Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
L'ora nera PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 65
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 19 gennaio 2012

L'ora nera
Titolo originale: The Darkest Hour
USA: 2011. Regia di: Chris Gorak Genere: Fantascienza Durata: 89'
Interpreti: Emile Hirsch, Olivia Thirlby, Max Minghella, Rachael Taylor, Joel Kinnaman, Dato Bakhtadze, Yuriy Kutsenko, Artur Smolyaninov, Nikolay Efremov
Sito web ufficiale: www.thedarkesthourisnear.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 20/01/2012
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Sconcertante
Scarica il Pressbook del film
L'ora nera su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

loranera_leggero.pngSean e Bean atterrano a Mosca per vendere ai russi il progetto di un nuovo social network, ma l’idea gli viene rubata dallo svedese Skyler. Sconfortati ma non troppo, i due sprovveduti trascorrono la serata al nightclub “Zvezda”, dove incontrano due turiste americane.
In quel momento si verifica un blackout, e migliaia di punti luminosi precipitano dal cielo: l’invasione è cominciata. Mentre gli alieni vaporizzano i superstiti riducendoli in cenere, il gruppo di sopravvissuti dovrà attraversare Mosca, nel tentativo di lasciare la città.

Il titolo originale “The Darkest Hour” allude alla celeberrima definizione di Winston Churchill, il quale, com’è noto, si riferì al drammatico momento storico in cui ebbe luogo la Battaglia d’Inghilterra, quando i nazisti rovesciarono tonnellate di bombe su Londra.
In questo caso, almeno nelle mal riposte intenzioni dei soggettisti, un’invasione aliena su scala planetaria dovrebbe rimpiazzare la Luftwaffe e i V2 del III Reich, restituendo il medesimo senso di ansia e minaccia incombente.

Nel cinema americano recente, complice l’11 settembre e le inquietudini ad esso connesse, gli alieni seminano morte e distruzione direttamente sul suolo americano (Battle: Los Angeles, Cloverfield, Skyline, la Guerra dei Mondi). Andando indietro nel tempo fino agli anni della guerra fredda, l’alieno era invece trasparente metafora della minaccia comunista e dei subdoli tentativi dell’avversario di minare le fondamenta dell’”american way of life”. Per ironica legge del contrappasso, nonché spiritoso ribaltamento dei canoni, nel caso de “L’Ora Nera” è proprio la Federazione Russa a subire l’aggressione, anche se la vicenda è narrata dalla prospettiva di un gruppo di americani.

Tutto il divertimento si esaurisce però nelle premesse iniziali, perché lo sceneggiatore Jon Spaihts intende con tutta evidenza candidarsi spontaneamente ai Razzie Awards prossimi venturi, con la fondata speranza di aggiudicarsi il riconoscimento.
Emile Hirsch (Sean) prosegue il suo viaggio “Into the Wild”, ovvero nella Mosca di Putin e Medvedev, raffigurata come un selvaggio Far West. Straniero in terra straniera, il malcapitato si ritrova in un luogo in cui non esistono leggi né regole, assai più alieno degli stessi invasori, a parte qualche rassicurante pubblicità di McDonald’s ben evidenziata.
Trattandosi della Russia, non potevano poi mancare bizzarri personaggi folkloristici, quali l’ingegnere Sergei, inventore di una risolutiva arma a microonde, e Matvei, capo della milizia russa, che grazie ai costumi di Varya Avdyushko sembrano prelevati di peso dal set di “Daywatch”.
Merito della produzione di Timur Bekmambetov, il quale ci tiene ad assicurare quel minimo di colore locale che motivi la coproduzione. Guardandosi bene dal dirigere il film, Bekmambetov affida la regia all’ex scenografo e art-director Chris Gorak, che deve fare i conti con la sconcertante insipienza della sceneggiatura.
La geniale trovata è quella dell’invisibilità degli alieni, idea che risale almeno ai tempi de “La cosa maledetta” di Ambrose Bierce, targata 1893. Gli invasori rivelano però la loro presenza ogni qual volta si trovano in prossimità di un dispositivo alimentato con l’elettricità, sia esso una lampadina, il faro di un’automobile, un tergicristallo o un cellulare.
Composti essi stessi di energia elettromagnetica, identificano gli esseri umani attraverso le onde elettriche emesse dai loro corpi, eliminandoli con letale precisione. Niente paura, perché è sufficiente ripararsi con del materiale isolante o in un’artigianale gabbia di Faraday per turlupinare la creatura.
Questa intuizione, oltre a consentire un sostanzioso risparmio sugli effetti CGI, offre a Gorak la possibilità di allestire qualche buona sequenza con un discreto livello di suspense, come quella nella Piazza Rossa.
Tanta abnegazione è però vanificata da personaggi inesistenti e dialoghi che dovrebbero costare a Spaihts l’espulsione vita natural durante dalla Screenwriters Federation of America .

La gestione delle dinamiche interne del gruppo di sopravvissuti si adagia nella più trita banalità, storia d’amore inclusa, e appare davvero disarmante l’ostinazione del cast, in primis Emile Hirsch e Olivia Thirlby, nel voler prendere sul serio la faccenda, sgranando con convinzione inascoltabili linee di dialogo.
Ma qual è il fine degli alieni? Anche qui l’ineffabile sceneggiatore rifiuta di spremersi troppo le meningi: se nel “Cowboy & Aliens” di Favreau razziavano metalli nobili come l’oro, questi ultimi sono ghiotti di rame e di tutti i metalli che conducono elettricità, di cui si nutrono con extraterrestre bulimia. Sul versante esclusivamente visivo “L’Ora Nera” non delude, ma non è abbastanza per salvare il film dal fallimento.

La fotografia di Scott Kevan (Underworld: Il Risveglio) utilizza con intelligenza la profondità di campo, la quale, esaltata dalla visione stereoscopica, dà una forte sensazione di spaesamento, rendendo l’esperienza vissuta dallo spettatore più coinvolgente del consueto.
Assai suggestivi anche gli scenari immaginati dallo scenografo Valeri Viktorov; anche se costretto dalla produzione ad includere locations turistiche (il Ponte del Patriarca, la cattedrale del Redentore etc.), dipinge un’apocalisse convincente.
Al contrario, il design character dell’alieno funziona finchè quest’ultimo è fascio luminescente, franando nel ridicolo quando, infranto lo scudo protettivo, si rivela una creatura che pare uscita da un videogame per Playstation 1.
Assistendo a “L’Ora Nera” si rimpiange persino “Skyline”, e vengono i sudori freddi pensando che l’ineffabile Spaihts è alle prese con il “Prometheus” di Ridley Scott.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere