Martedì 27 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Melancholia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
lunedì 05 marzo 2012

Melancholia
Titolo originale: Melancholia
Danimarca, Svezia, Francia, Germania: 2011. Regia di: Lars von Trier Refn Genere: Fantascienza Durata: 130'
Interpreti: Kirsten Dunst, Charlotte Gainsbourg, Kiefer Sutherland, Charlotte Rampling, Alexander Skarsgård, Stellan Skarsgård, Udo Kier, John Hurt, Brady Corbet
Sito web ufficiale: www.melancholiathemovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 21/10/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Personale
Scarica il Pressbook del film
Melancholia su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

Melancholia e il male di vivere di Lars Von Trier

Melancholia“Melancholia” ha in sé la migliore immaginazione dell’artista e raffigura la melanconia che lo accompagna per periodi più o meno lunghi della sua vita.
Il regista, sceneggiatore, attore, direttore della fotografia e montatore danese soffre di depressione e solo quando è sul set impegnato nel realizzare un film riesce a tenere a bada i suoi demoni.
L’idea che sta alla base del film nasce dal suo interesse per i comportamenti dei depressi: “Il mio analista mi ha detto che nelle situazioni disperate i depressi tendono a restare più calmi delle persone normali, perché si aspettano sempre il peggio!” ha dichiarato.
Da questo input iniziale sono partite le sue ricerche sulle collisioni cosmiche e su quali tipi di personaggi utilizzare per dare forma alle sue idee apocalittiche.

Von Trier sceglie di mettere sotto l’occhio dei riflettori due sorelle, ma soprattutto due stati d’animo. Il film è diviso in due parti: una dedicata a Justine e l’altra a Claire. Justine è una giovane donna depressa, che si sforza di vivere una vita normale accettando di sposarsi, ma i suoi buoni propositi vanno in frantumi, sovrastata dal suo malessere. Claire è sposata, ha un figlio ed è felice, ma quando il pianeta Melancholia si avvicina alla Terra e il rischio della fine del mondo si concretizza, è lei che va in crisi e perde il controllo di sé. Justine al contrario ritrova la calma e la lucidità, pronta ad affrontare la situazione, perché riflette il suo aspettarsi sempre le cose peggiori e non avere nulla da perdere, diversamente dalla sorella. Sono delineati due diversi stati d’animo, che diventano interscambiabili e vicini.
Molto suggestiva, tanto da immergere lo spettatore in una diversa dimensione, è la musica dell’ouverture di “Tristano e Isotta” di Wagner, che apre il film, coniugata alle visioni di Justine e alle immagini di una collisione cosmica, splendidamente rappresentate. È una dichiarazione di intenti: Lars Von Trier ci mostra in apertura cosa accadrà, come la storia finirà. Ciò che lascia inchiodati alla poltrona è proprio il vedere come.
Il regista ha voluto che l’interesse si muovesse sui personaggi, più che sul racconto in sé: in che modo questi reagiscono alla fine imminente.

Justine è assente, con lo sguardo perso nel vuoto, per quasi tutta la festa del matrimonio, organizzatale dalla sorella e dal marito, che le chiedono se è felice, perché solo il suo si può dare un senso al dispendio di energie profuso per l’occasione.
Gli invitati sembrano delle comparse, delle marionette che Justine ha messo in moto optando quella scelta, quando decide di porre fine alla farsa le comparse si accomiatano (marito compreso).
Quello tratteggiato da Von Trier è un personaggio schietto, che non ha paura di mostrare i suoi stati d’animo, inizialmente cercati di ingabbiare da coloro che le stanno accanto suggerendole cosa debba provare.
Presentato in Concorso al Festival di Cannes Kirsten Dunst (Justine) ha vinto il premio come Miglior Attrice Protagonista. Dunst regala una performance splendida, permettendo allo spettatore di comprendere il suo malessere e, al tempo stesso, lasciando che si interroghi su cosa l’abbia portata fin lì.
Charlotte Gainsbourg (Claire) non smentisce le sue doti drammatiche, sottolineando efficacemente i diversi stati emotivi del suo personaggio.

Lars Von Trier riesce nuovamente a stupire il suo pubblico, diventato sempre più grande soprattutto da “Dancer in the Dark” (2000), il cui successo gli ha permesso di poter avere Nicole Kidman per il film successivo l’originalissimo “Dogville” (2003).
“Melancholia” è la sua opera più personale, ispirato a quel male di vivere che il regista condivide con Justine.
“Justine mi somiglia molto. Il personaggio è ispirato a me e alle mie esperienze di profezie apocalittiche e di depressione” ha dichiarato.

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere