Lunedì 26 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Melancholia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castelfranchi   
giovedì 13 ottobre 2011

Melancholia
Titolo originale: Melancholia
Danimarca, Svezia, Francia, Germania: 2011. Regia di: Lars von Trier Refn Genere: Fantascienza Durata: 130'
Interpreti: Kirsten Dunst, Charlotte Gainsbourg, Kiefer Sutherland, Charlotte Rampling, Alexander Skarsgård, Stellan Skarsgård, Udo Kier, John Hurt, Brady Corbet
Sito web ufficiale: www.melancholiathemovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 21/10/2011
Voto: 8,5
Trailer
Recensione di: Daria Castelfranchi
L'aggettivo ideale: Cosmico
Scarica il Pressbook del film
Melancholia su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

MelancholiaDiverso dalle precedenti opere di Lars Von Trier, Melancholia è tante cose: è un film sulla fine del mondo, sulla depressione, sulla solitudine, sul coraggio.
E’ una tragedia wagneriana, è romantico e gotico. E’angosciante e commovente.
E’ un’opera polivalente, che amalgama in maniera artistica elementi di vari generi cinematografici e narrativi.

L’ouverture del film consiste in una serie di immagini strabilianti, sovrastate dalla travolgente musica del Tristano e Isotta di Wagner: ritratti che sembrano scatti di Helmut Newton e fermi immagine di una bellezza straziante, lasciano il posto a un intenso rallenty che immortala la fine del mondo. Tutto quello che sta in mezzo è il racconto di come si arriva a questa drammatica conclusione.
Un racconto che poggia su una fotografia di eccezionale bellezza che cattura cavalcate nella nebbia, due pianeti che rischiarano la notte, Melancholia che incombe all’orizzonte.
Meraviglie della tecnica in un film poderoso che, per tanti aspetti, ricorda il capolavoro di Kubrick “2001: Odissea nello spazio”.

Il cast è stellare e annovera, in primis, una coppia di attrici di grande talento: Kirsten Dunst, che per questo film ha vinto la Palma d’Oro come Miglior Attrice all’ultima edizione del Festival di Cannes, e Charlotte Gainsbourgh, che interpreta il suo personaggio con grande intensità. Sono due sorelle, due donne diverse: una, Justine, è perennemente depressa e non riesce a dare un senso alla sua vita neanche con il matrimonio.
L’altra, Claire, ha un marito e un figlio, ama la vita e la affronta con decisione. Ma cosa succede quando un pianeta enorme di nome Melancholia, è in procinto di colpire la Terra? Justine affronta la fine del mondo con calma serafica, con la consapevolezza di chi si aspetta sempre il peggio. Per Claire è una sofferenza devastante sapere che la vita sta per finire. Ognuno reagisce a modo suo all’imminente tragedia. E a noi non resta che un’angoscia di fondo.

Nella prima parte, dedicata a Justine, il regista analizza la depressione di una donna che, nel giorno del suo matrimonio, si addormenta e fa un bagno caldo, mentre gli invitati attendono il taglio della torta. Gli intensi primi piani dell’attrice esplorano il suo stato d’animo, il suo non riuscire a sentirsi parte della realtà che la circonda.
L’intero segmento del film mostra una bellissima Kirsten Dunst avvolta in un vaporoso abito bianco, rapita dall’immensità del cosmo.
La seconda parte, intitolata Claire, narra l’attesa angosciosa della fine del mondo, dell’impatto di Melancholia con il pianeta Terra. Un impatto che il regista ha mostrato all’inizio e che lo spettatore spera fino all’ultimo che non avvenga.
Justine abbandona l’apatia per una saggia rassegnazione che le fa affrontare il tutto con maggiore lucidità rispetto alla sorella Claire, che tenta la fuga ma alla fine non può fare altro che accettare il tragico destino.

Se nella prima parte il regista si lascia andare ad un racconto intriso di romanticismo - vedi la splendida location (un maestoso castello in Svezia) o le lanterne che fluttuano luminose nella notte - nella seconda parte prende in giro il pubblico con un falso allarme e poi lo fa precipitare negli abissi della paura, con un’atmosfera gotica, da film horror. Il risultato è un’inquietudine di fondo che pervade il racconto dall’inizio alla fine.
L’impianto visivo del film è grandioso, una vera opera d’arte: la macchina a spalla si avverte di rado e i campi lunghi colgono contemporaneamente l’immensità dell’universo e la solitudine dell’uomo.

Lars Von Trier allontanato dal Festival di Cannes per parole inopportune sul nazismo. Lars Von Trier regista di pellicole che seguivano i dieci punti del Dogma ’95. Ed ora, di quelle regole non resta nulla: tutto è stato rinnegato in favore di un cinema forse meno d’autore ma, sinceramente, più gradevole.
Anche perché, diciamocelo, ci sono tanti mezzi meravigliosi e tecnicamente avanzati: perché non sfruttarli se questo può dar vita ad un grande film?

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere