto che ho dovuto spiegare a mio nipote piu' volte che non sono veri!!! Ha fatto fatica a credermi.
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere