HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Fantascienza arrow Outlander – L’Ultimo Vichingo
Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Outlander – L’Ultimo Vichingo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 15
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
sabato 13 giugno 2009

Outlander – L’Ultimo Vichingo
Titolo originale: Outlander
USA, Germania: 2008 Regia di: Howard McCain Genere: Fantascienza Durata: 115'
Interpreti: Jim Caviezel, John Hurt, Jack Huston, Sophia Myles, Cliff Sanders, Ron Perlman, Patrick Stevenson
Sito web: 
Nelle sale dal: 03/07/2009
Voto: 5,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
Scarica il film gratis - per velocizzare il download usa Speed Downloading!

outlander_leggero.jpgNell’anno 709, l’astronave di Kainan precipita in un lago norvegese.
Resosi conto di essere l’unico sopravvissuto, l’uomo viene ben presto fatto prigioniero dai Vichinghi di Re Rothgar, che lo conducono ad Herot per interrogarlo, sospettandolo di aver preso parte alla distruzione di un vicino villaggio.
Sull’astronave era infatti presente anche un Moorwen, una creatura proveniente da un altro pianeta, che, libera sulla terra, inizia a mietere morte e distruzione.
Vinta l’iniziale diffidenza reciproca, Kainan si unirà ai Vichinghi per sconfiggere il mostro.

L’idea di un virtuale crossover tra “Beowulf” ed “Alien”, dove si mette in scena uno scontro all’ultimo sangue tra nerboruti vichinghi e alieni dallo sviluppato istinto predatorio, era suscettibile di risolversi in un sottoprodotto alla Uwe Boll, destinato ad un rapido oblio.
E invece questo “Outlander” è una spanna sopra rispetto a consimile immondizia, come il “Pathfinder” di Marcus Nispel, il tremendo “Wolfhound” del russo Nikolai Lebedev, e persino del ridicolissimo “Beowulf” di Zemeckis, nefasto trionfo di kitsch digitale.
Sembra che l’idea del film sia venuta al regista Howard McCain, autore di un paio di Tv-movie negli anni ’90 e in seguito sceneggiatore del discutibilissimo “Underworld: Rise of the Lycans”, proprio dopo la lettura del “Beowulf”, ma che soltanto dopo l’incontro con lo sceneggiatore Dirk Blackman, che si è premurato di inserire elementi fantascientifici, lo script abbia assunto una forma definitiva.
Una volta ridimensionate le ambizioni iniziali (locations in Nuova Zelanda, effetti speciali della Weta Workshop), McCain si è dovuto accontentare del Canada (Halifax e Nuova Scozia) e del character design di Patrick Tatopolous (I Am Legend, Silent Hill), che qui appare meno ispirato del solito.
Sul versante strettamente teratologico, infatti, il Moorwen appare derivativo: una sorta di parente povero delle prodigiose cucciolate xenomorfe di H.R.Giger. Nonostante questo, la creatura svolge dignitosamente il suo compito, anche nella sua versione notturna, policroma e luminescente, e dimostra un’invidiabile competenza quando si tratta di predare esseri umani. Senza contare che il Moorwen riscuote anche una certa simpatia, essendo l’ultimo superstite della sua razza dopo uno sconsiderato genocidio ad opera degli uomini, in cerca dell’ennesimo pianeta da colonizzare.

Il cotè fantascientifico, oltre a giustificare la presenza del mostro nella Norvegia dell’VIII secolo e a donare al tutto il giusto grado di eccentricità, offre anche alcuni vantaggi non disprezzabili: per esempio, complici ordigni cibernetici alla “Matrix”, Kainan non deve sopportare l’incombenza di apprendere la lingua norrena in 24 ore, come faceva l’improbabile Banderas de “Il 13° Guerriero”.
L’impianto della sceneggiatura è di una rassicurante banalità: Kainan è in competizione con Wulfric, l’erede designato di Re Rothgar, non solo perché quest’ultimo vede nello straniero una minaccia alla sua supremazia di maschio dominante, ma anche per l’amore di Freya, unica figlia del Re.
Non è certo l’imprevedibilità il pregio di “Outlander”, ma è proprio il volgere i luoghi comuni a proprio vantaggio e l’adagiarsi con una certa grazia su una struttura consolidata, senza annoiare o provocare ripulsa.
Lo spettatore accorto potrà infatti indovinare tutte le svolte di sceneggiatura, finale compreso, senza timore di essere smentito. L’inaspettato triangolo pseudo-fantasy sarà vivacizzato da gustose sfide (la corsa sugli scudi), intermezzi romantici, lacrimosi flashback, acerrimi scontri tra tribù nemiche, una buona dose di amicizia virile e eroici sacrifici con la benedizione di Odino, il tutto inseguendo un respiro epico che non viene mai raggiunto, se non a buon mercato.

McCain, considerati gli evidenti limiti di budget, fa miracoli senza mai cadere nella cialtroneria, anche grazie alle convincenti scenografie di David Hackl, povere senza essere raffazzonate, e ai credibilissimi costumi di Debra Hanson (Beowulf & Grendel). Certo, la regia inanella una serie di citazioni con fervore enciclopedico, da “Alien” a “Predator” passando per “The Descent” e per il “Rogue” di Greg McLean, ma le scene di azione risultano tutto sommato convincenti e McCain riesce a mantenere un minimo di tensione, anche nell’ovvietà generale.
Jim Caviezel (il famigerato Cristo di Mel Gibson) è un Kainan eccessivamente granitico e sofferente, mentre più persuasivi sono Jack Huston (Wulfric) e Sophia Myles (Freya).
Ron Perlman  appare sprecato nel breve ruolo di Gunnar, nemico giurato di Rothgar, ma naturalmente è proprio John Hurt, nei panni del re, a mangiarsi tutti a colazione.
Considerato il livello non eccelso dei dialoghi, Hurt riesce nell’arduo compito di vivacizzarli, dando mostra di classe sopraffina.
Se “Outlander”, con il suo gusto per l’ibridazione dei generi, fosse stato diretto da un regista più talentuoso, avremmo avuto un risultato simile al “Doomsday” di Neil Marshall.
Invece ci si trova in presenza di un decoroso B-Movie, ideale per una serata estiva.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere